Art.34 bis

messaggio inserito giovedì 5 maggio 2022 da Ivo

Ivo : [post n° 460709]

Art.34 bis

Buongiorno a tutti.
Dopo colloquio con il tecnico comunale circa la possibilità di inserire delle lievi difformità fatte in fase costruttiva ad inizio 2003 dal costruttore, in art. 34 bis comma 2 per una perizia dove devo attestare lo stato dei luoghi per una vendita degli attuali proprietari in quanto presente un giudice tutelare, dove risulta un muro spostato di 20 cm rispetto l'ultima variante e un piccola risega per un cavedio,mentre il catastale allegato al fine lavori risulta corretto.

Il tecnico mi rimbalza dicendo che se ritengo rientra in art. 34 c.2 non posso protocollare nulla poiché il comune non accetta dichiarazione sullo stato dei luoghi se non abbinata ad una pratica edilizia.
Ma che la scelta se dichiarare questo o fare una cila in sanatoria è mia...non rispondendo in pratica e lasciandomi nella situazione iniziale

Cosa fareste? Andreate in sanatoria o no. E nel caso di art. 34 bis c.2 come dovrei tutelarmi?

Grazie
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.