REGIME DEI MINIMI E FATTURE ALL'ESTERO

messaggio inserito domenica 3 aprile 2011 da MONICA

MONICA : [post n° 258985]

REGIME DEI MINIMI E FATTURE ALL'ESTERO

Ciao a tutti, ho bisogno di un aiuto sulla fattura.
Appartengo al regime dei minimi e di solito faccio fatture in Italia ma ora devo emettere una fattura per la Cina e non so esattamente quali sono le voci e le diciture da indicare.
Immagino che siano solo:
Parcella, inarcassa e bollo, quindi niente Ritenuta d'acconto ne Iva, giusto?
Ma la dicitura solita "Operazione effettuata ai sensi dell'articolo 1, comma 100, della legge finanziaria per il
2008 (244/2007)" si deve mettere?
Grazie a chi vorrà aiutarmi
ambaraba :
Sei un contribuente italiano? A logica dovrebbero valere le stesse regole di una fattura emessa per un soggetto in Italia, ovvero sei nel regime minimi allora inserisci il tuo imponibile, il contributo inarcassa al 4% ma anche ritenuta di acconto, e niente IVA.
Monica :
Ma, ambaraba, in realtà qualcuno mi ha detto che un soggetto starniero non può essere sostituto di imposta e qundi non ha enso che mi trattenga il 20% della mia fattura, per questo avevo capito che in fattura non lo metto e poi lo pagherò io in fase di dichiarazione dei redditti, ma volevo esserne sicura...
stea :
In fattura devi indicare solo l'importo; non c'è ne IVA ne ritenuta d'acconto e nemmeno Inarcassa (sono tasse italiane che non hanno corrispondenza all'estero), quindi questo significa che nella fattura non c'è distinzione tra netto e lordo perchè sono la stessa cifra. Spero di essere stata chiara!Cmq ti consiglio di rivolgerti ad un commercialista, queste questioni sono abbastanza complesse.....
Kia :
Scusa Stea, ma perchè Inarcassa nn la dovresti mettere? Io vedo le fatture fatte a clienti (privati) stranieri (che hanno seconde case qui ma vivono in U.K.) qui in studio e sono uguali identiche a quelle che faresti ad un cliente italiano, inarcassa compresa (che nn è una tassa come dici tu ma sarebbe la nostra cassa previdenziale).
stea :
Quello che ti ho scritto vale per fatture fatte a soggetti con partita iva estera senza alcuna sede in Italia. Nel tuo caso mi sembra diverso. Faccio le fatture così seguita dalla mia commercialista che ha molta esperienza in questo senso.
ambaraba :
Si ho detto una scemenza, il 20% su irpef non può essere trattenuto ma il contributo inarcassa non può non essere messo. Fai comunque una telefonata al commercialista.
matteo.s :
Si tratta di una fattura fatta ad un soggetto con sede legale extra CEE per lavori eseguiti in un paese extra CEE?

Allora in fattura devi indicare solo la cifra netta del lavoro/attività svolta.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.