contributi a INPS o INARCASSA?

messaggio inserito martedì 9 dicembre 2014 da mattc85

[post n° 353132]

contributi a INPS o INARCASSA?

buonasera a tutti,
premetto che sono iscritto alla gestione separa inps dal 2003. A fine ottobre 2014 ho terminato con un contratto a progetto un percorso lavorativo con cui versavo all'INPS i contributi. Ad inizio novembre 2014 mi sono iscritto all'albo all'Ordine degli Architetti, ho aperto la partita iva e in teoria dovrei quindi iscrivermi ad inarcassa.
Domanda: devo comunicare all'INPS che verserò i contributi ad inarcassa oppure in automatico iscrivendomi ad inarcassa decade l'iscrizione all'INPS e quindi il successivo versamento dei contributi?

Grazie in anticipo!
:
Secondo me devi cancellarti dalla gestione separata comunicandolo all'INPS
:
Io ti consiglio, se non lo hai già fatto, di contattare InarCassa.
In alternativa, puoi chiedere al tuo commercialista.
:
il commercialista non sa niente di contributi previdenziali perchè non sono tasse. Se versi a inps o inarcassa a lui poco gli frega. Sei sicuro che allo scadere del contratto a progetto non ti abbia cancellato (chiuso la posizione) già il consulente del lavoro del tuo datore precedente? a me è successo così.
:
Forse il tuo!
:
Ho chiamato inarcassa e mi hanno rimbalzato la patata bollente all'inps. Chiamo l'inps e il tizio del call center non sapeva niente e mi ha suggerito di scrivere dalla mia area privata col servizio inps risponde: secondo voi mi hanno risposto? No. Riguardo alla cancellazione non ho trovato nulla neanche sul sito dell'inps e credo che non sia possibile. L'unica cosa che posso fare è iscrivermi ad Inarcassa allegando una dichiarazione sostitututiva di atto notorio dove dichiaro che il mio contratto a progetto è scaduto a fine ottobre naturalmente (allegandolo), in modo tale da fargli presente la fine naturale del contratto e la relativa cessazione del versamento dei contributi ad inps. Speriamo vada bene così. Vi terrò aggiornati (sperando che non arrivino cartelle esattoriali da pagare a fine anno!).
:
Ti consiglio di telefonare ancora al call center dell'INPS che di solito sono abbastanza preparati oppure di recarti in qualche loro ufficio per non rischiare.
:
Nel dubbio, potresti inviare di tua iniziativa una comunicazione all'INPS tramite PEC oppure attraverso la classica raccomandata con ricevuta di ritorno.
:
Nel dubbio, potresti inviare di tua iniziativa una comunicazione all'INPS tramite PEC oppure attraverso la classica raccomandata con ricevuta di ritorno.
:
@gioma: scusa, ma lo dico a ragion veduta in quanto le buste paga, l'iscrizione alla gs e le attivazioni dei contratti co.co.pro le fa solitamente un consulente del lavoro.....
:
finalmente l'INPS mi ha risposto. Forse l'ultima frase è chiarificatrice.

Gentile utente,
con riferimento alla Sua richiesta con numero di protocollo INPS.CCBFF.09/12/2014.5637216 del 09/12/2014 23:23:04,

Le comunichiamo quanto segue:

La Gestione Separata è ispirata a due principi fondamentali
PRINCIPIO DI CASSA
I compensi percepiti concorrono a formare il reddito dell’anno solare in cui sono riscossi, indipendentemente dal momento in cui si è avuta la prestazione lavorativa.


ACCREDITO CONTRIBUTIVO
(L. 335/95, art. 2, c. 29 – circ. 83/97)

Coerentemente col principio di cassa, cui la Gestione è ispirata, i contributi vengono accreditati nell'estratto conto del lavoratore nell’anno in cui sono stati pagati i compensi cui si riferiscono, indipendentemente da quando essi sono maturati (ovvero indipendentemente da quando si è svolta l'attività lavorativa).

L’accredito viene riconosciuto per mesi di copertura.

Nella Gestione Separata si versa solo sul reddito effettivamente percepito, non esiste cioè, a differenza di quanto avviene nelle Gestioni Artigiani e Commercianti, un reddito minimale su cui versare obbligatoriamente.
Tuttavia tale reddito minimale, previsto nell'anno di riferimento per artigiani e commercianti (v. tabella minimali), è assunto come valore di riferimento per la determinazione della copertura contributiva, ovvero:

se nell'anno si consegue un reddito almeno pari a quello minimale, sul quale quindi viene versata la relativa contribuzione, si ha diritto alla copertura contributiva completa di 12 mesi;
in caso contrario i mesi di copertura sono contratti in proporzione ed accreditati a decorrere dal mese di gennaio,indipendentemente dal mese o dai mesi dell’anno in cui i compensi vengono percepiti. Solo per il primo anno di iscrizione alla Gestione Separata, l'accredito contributivo decorre dal mese di iscrizione.

Naturalmente, ai fini del calcolo dei 12 mesi di copertura, data la diversità di aliquote cui si può essere soggetti nell’anno a seconda della propria situazione contributiva , non esiste un contributo minimo fisso e uguale per tutti ma solo un reddito minimo di riferimento su cui calcolarlo.

In base alla suddetta normativa la gestione separata non ha chiusura essendo una cassa in attivo solo con un reddito effettivamente percepito e quindi una contribuzione relativa

La ringraziamo per aver utilizzato il servizio INPSRisponde,
non esiti a contattarci per ulteriori richieste.
:
Io ero nella tua stessa situazione ma ti parlo di 10 anni fa; all'iscrizione all'ordine mi avevano fatto compilare un modulo in cui si comunicava all'inps la chiusura della gestione separata in quanto iscritta a inarcassa. Non so se è ancora così
:
ma quindi funziona che si chiude in automatico la posizione? a leggere sembra così.
:
Si kia funziona così,anche io un paio di anni fa quando mi sono iscritta all'ordine non ho dovuto comunicare niente all'inps. E per il tema commercialista ti dico che quando ero in gestione separata i calcoli dei contributi da versare me li ha sempre fatti la commercialista,così valeva anche per mio padre che versava all'inps,non gestione separata,,quando lavorava(era edicolante).Con i nostri stipendi da schiavo chi è che si può permettere di pagare il commercialista e il consulente del lavoro??!!
:
scusa Eli71 ma sono d'accordo con te che se sei edicolante quindi un autonomo te li calcola il commercialista!! mica sei assunto da te stesso! Ma se hai un co.co.pro quindi sei assunto da uno studio o da una azienda, hai una busta paga. E quella la fa il consulente del lavoro e ci mette dentro ritenute e contributi.
Quindi proprio stiamo parlando di cose diverse.
:
Io dicevo solo che anche io in gestione separata non avevo co.co.pro ma partita iva da disegnatore e i calcoli me li faceva la commercialista.Poi sono d'accordo che il co.co.pro è una cosa diversa e su quello non dico niente perchè non so come funziona.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.