Cambio regime = cambio compenso?

messaggio inserito giovedì 6 luglio 2017 da Camilla

Camilla : [post n° 398838]

Cambio regime = cambio compenso?

Salve a tutti, avrei bisogno di un consiglio su come è più corretto procedere.
L'anno scorso ho aiutato una collega con un lavoro commissionatole da uno studio. Io non ero ancora iscritta all'albo e ci eravamo accordate per una collaborazione occasionale, per la quale avevamo stabilito la cifra netta su cui lei (titolare di partita iva) avrebbe quindi dovuto aggiungere il 20% per la mia ritenuta d'acconto.
Il pagamento dallo studio a lei è arrivato solo pochi giorni fa, circa un anno dopo, ed io nel frattempo mi sono iscritta all'albo ed ho aperto partita iva.
A questo punto quanto dovrei chiederle? Considerando che sono in regime forfettario in teoria avrei da aggiungere alla cifra netta solo il 4% del contributo integrativo. Però c'è da dire che avrò da pagare le spese di inarcassa e i contributi irpef se pur minimi. Inoltre, quando lei ha presentato la parcella allo studio committente, ha fatto i conti considerando che quel che doveva dare a me era la cifra netta concordata+20%.
Vorrei essere sicura che chiedere il netto concordato + 20% sia la cosa giusta anche se io ho cambiato regime (anche perché molto probabilmente contesterà).
Grazie
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.