Asseverazione della congruità delle spese BONUS FACCIATE

messaggio inserito lunedì 22 novembre 2021 da Tommy80

Tommy80 : [post n° 453712]

Asseverazione della congruità delle spese BONUS FACCIATE

Buongiorno, con il nuovo decreto dal 12 novembre 2021 anche per accedere al bonus facciate è prevista l'asseverazione della congruità delle spese da parte di un tecnico abilitato. Mi è stato richiesto da un'Impresa questa asseverazione. Che importo dovrei chiedere come parcella per questa asseverazione? grazie
archspf :
Prevedere importi coerenti con quelli determinabili in base al DM 17 Giugno 2016, secondo la guida OICE sui corrispettivi Superbonus.
G.A. :
Piuttosto che pensare al corrispettivo da chiedere, mi guarderei bene da ciò che è stato scritto nel C.M.E. (quantità) e come i prezzi siano stati desunti (preziario Regionale di riferimento o analisi prezzi mediante Prezziari DEI). E' importante che sia stato determinato a misura e non a corpo.
archspf :
Aggiungo che in via prudenziale si dovrebbe evitare di asseverare un computo elaborato da terzi.
desnip :
Scusate, faccio l'avvocato del diavolo.
Se viene richiesto di asseverare la "congruità" di un prezzo rispetto a un determinato prezzario, perchè entrare nel merito di come è fatto il computo e come sono fatte le misurazioni?
Altra cosa è se viene richiesto di firmare o asseverare un computo...
archspf :
Per quello che mi riguarda ho sempre ritenuto che l'asseverazione della congruità debba essere intesa nel senso più ampio della della "veridicità delle attestazioni": diversamente si avrebbe il paradosso di poter asseverare prezzi congrui su misurazioni gonfiate.
etabeta :
ciao a tutti,
se si legge bene la frase del decreto anti frodi riferita all'asseverazione del tecnico abilitato.... dice che il tecnico abilitato deve rilasciare "asseverazione di congruità delle spese sostenute" quindi secondo la mia interpretazione tu firmi anche il fatto che quelle spese siano detraibili oppure no....e anche le quantità.... ma è una mia interpretazione.... (se no' ci sarebbe stato scritto che il tecnico asseverava i prezzi del computo)....
archspf :
@etabeta. Non è (solo) una tua interpretazione, stà proprio nel significato di "asseverazione di congruità delle spese sostenute" ;-)
Dato che è una "costola" del EuperEcobonus ed Ecobonus (quest'ultimo dal 6 ott 2020), la prassi consolidata è la seguente:
- il prezzo congruo è quello determinato in base all'art. 13 comma 1 lettere a) [prezzari] b) [analisi prezzi] dell'allegato A al Decreto Requisiti Tecnici e art. 13 comma 2 [famoso Allegato I] per i casi in cui l'asseverazione può essere sostituita dall'attestazione del fornitore, per ogni lavorazione.
- nei casi in cui sia previsto un massimale di spesa (o detrazione), va da sè che la somma dei prezzi congrui per definire la detraibilità della spesa (o la spesa massima ammissibile) deve essere pari o inferiore a quella indicata per ciascuna categoria di intervento (Allegato B per il ramo ecobonus/superbonus).

Rimane implicito che l'asseverazione si riferisca alla "costruzione" di un valore di costo dato dal moltiplicare il prezzo congruo della lavorazione per la relativa quantità, verificando che ogni voce pagata dal contribuente relativa all'offerta dell'impresa (o spesa sostenuta posa + spesa sostenuta acquisto forniture: in questo caso "residuale" per mia logica deduzione dal momento che non sono rari i casi in cui l'impresa, non essendo peraltro obbligata, assuma anche l'onere di acquisto per conto del committente nella formula di "fornitura & posa" e dunque il cliente compra in prima persona i materiali) sia minore o uguale, ovvero come si dice "a concorrenza" del valore, stabilito che le eccedenze (per singola voce e/o rispetto al totale) sono a carico del committente.

Per tale ragioni è impensabile che:
a) io asseveri il computo di un altro: la mia filosofia è "all or nothing" in questo caso;
b) non verifichi quantomeno che le quantità e le lavorazioni siano coerenti (e poi congrue): questo forse per eccesso di prudenza o semplice deformazione personale;

Per chiudere, il "ci sarebbe stato scritto che il tecnico asseverava i prezzi del computo", non è esplicito ma implicito nella stessa operazione.
etabeta :
concordo
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.