Un progetto per ridare vita al Complesso Al-Nouri di Mosul

concorso internazionale di progettazione - procedura aperta

pubblicato il:

Iscrizioni entro il 21 dicembre 2020 | Consegna entro il 26 marzo 2021

Per inviare un forte segnale di resilienza e speranza, come primo passo verso la coesione sociale e la riconciliazione nell'Iraq post-conflitto, l'UNESCO, il Ministero della Cultura iracheno e il Fondo sunnita iracheno, sostenuti finanziariamente degli Emirati Arabi Uniti, si sono impegnati a dare nuova vita al complesso Al-Nouri di Mosul - gravemente danneggiato nel 2017-  e invitano i team di tutto il mondo a partecipare al concorso di progettazione volto ad individuare il progetto di ricostruzione e restauro rispondente alle nuove esigenze di rivitalizzazione del territorio.

Mosul -  che in arabo significa "il punto di collegamento" - è nota nel mondo per essere una delle città più antiche, oggi all'inizio di un complesso processo di recupero. In tal senso, la ricostruzione di questo importante punto di riferimento della città è di massima importanza per trasmettere un forte segnale di resilienza e speranza, come primo passo verso la coesione sociale e la riconciliazione nell'Iraq postbellico.

Il recupero del complesso della Moschea Al-Nouri necessita di un progetto concettuale che preveda la realizzazione di nuovi edifici con funzioni diverse, il restauro dei tre i suoi edifici storici e la loro integrazione con le nuove strutture (per attività educative, sociali e culturali) e, infine, il disegno paesaggistico dell'intero sito.

Tra gli obiettivi del concorso vi è quindi la necessità di individuare una soluzione in armonia con l'architettura tradizionale della Città Vecchia di Mosul, tenendo conto dell'integrità e dell'autenticità del Complesso.

Allo stesso tempo, l'intervento dovrà rappresentare un'oasi di pace e tranquillità per i fedeli e un vivace centro per la comunità. Il progetto dovrà, inoltre, mostrarsi rispettoso dell'ambiente, attraverso l'utilizzo di materiali locali e tenendo conto delle condizioni climatiche.

I lavori di ricostruzione inizieranno immediatamente dopo la proclamazione dei vincitori e dovrà essere ultimato entro 27 mesi.

A chi si rivolge

Approvato dall'Unione Internazionale degli Architetti (UIA), il concorso invita architetti o team di architetti e ingegneri o società di ingegneria a presentare le proprie proposte progettuali.

Nello specifico, i team di progettazione dovranno rispettare i seguenti requisiti:

  • il team leader dovrà essere un architetto con comprovata esperienza di almeno 5 anni nel campo della ricostruzione o della costruzione in contesti storici
  • avere almeno un giovane architetto con 1-2 anni di esperienza
  • presentare almeno due progetti completati, dall'ideazione alla realizzazione
  • avere almeno un esempio di progetto di edificio realizzato in contesto storico

Giuria

  • Howayda Al-Harithy (Arabia Saudita) | Professore di Architettura e Direttore della School of Design dell'Università americana di Beirut
  • Ahmed Yousif Mahmood Alomary (Iraq) | Capo del dipartimento di ingegneria architettonica presso l'Università di Mosul
  • Raya Ani (Iraq) | FAIA, LEED AP, Fondatore e Direttore del design presso RAW-NYC Architects
  • Xavier Casanovas (Spagna) | Esperto di rigenerazione urbana e riabilitazione sostenibile e professore all'Università Politecnica della Catalogna
  • Amel Chabbi (Emirati Arabi Uniti) | Capo della Conserva on Sec on presso il Dipartimento della Cultura e del Turismo dell'Emirato di Abu Dhabi
  • Shahira Fahmy (Egitto) | Architetto, urbanista, ricercatore creativo e fondatore di Shahira Fahmy Architects
  • Dominique Perrault (Francia) | Architetto, fondatore di Dominique Perrault Architecture (DPA)
  • Wang Shu (Cina) | Co-fondatore di Amateur Architecture Studio
  • Marina Tabassum (Bangladesh) | Preside di Marina Tabassum Architetti
  • Jerzy Uścinowicz (Polonia) | Professore di Architettura e Capo della Divisione di Architettura delle Culture Locali presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Tecnologia di Białystok.
  • Doris Wälchi (Svizzera) | Direttore di Brauen Wälchi Achitects

Premi

Il montepremi complessivo è di 125.000 USD, suddivisi in:

  • 1° classificato: 50.000 USD
  • 2° classificato: 30.000 USD
  • 3° classificato: 20.000 USD
  • 4° classificato: 15.000 USD
  • 5° classificato: 10.000 USD

I vincitori saranno resi noti il 15 aprile 2021

Bando e documentazione
[ en.unesco.org ]