Scadenzario con «date uniche» sui siti della P.A.

messo a punto il Dpcm che dettaglia le modalità di pubblicazione

Ogni sito web istituzionale delle pubbliche amministrazioni deve avere uno scadenzario degli obblighi amministrativi diviso in due sezioni: una per le imprese ed una per i cittadini.

La novità è dettagliata in un decreto del presidente del Consiglio, adottato su proposta del ministro per la Pubblica amministrazione Gianpiero D'Alia, che spiega le modalità di pubblicazione delle "date uniche" di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi.

Le «date uniche» nel decreto «del fare»

Quella delle "date uniche" è una semplificazione introdotta dal decreto «del fare» ed è già in vigore. In particolare la pubblica amministrazione ha l'obbligo di fissare la data di decorrenza degli obblighi amministrativi introdotti a carico di cittadini ed imprese, al 1° luglio o al 1° gennaio successivi alla loro entrata in vigore. Ad esclusione di particolari casi d'urgenza, in cui si richiede un'azione veloce, tutti i nuovi obblighi amministrativi dovranno dunque avere efficacia a partire da una di queste due date.

L'obbligo vale per gli atti normativi del governo, per i regolamenti ministeriali e per gli atti amministrativi a carattere generale di amministrazioni dello Stato, di enti pubblici nazionali, di agenzie che operano al servizio delle amministrazioni pubbliche.

Che cosa si intende per obblighi amministrativi?

Sono quegli obblighi che impongono la raccolta, la presentazione o la trasmissione alla pubblica amministrazione, da parte di cittadini e imprese, di informazioni, atti e documenti (ad esempio domande, certificati, dichiarazioni, rapporti, etc.) oppure la tenuta di dati, documenti e registri.

La pubblicazione sui siti istituzionali

Il decreto «del fare» stabiliva che lo scadenzario degli obblighi amministrativi fosse pubblicato sul sito istituzionale delle amministrazioni competenti e su quello del dipartimento della Funzione pubblica, demandando poi ad un apposito decreto la definizione delle modalità di pubblicazione.

Ora il decreto (Dpcm) è stato messo a punto e si attende la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Entro 30 giorni dalla pubblicazione del Dpcm in Gazzetta, su ogni sito web istituzionale delle Pa, nella sezione "Amministrazione trasparente", dovrà essere creata un'apposita area denominata "scadenzario dei nuovi obblighi amministrativi". Per ogni obbligo dovrà essere indicata la denominazione, una sintesi del suo contenuto, il riferimento normativo e il collegamento alla pagina del sito che contiene le informazioni sull'adempimento e sul procedimento.

«Le amministrazioni dello Stato - si legge in una nota del ministero della Pubblica amministrazione - comunicano tempestivamente i dati relativi ai nuovi obblighi inseriti nello scadenzario, incluso il link diretto alla pagina web, al Dipartimento della Funzione Pubblica via Pec o via email». Sulla base delle informazioni ricevute,il Dipartimento, poi, in un'apposita sezione del suo sito, riepiloga gli scadenzari in successione temporale, distinti per destinatari e amministrazione competente.

Le altre amministrazioni

Le altre amministrazioni, non coinvolte dalla novità delle date uniche, sono anch'esse chiamate a pubblicare un riepilogo delle scadenze sul proprio sito istituzionale. I link che rimandano a tutti gli scadenzari saranno poi messi a disposizione del cittadino sul portale della "Bussola della Trasparenza".

Le sanzioni per i responsabili inadempienti

Per la mancata pubblicazione dello scadenzario ai responsabili inadempienti si applicano le sanzioni per "violazione degli obblighi di trasparenza" fissate dal DLgs 33 del 2013. All'inadempimento segue la valutazione della responsabilità dirigenziale e l'eventuale causa di responsabilità per danno all'immagine dell'amministrazione. La mancanza del responsabile viene inoltre valutata ai fini della corresponsione della retribuzione di risultato e del trattamento accessorio collegato alla performance individuale.

di Mariagrazia Barletta architetto

Per approfondire:

 

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: