Fiore canadese

Riaprirà nel 2011 l'Ottawa Congress Centre, dopo un totale rifacimento su progetto di Brisbin, Brook e Beynon, ispirati dalla silhouette del tulipano per il nuovo involucro di cristallo.

notizie di architettura

La scelta degli architetti è stata comunicata lo scorso 2 ottobre  (ottawacongresscentre.com), mentre erano già in corso i lavori di demolizione, che si protrarranno per circa sei mesi: il rinnovato Ottawa Congress Centre porterà la firma di BBB (Brisbin, Brook e Beynon) e, in base al programma delineato nell'autunno 2007 dagli amministratori, verrà completato in poco più di due anni.

L'intervento triplicherà (cbc.ca) l'area impegnata dalle attività del Centro, che è costituito come ente autonomo - creato dalla Provincia dell'Ontario tramite l'Ottawa Congress Centre Act - e ha come finalità principale "far funzionare, mantenere e gestire" una struttura di livello internazionale "in grado di promuovere e sviluppare il turismo" (ottawacongresscentre.com).     

Il progetto, definito secondo criteri di sostenibilità ambientale, punta a bilanciare l'impiego di tecnologie all'avanguardia con l'applicazione di una metodologia ecocompatibile. In particolare, l'interno del complesso, avvolto da "superfici curve vetrate" e  immaginato come "un tulipano appoggiato su un lato" (cbc.ca), sarà immerso nella luce naturale. Gli spazi per conferenze, pensati per ospitare contemporaneamente fino a trenta convegni, saranno integrati da una sala riunioni di rappresentanza e da un "salone delle feste" all'ultimo piano.

La proposta di BBB Architects, selezionata perché capace di creare "un monumento dal forte impatto visivo" per la capitale canadese, richiederà l'investimento di 159 milioni di dollari.

Immagini (formato pdf - da ottawacongresscentre.com)

pubblicato in data: