Le illusioni grafiche di Truly Design al museo Ettore Fico

Il collettivo di urban artist in tre opere site-specific

L'anamorfismo delle immagini create dal collettivo Truly Design abbandona l'architettura industriale per approdare nelle sale del museo Ettore Fico. Gli urban artist hanno realizzato tre opere site-specific, delle quali sono visibili anche i video in time-lapse.

Torino, 10 marzo - 26 giugno 2016

mostre e convegni

Torino, 10 marzo - 26 giugno 2016

L'anamorfismo delle immagini create dal collettivo Truly Design abbandona l'architettura industriale per approdare nelle sale del museo Ettore Fico a Torino. Parliamo di Mauro149, Rems182, Mach505 e Ninja1, appassionati di graffiti e grafica, i loro lavori hanno fatto il giro del mondo; sperimentano l'interazione tra immagini create con la tecnica dell'anamorfismo e l'architettura industriale: un impatto che cresce con la complessità dell'architettura circostante, che diventa parte integrante e imprescindibile dell'opera.

Nascono visonarie immagini 3D che non smettono mai di stupire e affascinare lo spettatore e che rendono l'opera unica e immersiva. Immagini che ora invadono le stanze del museo torinese, a sua volta nato dalla riqualificazione di un ex complesso industriale.

Il lavoro di Truly Design declina in chiave contemporanea il fenomeno ottico dell'anamorfosi, sperimentato sin dal XV secolo da artisti del calibro di Leonardo da Vinci e Hans Holbein. La mostra prende il nome di Truth depends on where you see it from e documenta i risvolti più recenti dell'indagine estetica e poetica del collettivo, oggi focalizzata sull'astrazione geometrica messa in relazione con l'architettura e lo spazio urbano.

Space oddity, Stabio (CH), 2015

Partendo dalle riflessioni rinascimentali sulla sezione aurea di Fra' Luca Pacioli nel De Divina Proportione, con un particolare sguardo verso l'opera di Leonardo da Vinci, il collettivo pone in dialogo l'esito di queste antiche ricerche con lo spazio architettonico del MEF, in sintonia cromatica e compositiva con i lavori astratti di Florence Henri, oltre a László Moholy Nagy, El Lissitzky e Josef Albers.

Pegasus, Fondation EDF, Parigi, 2014

L'astrazione anamorfica proposta si sposa con l'architettura del MEF, sia per la condivisione di un linguaggio visivo comune, fatto di forme geometriche minimali, sia per il destino che accomuna il collettivo allo spazio museale.

Il MEF nato dalla riqualificazione di un ex complesso industriale, oggi investito di un importante ruolo culturale, è speculare al percorso del collettivo Truly Design, che colloca i suoi primi graffiti alla fine degli anni '90, proprio sulle mura dei ruderi dell'architettura industriale torinese e si affaccia adesso sullo scenario dell'arte contemporanea.

Il museo sempre attento a porre in relazione autori moderni e contemporanei nel tentativo di instaurare un dialogo tra sensibilità, figlie di tempi diversi, anche in questo caso metterà a confronto linguaggi classici propri dell'arte moderna all'estetica matematica e cromaticamente composta di Truly Design. Attivo da oltre vent'anni nel campo della street art, il gruppo di urban artists realizza per il MEF tre anamorfosi site-specific negli spazi del Museo ed espone nella caffetteria/bistrot B+ARS i rispettivi bozzetti grafici originali e il video in time-lapse del work-in-progress.

Periodo espositivo: 10 marzo - 26 giugno 2016
Museo Ettore Fico. via Francesco Cigna 114, 10155 Torino.

Orari: da mercoledì a venerdì ore 14-19; sabato e domenica ore 11-19

web www.museofico.it

pubblicato in data:

Le illusioni grafiche di Truly Design al museo Ettore Fico - Il collettivo di urban artist in tre opere site-specific

L'anamorfismo delle immagini create dal collettivo Truly Design abbandona l'architettura industriale per approdare nelle sale del museo Ettore Fico. Gli urban artist hanno realizzato tre opere site-specific, delle quali sono visibili anche i video in time-lapse.

Torino, 10 marzo - 26 giugno 2016