Torino dall'alto, 80 anni di trasformazioni viste dal cielo

All'Urban Center una postazione per scoprire l'evoluzione della città anno per anno

80 anni di cambiamenti urbani visti attraverso le fotografie aeree realizzate tra il 1936 e il 2010: uno sguardo eccezionale su una città in continua trasformazione. A Torino, l'Urban Center Metropolitano mette a disposizioni di tutti una postazione per scoprire l'evoluzione della città anno per anno.

notizie di architettura

Quasi ottanta anni di trasformazioni urbanistiche registrate in una cartografia digitale. Da giovedì 28 gennaio a Torino, l'Urban Center Metropolitano mette a disposizione una postazione multimediale dalla quale accedere ad una mappa navigabile che mostra l'evoluzione della città attraverso centinaia di immagine aeree. Immagini che mostrano il cambiamento della città dal 1936 ad oggi: 77 anni di Torino concentrati in un solo click.

Torino, corso Lione nel 1936 e nel 2010

Il progetto è stato presentato mercoledì all'Urban Center Metropolitano nell'ambito del Piemonte Visual Contest, concorso su digitale, dati e creatività organizzato da Consiglio regionale, Consorzio TOP-IX e CSI Piemonte. Tema di questa terza edizione sono le trasformazioni sociali, culturali ed economiche del territorio piemontese, che i partecipanti dovranno rappresentare attraverso progetti digitali di visualizzazione dati, mappe digitali, storytelling e data journalism.

La cartografia e i suoi fotogrammi

Le migliaia di immagini aeree mostrano infatti come, nel corso degli ultimi ottant'anni, sia cambiata la fisionomia del capoluogo piemontese. Fotogrammi ora disponibili anche in formato digitale e consultabili con supporti elettronici grazie alla realizzazione di uno strumento di visualizzazione basato su un programma open source QGIS, ideato come supporto innovativo per i tecnici comunali.

«Da oggi queste immagini diventano patrimonio condiviso» commenta Stefano Lo Russo, presidente di Urban Center Metropolitano e assessore all'Urbanistica della Città. «Queste immagini - continua - sono straordinarie: oltre a rappresentare un prezioso documento storico, si tratta soprattutto di testimonianze chiare ed immediate di come Torino sia da decenni una realtà in continua trasformazione».

«Dal 1936, anno del primo rilievo fotografico aereo della Città, il cambiamento del tessuto urbano che si può osservare dalle foto è stato continuo. Ma sicuramente colpisce ancora di più osservare come, soprattutto negli ultimi vent'anni, dall'adozione del nostro Piano Regolatore, il cambiamento della Città sia stato imponente e rapido: Parco Dora ancora industriale, Spina 1 con la Materferro, il trincerone ferroviario che divideva in due la città. Torino è oggi un'altra città, una città che anche attraverso la trasformazione fisica, continua ad accompagnare le nuove vocazioni che sempre più la caratterizzano: innovazione tecnologica, cultura e alta formazione universitaria». 

L'intero archivio storico aerofotogrammetrico - conservato e curato dal Servizio Informativo Territoriale (SIT) della Direzione Territorio e Ambiente dell'Ufficio Cartografia Numerica del Servizio Catasto Comunale, in collaborazione con il CSI Piemonte che ha fornito l'ausilio tecnico - sarà ospitato presso l'Urban Center per diventare sempre più accessibile a tutti i cittadini. 

Dalla postazione multimediale il pubblico potrà scoprire la trasformazione individuando un'area o addirittura scegliendo uno specifico indirizzo: appariranno le immagini dei 15 voli aerei cittadini che mostreranno quali interventi sono avvenuti sulla zona, oppure selezionare un anno specifico, dal 1936 al 2013. Tra le curiosità anche la presenza di aree annerite o tagliate: sulle immagini più datate infatti intervenne il Ministero della difesa che, all'epoca del rilevamento, rese inaccessibili le zone sensibili come le caserme o punti considerati strategici.

Inoltre il software di consultazione è stato premiato nel corso della XIX conferenza Asita 2015 (Federazione Italiana delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali e Ambientali), appuntamento nazionale scientifico-tecnologico ospitato lo scorso settembre al Polo di Lecco del Politecnico di Milano e dedicato allo scambio di informazioni e al confronto tra associazioni, enti e altri soggetti che si occupano di rilevamento, gestione e rappresentazione di dati relativi a territorio e ambiente.

La postazione multimediale Vista dall'alto
è disponibile da giovedì 28 gennaio presso Urban Center Metropolitano in piazza Palazzo di Città 8f nei consueti orari di apertura (lunedì 15-18, da martedì a venerdì 11-18).

Per maggiori informazioni: www.urbancenter.to.it.

Per informazioni sul visual contest: www.piemontevisualcontest.eu

pubblicato in data: