Il team capitanato dal 27enne Federico Zuanier vince il concorso per il Polo Sportivo di Castelfranco Veneto

Il gruppo, composto dai giovani architetti Federico Zuanier e Federico Fernandz Rodriguez (F2R Studio), ha vinto il concorso di idee bandito dal Comune di Castelfranco Veneto per la riqualificazione del polo sportivo cittadino. Il progetto si basa sul concetto di visione d'insieme, su nuove funzioni e sull'armonia col tessuto urbano.

notizie di architettura

Federico Zuanier, architetto ventisettenne italiano laureatosi presso l'Accademia di Architettura di Mendrisio, e Federico Fernandez Rodriguez (F2R Studio), compongono il team vincitore del concorso di idee bandito dal Comune di Castelfranco Veneto (TV) per la riqualificazione del polo sportivo cittadino. La competizione mirava all'acquisizione di proposte capaci di sintetizzare una nuova concezione di spazio architettonico, urbano e paesaggistico nell'ambito degli impianti sportivi situati a nord-ovest del centro storico di Castelfranco Veneto.

I giovani progettisti si sono distinti per un progetto che si basa sul concetto di visione d'insieme dell'intervento, che rappresenta un unicum omogeneo in armonia con il tessuto urbano e che vuole andare oltre le funzioni legate all'edificio in questione per dare ai cittadini nuovi spazi e nuove attività da svolgere.

image © Federico Fernandez Rodriguez

Il progetto

La strategia del disegno di riqualificazione dell'area oggetto del concorso, situata in posizione strategica all'interno della città, insiste sul concetto di visione d'insieme dell'intervento che si presenta come un elemento unico capace di inserirsi in maniera armonica nel tessuto urbano esistente. In questa ottica, il ridisegno concettuale del Polo Sportivo diventa un essenziale esercizio di ricucitura urbana che permetterà alla cittadinanza di riappropriarsi di un'area oggi frammentata, al suo interno, dagli usi esclusivi degli spazi legati alle diverse attività.

Il tema centrale che percorre tutta l'idea del progetto è quella dei percorsi. Questi ultimi, infatti, definiscono la forma dei vari settori destinati alle diverse funzioni: l'arena verde scoperta, la piazzetta ipogea, l'area pavimentata per la festa patronale, i campetti da calcio a cinque, il percorso vita, l'area giochi per i bambini, il giardino sensoriale e l'area dedicata ai cani.

Nella nuova disposizione dei percorsi un ruolo di rilievo è rivestito dalla forte diagonale che attraversa l'intera area e collega i due nuovi accessi veicolari. Nella sua percorrenza interseca la maglia dei percorsi, direttamente relazionati con le strade che portano al Castello e allineati lungo l'asse Est-Ovest. La rete definita da questi percorsi disegna spazi nuovi, ora di forma trapezoidale ora di forma triangolare, che costituiscono buona parte del progetto. Dopo la definizione delle aree si è reso necessario individuare le priorità, attenendosi alle linee guida del bando, sulle quali si basa la proposta progettuale. 

Il progetto punta alla valorizzazione del Palazzetto dello Sport, attorno al quale gravitano la nuova piazzetta pubblica ipogea e tutti i percorsi che organizzano le differenti attività del sito, e al potenziamento delle Piscine Comunali, concentrate in un'area già di pertinenza che segna una netta e necessaria cesura sul fronte strada di Via Redipuglia. L'idea, inoltre, individua isole a parcheggio, potenziando e condensando tale funzione ai margini e liberando il fulcro dell'area delle auto, e include il passaggio della pista ciclabile all'interno del sito, per rendere il parco sportivo fruibile a tutti. 

image © Federico Fernandez Rodriguez

Federico Zuanier

Nato nel 1989 a Venezia, Federico Zanier si laurea in presso l'Accademia di Architettura Mendrisio - Università della Svizzera Italiana il 21 giugno 2014. Presso lo stesso Ateneo consegue il Master in Science of Architecture con relatore Professor Mario Botta e intraprende subito la pratica professionale, diventando partner dello studio di architettura e ingegneria Zuanier Associati. 

Si impegna professionalmente nell'affinare le capacità acquisite durante gli studi attraverso la partecipazione a concorsi di architettura internazionali collaborando anche con importanti studi italiani.

Consapevole di quanto sia fondamentale saper lavorare con le immagini, realizza rappresentazioni tridimensionali ed elabora modelli architettonici attraverso i quali aspira a creare un'architettura dal linguaggio contemporaneo, basato sulla ricerca, sullo studio del territorio e sulla reinterpretazione dei modelli storici. 

Attualmente collabora con l'ATER di Treviso, partecipando come consulente tecnico al progetto europeo "Call EeB-08-2015 Integrated approach to retrofitting of residential buildings".

Federico Fernandez Rodriguez

Laureato in architett­ura con Lode con il P­rofessor Raimondo del­ gruppo ABDR, Federico Fernandez Rodriguez si form­a presso lo studio ro­mano Archigroup, di c­ui diventa partner, s­u progetti di calibro­ internazionale sopra­ttutto nel campo infr­astrutturale. Grazie alla col­laborazione con l'arc­hitetto spagnolo Urba­no Rifaterra, acquisi­sce impronta anche in campo inter­nazionale e d'avangua­rdia.

Già vincitore di un c­oncorso di idee con success­iva fase esecutiva pe­r la riqualificazione­ di Viale Castello a ­Lucera (FG), gestisce­ il suo studio in cui­ svolge la pratica pr­ofessionale ordinaria­, implementando da te­mpo il settore profes­sionale della grafica­ 3D ad elevati livell­i per una clientela d­i varie nazionalità.

La sua ricerca profes­sionale è incentrata ­sulla forte integrazi­one fra le sue capaci­tà di rappresentazion­e tridimensionale e q­uelle di progettazion­e architettonica nel­la cura e nel rispett­o dell'ambiente e con­ particolare attenzio­ne al settore economi­co-sociale.

Per maggiori informazioni sugli autori visitare i siti www.zuanierassociati.com | www.f2rstudio.com

pubblicato in data: