PARTITA I.V.A.

messaggio inserito martedì 26 maggio 2009 da ale

[post n° 198720]

PARTITA I.V.A.

Buongiorno a tutti, ho bisgno di un consiglio. Lo studio dove lavoro mi ha chiesto di aprire partita i.v.a. come neo isciritto all'albo.
A che spese vado incontro per apertura della partita i.v.a. e indicativamente quanto mi rimarrebbe in tasca con una fattura mensile di 1800 Euro lorde circa?.... mi hanno accennato del regime agevolato.

Grazie a tutti in anticipo

Alessandro
:
+ o - ti rimangono 1100 €. dipende anche da quanto spendi di commercialista.
:
Ciao Alessandro, è molto importante decidere il tipo di regime fiscale prima di aprire la p.i. perchè ad esempio per il regime agevolato art.13 L 388/2000 lo puoi decidere solo in sede di apertura e non successivamente quindi non fare aperture avventate.
Per decidere devi valutare se e quante siano le spese mediche, le spese di mutuo, ed altre del quadro RP.
Calcola che hai tre opzioni di scelta: il regime agevolato (imposta sost.10%, possibilità dei detraibilità iva - non ammessa con il regime contr.mimini-, irap, addizionali e studi di settore dal 2° anno di attività); il regime dei contribuenti minimi (imposta sostitutiva unica del 20%, non possibilità detr.iva su acquisti, non irap, no addizionali, non studi di settore); regime normale hai aliquote ordinarie dal 23 al 43%, irap, studi di settore, addizioneli, etc e quindi non conveniente!!!
Il regime agevolato è a mio avviso il migliore, infatti ti consentono al massimo di usufruirne per 3 anni. Limite massimo ricavi per 30.000 euro annui
Fatti seguire da qualcuno per la scelta.
Ciao
email
:
ma come 1100 euro??? con regime agevolato su 1800 euro paghi solo il 20% di rituanta di acconto, spero di non sbagliarmi, perchè se così fosse...sono rovinato con il mio stipendio!
:
per cram: con il regime agevolato non c'è ritenuta e non paghi il 20 bensì il 10%!!! Vedi la cosa con il tuo commercialista, non vorrei avessi sbagliato proprio la fatturazione
Ciao
:
ma l'iva è compresa in quelle 1800€?
se sì...fidati della buona vecchia trilly...ci levi le tasse, ci levi i contributi, ci levi la commercialista e l massimo ti rimane 1200.
:
anzi..ribadisco...a rifarmi due conti....te ne rimane 1100 scarsi.
:
scusa emanuela, premetto che ne capisco ben poco di fisco, ma anche sul questo sito c'è un link che ti permette di calcolare la fattura con regime agevolato e con regime dei minimi c'è ritenuta di acconto 20% e al max inarcassa. Mi sbaglio? questo il link:www.professionearchitetto.it/tools/fattura/
:
per cram: con il regime agevolato non c'è ritenuta. Con il regime contribuenti minimi si ha invece ritenuta.
Da quello che vedo al volo da link non mi sembra ci sia il caso di architetti con regime agevolato!! Vado per uno in questo periodo e forse mi sono persa qualcosa nel link ma non mi sembra proprio sia contemplato.
Comunque sia NoN va messa la R.A. nel regime agevolato (art.13 L388/2000)
Ciao
email
:
Scusa Emanuela,
ma il regime agevolato in cosa differisce dal regime dei minimi? In ogni caso da una fatture totale di 1800 euro quali sono le tasse da detrarre? da quello che dite le tasse sarebbero queste:
-10% IVA 180€+
-2% inarcassa 36€+
- commercialista più o meno 60€
TOTALE 276€
aLLORA MI CHIEDO COME SI FA AD ARRIVARE A 1100 EURO DA UNA FATTURA DI 1800€ ME LO SPIEGATE PERFAVORE??? NON è UNA POLEMICA VOGLIO CAPIRE...SALUTI
:
l'incidenza mensile dei contributi inarcassa nn l'hai prevista.
hai meno di 35? 6 un nuovo iscritto inarcassa?
il minimo sindacale da pagare altrimenti è 1600 € circa + in base al tuo reddito.
:
10% IVA??
mi sa che faresti meglio a parlare a 4occhi con un commercialista.
ti spiegherà meglio come funziona la p.iva a regime agevolato per le nove attività produttive.
:
-20% IVA (del netto 1500€)
-10% Irpef
-1.5% add.regionale Irpef (varia da regione a regione)
No -2% inarcassa (xchè fai fattura a arch e/o ing)
-60/70€ contributi minimi inarcassa
-50/60€ commercialista
-20€ (varia tipo iscriz. albo, ecc)

Arrivi ad un nettissimo di circa 1200€...ci puoi stare!!!
:
dunque su..un paio di calcoli.
il netto all'iva è 1440, non 1500.
10 % ok
1,5 %
60-70 € inarcassa dipende se hai meno di 35 anni, sennò sono almeno 145 € al mese (11 mensilità l'anno)
50-60 € commercialista?? dove??? meno 80-90 in toscana nn c'è nulla
20 € + o - in media
TOTALE trilly:
1800 € lordi
1100 € puliti in tasca.
:
La differenza tra regime agevolato e contr.minimi l'ho spiegata a grandi linee ad Alessnadro. La puoi leggere lì. Per maggiori spiegazioni è dura farlo così al volo. Ma non hai un commercialista avendo la p.i.?
:
è ovvio che ho il commercialista! ma ritorno a dire che il mio commercialista mi ha dato un modello di fattura identico al link che ho postato prima! e la fattura che ne viene è il lordo meno il 20% di R.A. con regime agevolato (o dei minimi)...non capisco perchè mi state tirando fuori tutte queste tasse che nn sono incluse nella fattura.
:
dunque.....
1- nn hai il regime agevolato ma il forfettone, che è tutt'altra cosa.
2- e te credi di pagarci solo il 20% DI TASSE ???
santa inesperienza.....
.............................................
i contributi inarcassa chi te li paga?
l'iscrizione all'ordine?
il commercialista?
brutto eh?! CREDERE di avere un sacco di soldi in mano....
e ritrovarsi con 3 euri in tasca alla fin dei conti....
benvenuto nel mondo della professione cram!!
:
Allora quello che tu chiami netto, in realta è al netto dell'Iva. Dopo di che per capire quanto da quel netto ti rimane approssimativamente in "saccoccia" devi detrarre una parte per pagare le tasse e tutto quello che ci gira attorno devi seguire grosso modo quello che io e gli altri abbiamo cercato di spiegare in base alla propria situazioni.
:
per trilly
l'iva si somma al netto ovvero 1500+20%=1800€ !!!!
:
a grazie trilly di esistere, proprio non ero a conoscenza di tutti questi salassi!!! Ma certo che lo so che bisogna pagare anche le tangenti per poter prendere i lavori!!!
Questa discussione era nata perchè qualcuno ha chiesto quanto gli rimane da 1800 euro di una fattura non sono certo 1100 euro con il forfettone o regime agevolato o regime dei minimi come cacchio si chiama!!! ma siccome questo ragaZZO ANCORA DEVE APRIRE PARTITA IVA SICURAMENTE OPTERà PER QUESTA FORMA QUINDI AL LORDO DEVE LEVARE IL 20%!!! POI TRA LE SPESE CHE AVRà DOVRà SICURAMENTE METTERE ANCHE LE TANGENTI DA DA DARE AL GEOMETRA DELL'UFFICO COMUNALE!
:
beh, quanto alle tangenti spero che non parliate sul serio...
:
Non sul serio...ma per rendere meno amara la situazione contributiva alla quale siamo brutalmente sottoposti...
:
geco a cram danno 1800 € lordi: lui intende 1440 € + 360 € IVA = 1800 €.
almeno io dai suoi ragionamenti ho capito così.
:
.......le tasse si pagano alla luce del sole non sottobanco!!!
:
cram, distinguiamo tra le tasse (che a noi liberi professionisti non vengono pagate a parte da qualche anima pia, ma dobbiamo farci noi da soli due calcolini per capire quanto dobbiamo fatturare per avere netta una certa cifra.. e per netta intendo pulita, con cui pagarci solo la vita quotidiana, le bollette, il cinema, le vacanze, il mutuo...) e le tangenti, che per come parli tu sembra siano la prassi ovunque e sempre...
fatti una chiacchierata di nuovo col tuo commercialista, oppure meglio ancora chiedi consulto a un altro, perchè mi pare che tu abbia le idee molto ma molto confuse sul sistema fatturazione e di tassazione
:
FRA il problema è che non ho detto che ciò di cui si è discusso era tutto sbagliato, ne tantomeno ho le idee poco chiare riguardo all'argomento.
Ma la confusione era stata generata proprio dalle risposte che asserivano il fatto che da una fattura di 1800 euro ne rimanessero 1100; non è affatto vero:
1) non era specificato il regime se ordinario o agevolato.
2) Il primo post menzionava proprio il regime agevolato.
3) penso che chiunque si accinge ad aprirla è a conoscenza
di tutte le altre spese (inarcassa, ordine etc).
Io mi riferivo al forfettone che permette di emettere fatture al 20% di R.A. come unica tassa (se la fattura è emessa per altro professionista iscritto all'ordine), è ovvio che poi ci sarà l'ordine, l'inarcassa etc etc. ma sulla fattura no!

Per questo ho risposto nella maniera forse non gradita, perchè in questo paese di m.... non lo si vuole ammettere come schifosamente vanno avanti le cose!!!
Ma voglio scusarmi per aver nominato un geometra, quindi metto anche la nostra stessa categoria di architetti ed ingegneri, professori universitari e per finire (in bellezza) con i cialtroni che ci governano!
Saluti.
:
scusami trilly, non voglio offenderti
ma la mia calcolatrice se digito 1440+20% mi dice che fa 1728€ e non 1800

allora come si alcola l'Iva:
-base imponibile più il 20% di essa
esempio 10 + 20%(10) = 12
-se tu provi invece a fare il lordo 12-20%= 9,6 e non 10

ok,ci siamo
:
cram...
la discussione serviva a chiarire che alla fine se tu hai un regime ordinario,agevolato,forfettone, minimi ecc non ci sono notevoli differenze perchè poi entrano in gioca altri fattori che decurtano la tua paga sensibilmente tanto da non essere trascurabili, giusto per farti capire quanto sarà NETTA (o meglio Tara) la tua paga. Poi del sistema italiano conosciamo bene le regole,i compromessi e chi soprattutto ne è capo di questo sistema,conosciamo bene anche chi ci governa (anche perchè + della metà degli italiani li ha votati), ma questo è un altro discorso che ha poco con il dovere di pagare le tasse.
:
cram, che il regime dei minimi in fattura imponga solo il 20% di r.a. è un conto, ma che le altre tasse siano a parte è un discorso poco limpido: io quando ho stabilito il mio compenso ho ragionato spannometricamente col mio commercialista su quanto mi sarebbe partito poi con tutte le altre tasse, e quindi quanto mi sarebbe all'incirca rimasto di netto, e da lì ho stabilito il mio compenso lordo
:
non vi ammattite con i calcoli:
www.professionearchitetto.it/tools/fattura/
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.