Sicurezza e Detrazione 36%

messaggio inserito lunedì 28 febbraio 2011 da archi78

[post n° 256018]

Sicurezza e Detrazione 36%

Buongiorno a tutti!
Ho un dubbio e vorrei chiedervi gentilmente consiglio...

Un mio cliente ha intenzione di fare dei lavori di ristrutturazione interna all'appartamento di sua proprietà, beneficiando della detrazione del 36%...

Per richiedere la detrazione è necessario inoltrare la documentazione richiesta all'Agenzia delle Entrate, la quale richiede anche eventuale comunicazione all'asl, se ricorrono i requisiti per cui è necessaria...

la domanda è questa:
i lavori verranno eseguiti da un impresa (per le opere generali) e alcuni lavoratori autonomi (come idraulico e piastrellista)... è necessario nominare il coordinatore della sicurezza e redarre il PSC/POS?

Il rischio è che se poi è necessario e non viene fatta l'Agenzia delle Entrate magari vede pagamenti a diversi soggetti (impresa, idraulico, piastrellista) e può non rilasciare l'autorizzazione alla detrazione del 36%... per documentazione non corretta....

in sostanza:

se in un cantiere lavorano una impresa e uno o più lavoratori autonomi (idraulico, elettricista, artigiani, etc . senza dipendenti) è necessario:
1) fare la notifica preliminare?
2) redigere il psc e quindi nominare il coordinatore?

Il lavoratore autonomo (che lavora da solo) è considerato come impresa oppure no?

Vi ringrazio per i consigli?
:
Ciao
ti rispondo velocemente, No non c'è bisogno... poichè non ci sono due imprese o ditte individuali "con dipendenti" che lavorano sullo stesso cantiere ( imprese e ditta individuale: cioè che hanno dipendenti- artigiano: solo lui nessun dipendente)il psc e tutto il resto va redatto se e solo se ci sono condizioni di rischio elencate nell'allegato II del Dlgs 81/2008 o se ci sono una o più imprese anche se non in contemporaneità....
Per quanto riguarda la detrazione i punti sono i seguenti:
- inviare prima della comunicazione di inizio lavori la documentazione, in allegato se ce sicurezza compilare l'assunzione di responsabilità delle ditte in coinvolte,compreso i dati delle notifiche e N. A/R
-Comunque non succede nulla se per qualsiasi problema si possono creare i presupposti di dover fare la sicurezza (su un cantiere è possibile che una ditta se ne vada e ne entri un'altra, o che si possono creare situazione di rischio...no?)basta inviare la documentazione ad integrazione (e cmq farei prima una telefonata all'agenzia delle entrate per esserne più sicuri ...con questi non si sa mai) e le notifiche agli enti preposti.
- Fai conservare tutto ai tuoi clienti per eventuali verifiche
ciao
:
Cio Debby.
Grazie per i chiarimenti molto utili.
:
Il lavoratore autonomo non è un'impresa, per cui nel tuo caso non è necessario nominare il coordinatore. Attenzione solo che questi lavoratori autonomi siano davvero autonomi, che lavorino cioè effettivamente DA SOLI.
La notifica va spedita solo nel caso si preveda durata cantiere superiore a 200 uomini-giorno, anche nel caso di unica impresa.
:
Grazie...
vero, in effetti una verifica della reale situazione di "lavoratore autonomo" credo sia necessaria... altrimenti il cliente rischia di perdere la detrazione per una documentazione erratae poi.... chi lo sente?!?!

grazie ancora
:
x cla
il parametro 200 uomini-giorno è stato abolito dal DLgs 81 08...
:
x Olli
Il decreto ha abolito i 200 uomini-giorno come discriminante per redigere o no il PSC, però non lo ha abolito per quanto riguarda la notifica da spedire o no all'ASL. Leggendo l'art. 99, comma 1, lett. c) del decreto mi risulta questo. A te non risulta così?
:
x cla
si tutto vero
infatti per la notifica questa è la soglia
che dovrebbe coincidere con un importo complessivo dei lavori su 80 mila euro circa
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.