Posso Firmare documenti insieme a un geometra come collaboratore

messaggio inserito giovedì 21 luglio 2011 da marco

[post n° 268652]

Posso Firmare documenti insieme a un geometra come collaboratore

Salve, sono un architetto e a volte collaboro con dei geometri. Spesso succede che mi indicano nelle relazioni come collaboratore. E' possibile ? o dovrebbero essere loro miei collaboratori?
Grazie
:
ma chi è che collabora? tu o loro?
:
Il codice deontologico dice"E’ fatto divieto all’Architetto di firmare atti professionali congiuntamente a professionisti che appartengono ad altre categorie senza l’indicazione delle prestazioni che sono state rese sotto la propria direzione e responsabilità personale." Per l'essere collaboratore di un geom. non penso proprio ci siano pb
:
L'architetto non può avere incarichi di collaborazione con geometri che prevedano un suo ruolo subordinato.
Io collaboro con l'Università che ha come responsabile un geometra, ma richiedo sempre che il mio ruolo non sia in subordine alle decisioni del responsabile, il quale deve formulare dei quesiti tecnici, ai quali a mia volta fornisco una risposta in piena autonomia.
Anche questo però potrebbe essere motivo di conflitto con le norme di deontologia professionale degli architetti.
Architetto Franco Galardi
:
GRAZIE MARY, avevo letto questo passo, ma penso che per categoria si intenda geologo ingegnere ecc... mentre da qualche parte ho letto qualcosa riguardo al grado di tecnico. La dove la firma è congiunta un tecnico più qualificato non può rivestire la mansione di sola collaborazione a meno che non sia un collega di pari grado....almeno la ricordo così...
:
nel caso specifico l'incarico è del geometra e si tratta di una perizia cui io dovrei figurare come collaboratore
:
Grazie Franco, è quello che ricordavo infatti, ma non riesco a trovare l'articolo o la norma precisa.
:
RISOLTO
L'ordine degli architetti di pisa ha richiamato recentemete all'attenzione di tutti gli iscritti il problema sepcificando quanto segue ".......Ordine e ribadisce la necessità del completo rispetto dei titoli di studio in possesso degli architetti, ai quali non è possibile assumere una posizione subordinata rispetto a professionisti in possesso del solo diploma, come del resto è stato dettato dalla sentenza n. 19292/2009 della Corte di Cassazione" grazie a tutti
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.