Rinuncia all'incarico

messaggio inserito martedì 11 ottobre 2011 da Stella

[post n° 273779]

Rinuncia all'incarico

Buongiorno a tutti,mi trovo in questa situazione:
ho avuto l’incarico come progettista e direttore lavori, nonché coordinatore della sicurezza, da un condominio rifare copertura e facciate.
L’Amministratore ha indetto una licitazione privata al fine di trovare l’Impresa cui affidare le opere. Il problema è sorto quando, una volta individuata l’impresa, la committenza si è accorta che sul mio computo metrico estimativo sono stati fatti degli errori. L’Impresa stessa è uscita a fare il rilievo dopo aver già consegnato il preventivo (nonostante io avessi scritto che le misure dovevano considerarsi indicative) ed ora mi trova nella situazione in cui il Condominio, a fronte di questo errore, mi vuole detrarre dalla parcella in proporzione, la percentuale di costo di lavori in più che io non avevo preventivato.
Al di là di quanto la mia parcella venga o meno decurtata, io mi trovo in una situazione di difficoltà perché credo che con questa richiesta, il Condominio abbia esplicitato la sopravvenuta mancanza di fiducia nei miei confronti. Questo atteggiamento non mi permette di continuare in modo sereno l’incarico affidatomi, pertanto Vi chiedo un consiglio su come agire a questo punto.
Sia dal punto di vista personale che professionale, essendo decaduto un requisito fondamentale del rapporto committente-tecnico/professionista incaricato, temo che anche il mio operato futuro possa venire intaccato.
Inoltre, sto lavorando da marzo 2011 con un incarico firmato all’inizio di luglio. Non mi è stato corrisposto ancora alcun compenso (l’accordo era il 20% alla firma dell’incarico) poiché l’Amministratore sostiene che per la richiesta del 36% si può fatturare solo a lavori iniziati. Presumibilmente i lavori inizieranno all’inizio di dicembre ed io, posto che continui ad essere il tecnico incaricato, fino a quella data non verrò pagata.

I miei quesiti sono due:
-Posso chiedere di essere sollevata dall’incarico o farlo senza che sia il Condominio ad agire e in quale modo?
-Posso pretendere che mi venga corrisposto almeno il 20% pattuito dato che tra rilievi, elaborati grafici, computo metrico, capitolato, presenza a 5 assemblee condominiali, rapporti con l’ufficio tecnico del comune, ecc. ci ho già rimesso del mio?

Grazie a tutti.
:
allora: ti puoi sollevare in qualsiasi momento dall'incarico con una raccomandata scritta all'amministratore e se c'è una dia al comune dove ti sollevi dall'incarico.
poi gli mandi la notula del lavoro svolto fio ad oggi meglio se poi parli con l'avvocato, ti fai tassare la notula o contratti direttamente.......
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.