Dubbio altezze interne

messaggio inserito mercoledì 23 settembre 2020 da arch2

[post n° 437190]

Dubbio altezze interne

Salve a tutti,
vi spiego la situazione: Piano terra locale con altezza interna di 2.5m condonato nel '85 come locale abitabile (nello specifico soggiorno). Ora vorrei fare ampliamento in aderenza a questo locale. Otterrei l'altezza interna abitabile di 2.70 abbassando di 20cm la quota di calpestio.
La domanda che faccio a voi più esperti è: posso unire i due locali creando quindi una unità immobiliare anche se un locale ha altezza interna di 2.50? Dal punto di vista urbanistico è possibile?
Grazie
:
Se si unissero i due ambienti, vanno integrate le norme di oggi che, dalla situazione descritta, non sarebbero rispettate (?)
:
Gli ambienti rimangono sempre separati, ma facenti parte della stessa unità immobiliare. Nello specifico la parte condonata diventerebbe camera e l'ampliamento soggiorno.
:
Se si cambia l'attuale "destinazione funzionale" si devono far rispettare i parametri.
Il tutto a meno di non ritrovarsi in zona A o B e che l'edificio sia antecedente il 1975: [p+A news: Altezze-minime-e-requisiti-igienico-sanitari-non-si-applicano-agli-edifici-ante-75-di-centri-storici-e-zone-B]
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.