Minimi 2012

messaggio inserito lunedì 19 dicembre 2011 da Tes

[post n° 278841]

Minimi 2012

Ciao a tutti!
ma alla fine c'è qualche news certa e più definitiva sui nuovi minimi per il 2012?
Devo ancora mettermi d'impegno a capire se ci rientrerò o dove finirò sigh!
:
ciao Tes, anche io mi sto informando in questi giorni...nel frattempo ti segnalo questo link se non l'hai già letto: [p+A news: Il-punto-sul-nuovo-regime-dei-contribuenti-minimi-2012-in-attesa-dei-chiarimenti-dell-Agenzia-Entrate]

Però il tutto mi sembra poco chiaro:
- dice che non bisogna avere avuto attività professionale nei 3 anni precedenti...quindi chiunque abbia già una p.iva, anche se finora rientra nei minimi, non rientrerà più
- poi dice che può usufruire chi ha aperto p.iva a partire dal 2008...e quindi mi sembra una contraddizione col punto precedente visto che vorrebbe dire che la mia attività sussiste nei 3 anni precedenti...boooooh

Poi per carità...io adesso sono nei minimi ma ho la p.iva dal 2005 quindi mi sa che non rientro comunque...però mi sembra una contraddizione, che dite?
:
Salve a tutti, premetto che dal 2012 non rientrerò più nei minimi ma presumibilmente avrò il medesimo reddito (ma anche no..) del 2011, ho trovato questo:
www.awn.it/AWN/Engine/RAServePG.php/P/184761AWN0300/M/185101AWN0300

Alla luce di questi dati DRAMMATICI, come la mettiamo con studi di settore...congruità..coerenza..che ci attendono nel 2012!?
Ed ancora.. vorrei un vostro parere e sapere secondo voi il popolo di noi "finte" partite IVA (ex minimi con redditi pressochè irrisori e non più ricadenti nei nuovi regimi) cosa potrebbe dire o meglio fare oltre a "subire" passivamente al di là del solito..."non ho niente da nascondere che accertino pure..ecc. ecc. " tanto sappiamo che per "il disturbo" qualche sanzione se si mettono d'impegno la trovano sempre da appiopparci...
:
Ciao Campanellino! hai spiegato esattamente quello che mi passava per la testa...in realtà ho apeto p.i. nel 2010, quindi la questione dei 3 anni precedenti non dovrebbe coivolgermi, ma anche io ero in dubbio perchè non riuscivo a capire cosa volesse dire, mi sembra equivoco...

E poi scusa, se prima fossimo stati in uno studio con contratto a progetto? li dobbiamo calcolare come anni di attività oppure, visto che non eravamo a p.i., non è considerato "proseguimento di attività precedente"?

chi vivrà vedrà....
per ora grazie :-)
:
x tes:
il co.co.pro è classificato come lavoro parasubordinato e non come lavoro dipendente. Quindi in ogni caso (qualunque sia l'interpretazione dei famosi "3 anni") il co.co.pro non vale.
:
Il mio commercialista mi ha detto chiaramente che se si ha lavorato con co.co.pro è considerato come proseguimeto attività precedente; io non sarei rientrata comunque ma l'ho chiesto x un mio collega.
:
anche io sono in confusione. ho aperto la p.i. nel 2010 ed avevo 35 anni. Prima delle fatture di gennaio 2012 andrò a intervistare l'agenzia dell'entrate. Ma nn possono cambiare ogni 3 anni le carte e soprattutto mettere la soglia dei 35 ora che hanno liberalizzato tutto per cui per vivere fai delle fatture da ridere!!!
:
Ciao Tes, se può interessarti ho chiesto al mio commercialista la questione del co.co.pro, non perchè rientro nel nuovo regime ma ho chiesto x un mio collega: mi ha detto che se si ha lavorato con co. co. pro. (ovviamente svolgendo la stessa attività, anche se in studi diversi) non si può aderire al nuovo regime agevolato perchè appunto è continuazione attività precedente; però ha aggiunto che "volendo si può fare lo stesso", è difficile che esca un controllo, ecc ecc, insomma i soliti discorsi italiani
:
x Ally:
scusa, ma la legge parla di lavoro autonomo o dipendente nei tre anni precedenti all'apertura dell'attività. Il co.co.pro è classificato come PARASUBORDINATO. Mi pare che la differenza ci sia e anche evidente...senza tirare fuori discorsi all'italiana "volendo si può fare lo stesso" o "è difficile che esca un controllo".
Bisogna andare a vedersi le DEFINIZIONI per LEGGE delle varie tipologie di lavoro esistente. Non c'è nulla da interpretare.
idem se uno ha fatto collaborazioni occasionali per uno studio di architettura prima di aprire p.iva. Infatti la collaborazione occasionale non è classificata nè all'interno del lavoro autonomo nè all'interno di quello dipendente. Cmque sono i consulenti del lavoro che sanno tutte le differenze tra tipologie, non i commercialisti.
:
x completare il post di prima, volevo aggiungere che il commercialista non è il tuttologo della situazione, nel senso che lui sa quello che comunica l'Agenzia delle Entrate attraverso le circolari ma su questione di tipologie di lavoro spesso non sa la differenza tra una e l'altra. Idem per la questione dei contributi: non è di loro competenza. Volevo sottolineare che anche studi di avvocati che si occupano di diritto del lavoro si appoggiano a studi di consulenza del lavoro perchè la materia è complessa e non possono sapere tutto.
:
Questo secondo me è molto chiaro...

www.ivaseipartita.it/2011/12/regime-dei-super-minimi-2012-dubbi-e.ht…

Se mi tocca applicare l'iva giuro che vado a cercare Silvio e gli mollo un ceffone.
:
Kia datti una calmata! Io ho semplicemente esposto quello che mi ha detto il commercialista, che è vero, non avrà in tasca la verità assoluta però deve essere informato sui vari regimi fiscali e relativi requisiti perchè deve indirizzare il contribuente al regime fiscale giusto, se no cosa lo pago a fare? Poi può essere incompetente e può avermi dato una risposta sbagliata, niente di nuovo, se non ci si fida (e tendo a non fidarmi più di nessuno) ci si rivolge ad altri come i consulenti del lavoro ecc.
Non ho detto che ha ragione e tra l'altro non condivido nemmeno il concetto del "tanto non controllano".
:
x Ally:
ma "datti una calmata", perchè? ho solo analizzato la questione e detto la mia opinione a riguardo. Non ho mica detto che sei d'accordo con il "tanto non controllano". Sottolineavo che non è molto professionale da parte del commercialista dire una cosa del genere.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.