1 assegno di ricerca. Architettura emergenziale e contesti

Ente: Sapienza Università di Roma

codice n° P14008
153 data inserzione - scadenza 31.05.2021
regione
provincia
luogo
Roma
Ente
Sapienza Università di Roma
oggetto del bando

1 assegno di ricerca. Architettura emergenziale e contesti

Procedura selettiva pubblica, per titoli e colloquio per l'attribuzione di n. 1 incarico per lo svolgimento di attività di ricerca di categoria B Tipologia II della durata di 12 mesi per il settore scientifico-disciplinare ICAR/14 relativo al seguente progetto di ricerca: Architettura emergenziale e contesti. Abitare, lavorare, apprendere nella città transitoria della ricostruzione, presso il Dipartimento di Architettura e progetto dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

L'assegno di ricerca avrà la durata di 1 anno e potrà essere rinnovato.
L'importo lordo annuo è stabilito in €. 19.367,00 al lordo degli oneri a carico del beneficiario e sarà erogato al beneficiario in rate mensili.

Attività di ricerca da svolgere

La ricerca si propone d'indagare gli strumenti che l'architettura può mettere in campo nelle fasi emergenziali dove le sistemazioni cosiddette temporanee conformano i paesaggi periurbani dei territori colpiti per un periodo medio-lungo. L'indagine si concentrerà sull'individuazione di soluzioni capaci di rispondere ad un duplice ordine di problemi: da un lato, quello della pianificazione e progettazione degli insediamenti e dei moduli abitativi temporanei che dovranno far fronte alle prossime, purtroppo certe, catastrofi che si abbatteranno sul nostro territorio; dall'altro, quello dell'indagine sulle possibili modalità di intervento attuabili qui ed ora, sugli insediamenti emergenziali già realizzati e che manifestano criticità di diversa natura, proponendo delle strategie di riscrittura e rigenerazione dell'esistente riferibili alle più efficaci soluzioni individuate nel panorama internazionale contemporaneo.

I criteri di valutazione sono determinati dalla commissione, saranno espressi in centesimi e comprenderanno, con opportuni pesi, le seguenti voci:

  • Dottorato di ricerca (se non richiesto obbligatoriamente);
  • Voto di laurea;
  • Pubblicazioni e altri prodotti della ricerca; 
  • Diplomi di specializzazione e attestati di frequenza ai corsi di perfezionamento post-laurea;
  • Altri titoli collegati all'attività svolta quali titolari di contratti, borse di studio e incarichi in Enti di ricerca nazionali o internazionali. Devono essere debitamente attestate la decorrenza e la durata dell'attività stessa; 
  • Colloquio (facoltativo per questa tipologia)

 

N.B. Le date indicate sono presunte. Controllarne sempre la validità presso l'Ente banditore.