Messa in sicurezza delle scuole con rinforzo strutturale dei solai

Messa in sicurezza delle scuole con rinforzo strutturale dei solai
Messa in sicurezza delle scuole con Sicurtecto e Protecto
  annullare i rischi legati a sfondellamento e instabilità strutturale

Il tema della messa in sicurezza delle scuole è più che mai attuale, in particolare per ciò che riguarda il rinforzo strutturale solai in laterocemento, al giorno d’oggi presenti nella grande maggioranza degli edifici scolastici.

Gli impalcati degli istituti tendono ad essere oggetto di fenomeni di degrado gravi, sia a livello strutturale che non, con conseguenti episodi di crolli o cedimenti. A tal proposito si parla di instabilità strutturale e sfondellamento, due fenomeni distinti che la Sicurtecto Srl ha ampiamente approfondito per realizzare le adeguate opere di messa in sicurezza solai.

INSTABILITÀ STRUTTURALE E SFONDELLAMENTO: le differenze

Gli elementi interessati

La prima, lampante differenza risiede nelle parti coinvolte: in presenza di instabilità strutturale gli effetti si ripercuotono sugli elementi portanti del solaio come i travetti, le barre di armatura e la soletta. In questo caso il degrado mina la sicurezza e la stabilità del solaio originariamente previste.

Per quanto riguarda lo sfondellamento, è la parte inferiore delle pignatte, elemento preminente nei solai in latero-cemento, ad essere danneggiata.

Le cause scatenanti

Le cause sono perlopiù simili, non è un caso infatti che l’aggravarsi dello sfondellamento possa degenerare nell’instabilità strutturale. Fra le cause si possono riscontrare:

  • Invecchiamento;
  • Materiali scadenti. Ad esempio, la forma irregolare delle pignatte può causare forti tensioni che ne determinano il distacco;
  • Posa in opera non idonea. Il mancato avvolgimento delle barre di armatura le lascia esposte agli agenti atmosferici;
  • Errata destinazione d’uso. Una destinazione d’uso diversa da quella prevista in fase progettuale causa stress tensionale ai danni della stabilità dell’impalcato;
  • Cause esterne. Tra di esse si annoverano gli eventi atmosferici, sismici e le mancate opere manutentive. Queste ultime vengono disattese soprattutto nei contesti scolastici, a causa delle evidenti problematiche gestionali e dei disagi provocati alla didattica.

I segnali

Altra differenza risiede nella localizzazione dei fenomeni di degrado, il cui studio indica l’urgenza degli interventi per la messa in sicurezza solai.

Fessurazioni, ammaloramenti, crepe e rigonfiamenti visibili nell’intradosso costituiscono campanelli d’allarme sia per lo sfondellamento che per l’instabilità strutturale.

Mentre i fenomeni che interessano esclusivamente l’estradosso come le crepe, il distacco delle zoccolature, i malfunzionamenti nell’apertura delle porte e le vibrazioni eccessive durante il camminamento sono segnali allarmanti e specifici dell’instabilità strutturale.

I rischi

La messa in sicurezza edifici scolastici dipende dall’annullamento dei rischi legati a sfondellamento e instabilità. I fenomeni generano dinamiche e rischi differenti ben noti:

  • Distacco di pignatte e intonaco.
    Quando la parte inferiore delle pignatte cede in seguito ad un fenomeno di sfondellamento, porta automaticamente con sé l’intonaco sottostante. Calcolando un’intonacatura di 3 cmq e un’estensione del fenomeno pari a 18 mq (mediamente la superficie del solaio di un’aula) a terra andrebbero a riversarsi oltre 1350 kg di materiale (laterizio e intonaco).
  • Crolli e misure di inagibilità.
    La misura di inagibilità o il cambiamento di destinazione d’uso sono misure obbligatorie quando viene accertato il degrado strutturale. Questo nei casi in cui le verifiche siano state puntuali, altrimenti il rischio concreto è quello di un crollo improvviso del solaio.

LE TECNICHE PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLE SCUOLE

Alla luce dello studio dei fenomeni di degrado che coinvolgono i solai degli istituti scolastici, la Sicurtecto Srl ha sviluppato due sistemi all’avanguardia per la messa in sicurezza solai, ottimizzati per annullare i rischi legati a sfondellamento e instabilità.

SISTEMA SICURTECTO

Il sistema Sicurtecto è l’antisfondellamento per eccellenza.

Si compone di una trama di speciali profili sagomati metallici e di lastre armate fibrorinforzate da applicare immediatamente sotto il solaio danneggiato. Il controsolaio può vantare uno spessore esiguo, solo 5 cm, e un’applicazione immediata e a secco da parte degli operai specializzati.

Il sistema Sicurtecto protegge da ogni crollo o distacco di intonaco e pignatte, con un coefficiente di rischio calcolato di oltre 2.5 (certificazione del Politecnico di Milano).

La corretta installazione viene assicurata attraverso prove di carico regolarmente effettuate, e attestata dal Certificato di posa in opera rilasciato dai tecnici della Sicurtecto Srl. 

messa-in-sicurezza-scuole-rinforzo-solai-sicurtecto-03Clicca sull’immagine per conoscere tutto sull’Antisfondellamento SICURTECTO

SISTEMA PROTECTO

Il sistema Protecto è il rinforzo strutturale solai con funzione rompitratta e di protezione dei travetti.

L’applicazione di profili sagomati in acciaio e di lastre gessofibrate (anche per funzione antisfondellamento), garantisce al solaio il pieno recupero della rigidezza flessionale. L’efficacia del sistema è certificata dal Politecnico di Milano che ha potuto accertare i seguenti benefici per il solaio:

  • +35% rigidezza flessionale trasversale
  • +12 rigidezza flessionale verso le nervature
  • capacità antisfondellamento di 160 kg/mq

messa-in-sicurezza-scuole-rinforzo-solai-protecto-01Clicca sull’immagine per conoscere tutto su PROTECTO® controsolaio a protezione e rinforzo del solaio

SICURTECTO s.r.l.
via Monte Sabotino, 14 | 20095 Cusano Milanino (MI)

T. +39 02.66302799 |

Email info@sicurtecto.it| Web: www.sicurtecto.it

 

  • SICURTECTO – pionieri nel campo della protezione e della sicurezza dei solai – lavora, da oltre 25 anni, per la protezione e la sicurezza dei solai

  • Per questo ha sviluppato i sistemi a secco antisfondellamento SICURTECTO® e il controsolaio per la protezione e il rinforzo dei solai PROTECTO®.

     


pubblicato in data: 11/10/2016

,