cambiare lavoro

messaggio inserito venerdì 5 novembre 2010 da mia

[post n° 246529]

cambiare lavoro

Da anni lo studio per il quale lavoro non mi dà più nulla dal punto di vista professionale; disegno e progetto per 1000 euro e 9 ore al giorno, ma con contratto a tempo indeterminato(dichiarato part-time...!!), e non posso nemmeno lamentarmi perchè so bene che in giro c'è molto peggio. Ma ogni giorno che passa sento la mente che si restringe...posso cambiare lavoro? in che campo potrebbe reimpiegarsi un architetto 32 enne(a parte la scuola)?
:
non entro nel merito ma ti rendi conto che con un contratto part time hai i contributi part time, praticamente se ad uno full time bastano 35 anni per la pensione a te ne servono 70, vai sul sito inps
:
Sono messo (quasi) come te, penso che tu debba valutare la tua posizione alla luce dei tempi che corrono.
Io mi sarei già sucidato per la roba che stò facendo, ma se penso ad una ripresa, le prospettive si possono riaprire.

Cambiare lavoro?
- All'estero in una società di servizi
- In proprio se vinci la lotteria oppure se hai un pò di amici con cui partire dove oguno porta clienti (e soldi).
Tutte cose da farsi in momenti di vacche grasse.

Valuta le potenzialità del tuo studio e come ti considerano (in ultimo ma non per ultimo) dal punto di vista umano.

Io quando ripartirà la baracca chiederò almeno 1.800 euro al mese oppure una partnership su determinati lavori certi, mettendomi in proprio e firmando la Progettazione. Oppure, vista l'età dei titolari, chiederò loro di farmi da procacciatori e girarmi il commercialista.
:
In effetti, come suggerisce Luca, vedi almeno di farti mettere in regola full-time, non sei mica un professionista! Per ora...
:
Grazie di avermi risposto. Mi rendo conto che siamo tutti noi "tecnici"(architetti, ingegneri, geometri, grafici...) della nuova guardia ad essere su questa bella barca che affonda... quello che mi chiedevo è se è pensabile cambiare completamente tipo di lavoro. Proprio perchè, se tanto devo rincretinirmi davanti ad un pc e non fare ciò che vorrei(e ti assicuro che non ho mai avuto velleità "artistiche" o da grande architetto), a questo punto sto seriamente pensando di fare tutt'altro, e godermi la famiglia che ho rimandato di avere per mancanza di tempo. Magari la mancanza di soldi resta invariata, ma il tempo?Non conosco nessuna categoria di lavoratori subordinati e tanto sottopagati(tranne i cinesi nelle fabbriche abusive,eh!)con i nostri orari. Ma il punto è: in quale settore mi reimpiego? La scuola è satura, e in ogni caso non ho mai creduto negli insegnanti improvvisati; ma non so fare altro che l'architetto...
:
Dimenticavo... Ho un part time 70%,ma non mi sembra che sia questo il punto...se anche fossi full time+straordinari pagati non cambierebbe la sostanza: la vita in questo modo non è vita. E di sicuro non migliora le cose la prospettiva (reale?) della pensione.
:
Salve sono un ingegnere edile e un archtetto di 30 anni.
Mi son laureato da 3 mesi, vivo a Roma, spedisco curriculum dappertutto, ma ancora niente, non son riuscito a trovar niente, son ancora disoccupato.
Quindi, non sò che dirti, 1000 euro al mese per me son ancora un miraggio, e ho anche 2 lauree.
Pensa tu allora come siamo messi.
Se per caso trovi un lavoro di meglio, mi faresti sapere?
Così magari, anche se non è uun buon lavoro, magari in questo studio mi ci ficco io, e mi sblocco da questo stallo.;)
L'Italia scende se,pre più, e ce lo siamo meritati.
Evidentemente la nostra coscienza media nazionale, è molto bassa e poco evoluta, e non pensiamo e risolvere i problemi per poter stare più o meno tutti, sufficientemente o discretamente bene.
Penso all'estero, a qualsiasi paese, se qualcuno ha qualche proposta, può tranquillamente farmi sapere.;)
Saluti Cristian
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.