assicurazione

messaggio inserito venerdì 17 febbraio 2012 da ivana

[post n° 283717]

assicurazione

ciao a tutti, mi consigliate un'assicurazione professionale non eccessivamente costosa?
:
ma allora è obbligatoria?
:
a quanto ne so io diventerà obbligatoria credo da giugno...a me ne hanno proposta una a 650 euro all'anno e pare sia una delle + economiche...tra l'altro a detta del consulente + si avvicina la data dell'obbligo e + saliranno le tariffe...
:
Da giugno??L'assicurazione è obbligatoria dal 24 GENNAIO 2012, con il DL 1/2012...State attenti alle sanzioni ragazzi!!
Purtroppo molti Ordini non lo hanno comunicato agli iscritti, in quanto pensano solo a mandarti e-mail di sollecito per il pagamento della rata di iscrizione annuale, altrimenti la segretaria che sta ad annoiarsi nella sede dell'Ordine come la pagano??
:
BOH..io so che non è ancora obbligatoria
:
e' obblgatoria dal 24 gennaio. Me lo ha comunicato il mio ordine ma la noat era talmente stringata che non si è capito altro. Tipo se è obbligatoria solo se firmo e timbro o se è per tutti. Purtroppo penso che sia la seconda....
:
ma io non ho capito una cosa: è obbligatoria per il solo fatto di essere iscritto all'ordine o è legata alla professione (nel senso che la si esercita tramite PI)? Caso specifico: se sono dipendente e oscritto all'ordine devo ugualmente averla? (ammetto di non aver ancora avuto il tempo di leggere il DL...)
:
Confermo è obbligatoria dalla pubblicazione in gazzetta del DL 1/2012 ovvero dal 24.01.2012. Però fino alla conversione in legge la norma potrà subire modifiche o decadere qualora non venga convertita nei tempi previsti. Io ancora non ho fatto preventivi e mi pare assurdo che per fatturare come finto professionista ad uno studio io debba pure accollarmi l'onere di una assicurazione.
:
ISIL, purtoppo già avere la p.Iva e fatturare come finto professionista è un problema al quale per forza di cose si deve far fronte! E se nascono nuovi oneri per i professionisti (tipo assicuraz. obbligatoria), non ci si può sottrarre. Le strade sono due: stringere i denti e cercare di andare avanti con questa assurda situazione, o decidere di cambiare strada mettendosi veramente in proprio con tutti i rischi che questo comporta.La terza soluzione non vorrei nominarla...ma l'hanno percorsa i tanti colleghi che con le spalle al muro hanno chiuso la P.Iva e sono andati all'estero o aspettano che cambi qualcosa in Italia.
:
tra l'altro....l'ordine mi dice che è obbligatoria da tal data (cioè da un mese fa...cavolo, che tempestivi che sono) ma ovviamente non è che uno prende i primi che gli capitano e si fa l'assicurazione con loro. Serve tempo per valutare preventivi. Non si è capito entro quando bisogna essere assicurati.
Poi tra l'altro ha regione Isil, che fa notare che è ancora Decreto Legge e non Legge....che si fa?Io per la verità ho in programma di firmare dei lavori ma cose ridicole senza rischi di cui uno per il mio ragazzo (CIA) e uno per un mio parente (sempre CIA).... tutta gente che nn mi farà mai causa....Per il resto la mia attività è di finto libero professionista e mi scoccerebbe leggermente pagare anche questo.
:
ragazzi che altro guaio...come possiamo fare a sapere se è obbligatoria da subito o no?' io a giorni devo presentare una CIA..che devo fare?' pfff
:
Purtroppo il fatto che sia Decreto Legge anzichè Legge non cambia nulla; anzi, il D.L. è un atto di legge che entra in vigore subito e deve essere convertito in legge ordinaria dal Parlamento entro 60 giorni, anche con modifiche, pena la decadenza. Pertanto quanto stabilito dal D.L. suddetto ha valore e forza di legge immediatamente.
:
@schizzo
E' obbligatoria da subito. L'art. 9 comma 3 del D.L. 1/2012 recita testualmente:

"3. Il compenso per le prestazioni professionali è pattuito al momento del conferimento dell'incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell'incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. In ogni caso la misura del compenso, previamente resa nota al cliente anche in forma scritta se da questi richiesta, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. L'inottemperanza di quanto disposto nel presente comma costituisce illecito disciplinare del professionista."

:
si, ok, è obbligatoria da subito....ma non è che una persona istantaneamente si assicura. Tempi tecnici per farlo?Entro quanto?Non c'è scritto da nessuna parte, mi pare. Ditemi se sbaglio.
:
infatti..dice bene kia..non è che uno da un giorno all'altro decide..bisogna pur cercare l'assicurazione migliore e di sti tempi non è facilissimo..boh..a me ne hanno offerta una a 650 euro l'anno e già mi sembra troppo..dovrei pure trovare sti soldi visto che pare si paghi in una unica soluzione...che ansia ragazzi!!
:
Mah, qualcuno diceva che le leggi si interpretano..ebbene il dl sopra citato, obbliga a comunicare gli estremi dell'assicurazione, quando ho un cliente ed un incarico (di progettazione, direzione lavori, coordinatore alla sicurezza, ecc.) ma se la P.IVA è la conseguenza di un effettivo rapporto di collaborazione ove se non si firma nulla, perché va fatta l'assicurazione? che si deve assicurare? per altro a me è arrivata dal mio assicuratore un prestampato ove vanno indicati in maniera specifica i campi di attività...e ovviamente il premio salirà in relazione alla tipologia di incarichi che si prendono..io per ora sono in stand by
:
In effetti la Legge non dice niente in merito. Ora possiamo interpretarla in due modi, in attesa che il Governo si pronunci:
Devono assicurarsi:
1) Tutti i professionisti in generale;
2) Tutti i professionisti la cui attività possa provocare dei danni.

Ritengo la nostra attività come ricadente nel punto 2) per la maggior parte dei casi - anche le amministrazioni di condominio - e a maggior ragione qualora vi troviate a fare dei preventivi per lavori di edilizia.
Io l'ho fatta subito all'inizio della mia attività, perciò prima che entrasse in vigore il DL.
:
ho iniziato a guardare dal sito di inarcassa la convenzione che hanno con U****L (non so se posso scrivere il nome per via della pubblicità. Ma scritto così si capisce lo stesso) per capire un attimo di che morte dobbiamo morire.
comunque non stupirei che cambiassero idea di nuovo anche se è decreto legge....
:
x marco:
ma anche io se avessi una attività mia, la prima cosa che farei sarebbe una assicurazione. Il problema è che al momento il 99% della mia attività è collaborare con uno studio il cui titolare firma poi tutte le pratiche che preparo io e se ne assume la responsabilità oltre a prendersi tanti bei soldini.
Quindi rischi zero.
Ma la stessa cosa vale per l'altro 1% della mia attività: se faccio una cia per uno zio che vuole spostare un tramezzo e aprire una porta...che rischi vuoi che ci siano?
:
Hai ragione ma se durante la demolizione di un tramezzo succede qualche infortunio a chi vi sta lavorando di chi è la responsabilità?
:
x marco:
ma nella responsabilità civile professionale non penso proprio che rientri l'operaio che si fa male. Sono coperti errori e negligenze tipo scadenza dimenticata, documento smarrito, errore progettuale, ecc.ecc.
:
x marco:
proprio a fagiolo è passato in studio un geometra di una impresa con cui stiamo lavorando adesso e gli ho posto la questione dell'infortunio all'operaio e dell'eventuale responsabilità di cui parlavi tu. L'unica responsabilità che al massimo posso avere è se l'operaio casca dal tetto perchè non c'era il parapetto e l'architetto che fa il coordinatore sicurezza non ha rilevato tale mancanza.
Se l'operaio si demolisce addosso la tramezza è perchè non ha preso LUI le adeguate precauzioni e ne risponde l'impresa che tra l'altro ha il suo POS.
:
...ah cosa ho scatenato! Grazie per le innumerevoli risposte!
:
Buongiorno a tutti,
proprio ieri sono passata all'Oridne per delle cose mie e ho chiesto appunto se si sapeva qualcosa per questa RC obbligatoria e li mi hanno detto che non è vero che è obbligatoria dal 24/01 ma da quello che ne sanno loro abbiamo un anno di tempo ancora per adeguarci, che sia quindi il 24 gen 2013? L'Ordine è quello di Milano. Buon lavoro a tutti!
:
Ah, benone!ogni ordine dice la sua. Soldi ben spesi (iscrizione annuale)......
:
Si brava Kia penso la stessa indentica cosa..cmq...ho trovato questo articolo nel quale si dice, in poche parole, che il decreto è il 138/2011 detta un obbligo sul RC professionale però gli Ordini hanno tempo fino al 13 agosto 2012 per recepire e quindi adeguare i suoi ordinamenti

www.finanzaediritto.it/articoli/la-polizza-rc-professionale-diventa-…
:
la risposta che mi ha dato il consigliere Antonio Bugatti dell'ordine di firenze.

"Dovrebbe essere conculsa l'epoca del "intanto lavoro e poi si vedrà......". Ci devono essere incarichi per qualunque cosa si faccia di professionale; il discorso deve valere (avrebbe dovuto valere anche prima!) anche nel rapporto tra professionisti. Questo per dare una risposta generale; poi va vista la casistica, che si può suddividere schematicamente nei due casi: si collabora con firma o senza firma....In entranbi i casi ci vuole l'assicurazione, con tipi diversi di copertura. Nel primo caso si è corresponsabili e quindi chiamati in solido a risarcire un eventuale danno, nell'altro caso (collaborazione) si deve coprire dal singolo danno producibile al committente-professionista in relazione al tipo di lavoro (disegnatore che sbaglia un disegno, contabilizzatore che sbaglia un computo, un assistente di cantiere che non assiste bene e così via....!)

L'assicurazione non serve solo nel caso in cui c'è rapporto di lavoro dipendente, ed è il datore di lavoro a fornirla al dipendente, se ritiene."
Le comunico altresì che la sua domanda (in forma anonima) e la risposta sono stata pubblicate su questa pagina del nostro sito.

:
ciao a tutti,
confermo che la data ultima per adeguarsi è il 13 agosto 2012 (cioè a un anno esatto dal decreto-legge 13 agosto 2011).
Non è vero che bisogna pagare in un'unica soluzione (come per tutte le polizza asicurative il pagamento può essere frazionato), comunque questo dipende dalle compagnie assicurative.
Per quanto riguarda il premio, si può trovare sicuramente meno di 650 all'anno. Comunque non si tratta di una tariffa standard. dipende da diversi dati, principalmente il fatturato.
La cosa migliore è rivolgersi direttamente all'assicurazione (ovviamente più di una per poter fare un confronto): i preventivi sono gratutiti e senza impegno
:
Teresa, è una opinione di un consigliere..ha anche ragione in linea teorica, ma solo se qualsiasi forma di collaborazione fosse adeguatamente retribuita..sappiamo che ciò non è, e allora il titolare, che firma, che paga molto poco, perché di fatto spesso adduce la scusante che vi sta formando, cioè vi insegna quello che l'università non da, dovrebbe allora assumersi la responsabilità di controllare attentamente il lavoro fatto dai sottoposti...solo dopo un adeguato praticantato ciò non avviene più, però a quel punto se aumentano le responsabilità del collaboratore, al punto tale che sia obbligato anche ad avere una specifica assicurazione sui rischi della sua attività, allora anche il compenso deve adeguarsi..e qui casca l'asino, perché siamo 140.000, ce la dobbiamo battere con i 230.000 ingegneri (che poi solo in parte si occupano di edilizia) e i 100.000 geometri..prendere un lavoro e farselo pagare il giusto è un casino..ora non c'è nemmeno come base di riferimento il tariffario..c'è una crisi di sistema che chissà quando passerà..mi vien da dire che il consigliere parla bene, ma probabilmente non fa l'architetto, o lo fa ma è ricco di famiglia quindi non gli serve per campare
:
Se sei coordinatore o responsabile dei lavori l'assicurazione ti copre se l'operaio si fa male!!!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.