Stipendio che dovrei prendere...

messaggio inserito domenica 21 ottobre 2012 da Marta

Marta : [post n° 301567]

Stipendio che dovrei prendere...

Ecco, giusto per ipotesi... assodato che sono fortunata ad avere un lavoro e uno stipendio... secondo voi quanto dovrei prendere al mese, netto? Lavoro in una azienda che si occupa di progettazione di interni. Sono spesso all'estero a parlare con i clienti, presentando i vari step dei lavori, e fare sopralluoghi in cantiere. Non ho una esperienza al top, potrei definirmi una junior architect, ma questi viaggi me li fanno affrontare da sola e da sola gestisco i progetti delle ville. Lavoro da quattro anni in questa azienda... e solo da qualche mese ho avuto un aumento di stipendio arrivando a prendere 1300 euro. Sono pochi o giusti? Non ho metri di paragone per capirlo per questo chiedo a voi.
luca :
secondo me è tanto visto che sei dipendente, alla fine con la partita iva si guadagna molto meno che da dipendente e non si hanno tutele come feie e malattie
Edoardo :
50%. ;-)
Den :
mah....vedenda la media degli studio italiani ritieniti fortunata, se lo paragoni con il resto del mondo è sempre sotto la media
Francesco R. :
tenere con le unghie e con i denti!!!!!

che di questi tempi non ci si deve lamentare
Ily :
X Luca

Tanto?!? Secondo me invece è il giusto.
Anzi, se Marta lavora più delle solite 40 ore è pure poco.
Mi spieghi come ci vivi con 1300 euri netti? Ci vivi dignitosamente, ma stando attentissima a tutto.
luca :
x Ily hai ragione ma dimmi chi ti paga di piu'? gli stipendi sono quelli per i laureati e stranamente per gli operai sono mooolto piu' alti
Kia :
E invece secondo me è poco! Sono stupefatta anche dai commenti dei colleghi. Vogliamo smettere di appiattirci verso il basso? La nostra collega va all'estero e gestisce in autonomia progetti di un certo rilievo non fa mica la segretaria. 1300 euro li prende la segretaria per rispondere al telefono. E un operaio, con tutto il rispetto per il lavoro che svolge, prende più di 1300 euro e lo mandano a fare anche tutti i corsi per aggiornarsi a a spese della ditta.
kappesimo :
dovresti prendere almeno il doppio, pazzesco leggere certi commenti che la ritengono adeguata
Edoardo :
Pure io prendo sui milletrè, ma quando mi chiedono "iniziativa" faccio capire loro che per averla dovrei essere socio. Dopo parlano del tempo o di calcio. Per ora...
Francesco R. :
Vorrei chiarire una cosa su quanto ho detto:
non ho detto che è adeguata, infatti non lo credo per niente.

volevo solo dire che, vista la situazione corrente del mercato e gli stipendi (se cosi si possono chiamare) che ci sono ora, un lavoro che dia 1300 euri va tenuto.
ponteggiroma :
Non so dove viviate voi, ma qui a roma con 1000 euro ci paghi l'affitto di un appartamento o una rata di mutuo... Possono essere accettabili se non hai responsabilità di alcun genere come dice giustamente edoardo, ma se devi andare all'estero e prenderti responsabilità progettuali con i clienti.... Io ti consiglierei comunque di andare avanti per un pò ed acquisire padronanza del tuo lavoro in modo da ..."coltivarti" bene i clienti esteri, quando sono ..."cresciuti" e sarai cresciuta anche tu, vedrai che saprai benissimo cosa fare.
DNArch :
cara Marta certo il periodo nn è proprio dei più favorevoli, se faccio un rapporto alla mia situazione per me è tantissimo. nn lo ritengo adeguato cmq il tuo compenso per il lavoro che svolgi. mi piacerebbe sapere in quale società lavori cosi potrei migliorare decisamente la mia situazione e dico decisamente visto che adesso lavoro da un anno senza paga!!! ciao a presto
inca1996 :
quoto in pieno Kia, non dobbiamo continuare a pensare che il nostro lavoro vale così poco, se no non troviamo nessuno che ci paga di più. dobbiamo essere noi i primi a darci valore!!
kitto :
Da quando mi sono laureato sino ad oggi, che ho un mio studio (x edoardo, pensa che sono dell' '80 e mi sono laureato nel 2008, alla faccia tua:)), ho cambiato decisamente la percezione del "quanto dovrei guadagnare". Nel senso che all'inizio ritenevo fosse giusto pretendere lauti compensi per il solo fatto che fossi un architetto. Col tempo ho dovuto ricredermi per un motivo molto semplice: quando dipendi da un altro, prima di chiedere devi dare; cosa ho prodotto questo mese? quanto ha guadagnato il mio datore di lavoro grazie a me? Queste sono le domande che devi porsi un dipendente; se poi sei un operaio o un architetto è un problema tuo. Mi spiace essere piuttosto duro, ma credo che questa sia la realtà. Le lotte di classe sono finite nel secolo scorso: oggi c'è operaio e operaio, c'è architetto e architetto. Marta, oltre al fatto che vai all'estero, cosa fai esattamente?
luca :
x Kitto, è strano quello che dici perchè alla fine il dipendente non si deve fare domande, gia' il termine indica una persona che non ha potere decisionale "dipende" preoccuparsi del datore di lavoro ha senso solo se c'è una prospettiva ma nel 99% dei casi non c'è di questi tempi
Edoardo :
Kitto, mai pretendere lauti stipendi solo perchè si è (abilitati) architetti, mentre è giusto vedersi riconosciuto il proprio lavoro, che sia fare il braccio-cad, oppure il tecnico di cantiere, piuttosto che quello che con un'idea ti fa vincere un (vero) concorso. Il merito è: "Quanto deve essere riconosciuto e COME il proprio lavoro?".
Chi fattura milioni di euro grazie a gente con le palle che manda avanti lo studio ed ha ottime capacità QUANTO dovrebbe far fatturare a loro (p.iva, mettiamo) in percentuale su un lavoro dove (MI VIENE IN MENTE UNA NOTA ARCHISTAR) si ha la faccia per chiedere ed ottenere 22 MILIONI di euro?
Grazie a me hanno prodotto in studio un progetto di piano particolareggiato che grazie ad alcuni accorgimenti in sede comunale, recepiti e reinterpretati da me hanno approvato e venduto. Venivo coinvolto e presentato alla commissione dal capo dei capi.
Fattura= 100.000,00 euro (loro), io percentuale=0% PERO' per potermi tenere mi hanno pagato anche quando c'era poco, ora hanno bisogno e mi hanno provvisoriamente ri-assunto a tempo pieno, dopo mesi in cui prendevo lo stipendio e facevo poco perchè c'era poco. Quanto valgo? Sono certo consapevole di dovermi adattare, ma sono altrettanto consapevole di quale può essere il mio valore aggiunto dimostrato e di quanto questo possa essere condiviso da molti (tu quoque) che magari ingiustamente si abbattono e mortificano. Pensa ad uno squalo: se scappi sei una preda, se contrattacchi magari ti rispetta e scappa.
Quindi mai pretendere soprattutto se non si ha esperienza (che serve anche per autodefinirsi in funzione del mercato), ma MAI e poi MAI farsi vedere passivi e remissivi, magari bluffa, ma sii consapevole di chi sei e di cosa puoi fare.
Edoardo :
E' meglio un diamante ricoperto di merda che una merda che luccica come un diamante, per questo dobbiamo pazientemente costruirci un futuro anche passando per fasi umilianti o difficili, ma consapevoli e non arrendevoli.
Per esempio io non mi interesso più di architettura attivamente, ed in questo sbaglio. ;-)
ponteggiroma :
ragazzi secondo me ste facendo un casino inutile marta ha scritto chiaramente che non ha molta esperienza e che si definirebbe arch. iunior, pertanto è giusto che si faccia un pò le ossa sul campo. Quello che ribadisco io è che a mio avviso ha ottimi presupposti per prepararsi una rosea carriera sapendosi scegliere gli agganci giusti all'estero e coltivandoli a dovere. Certo se comincia da adesso a battere i piedi e chiedere di + a mio avviso si brucia da subito.... Dovrebbe avere un pò di pazienza e spingere sui contatti interpersonali (non potete immaginare quanto siano importanti!)... Bisogna farsi apprezzare per quello che si vale, e non dal datore di lavoro, il quale ha tutti i motivi per tenerti nascosto, ma dai PROBABILI FUTURI CLIENTI!!! A buon intenditor poche parole...
Kia :
Scusate, ma Marta ha scritto che lavora da ben QUATTRO anni per questa azienda, mica da due settimane. Se la mandano all'estero a trattare con i clienti significa che la ritengono una persona capace e quindi 1300 euro sono inadeguate.
Marta :
Grazie a tutti per i commenti. In effetti so di essere fortunata a fare queste esperienze, ne faccio tesoro e nei momenti difficili e di tensione stringo i denti. So di essere cresciuta da quando ho cominciato e so che ho ancora tanto da imparare... Ogni progetto ha le sue particolartà. Solo di tanto in tanto mi abbatto pensando di essere sottopagata... Ovviamente gli straordinari sono per la gloria, ma li si fanno per senso del dovere e per rispetto ai clienti. Allo stesso tempo so che fino a pochi mesi fa 1300 euro sembravano una chimera! Credevo che avrei preso 1100 per tutta la vita! Quindi... Si.... Si và avanti e vedremo che succede!
desnip :
Certo, lo stipendio è proprio basso, però la consolazione può essere che si fa il lavoro che ti piace e si viaggia pure! Per me sarebbe il massimo...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.