Proposte sconvolgenti

messaggio inserito lunedì 6 marzo 2017 da Leonardo

Leonardo : [post n° 394332]

Proposte sconvolgenti

Mi chiama un amico X che mi dice che un suo amico Y ha bisogno di un architetto, gli dico di lasciarmi il numero che, se posso e voglio, chiamo. Tempo 10 minuti mi chiama Y direttamente. Tutto allarmato e agitato, dice di avere un bisogno urgente di un architetto (questa proprio mi mancava, un bisogno urgente di un architetto. Mah). Mi dice che avrebbe bisogno urgente di una perizia tecnica su infiltrazioni di acqua in un locale scantinato di un condominio in un parco pubblico. Aggiunge, incazzato nero, che l'amministratore condominiale ha già fatto preparare una perizia da un suo tecnico di fiducia il quale ha attestato che occorre una chiusura dei locali da parte dei vigili per lavori di risanamento. Lui mi dice che non ci crede e che teme che il tecnico, che ha già firmato una perizia disponendo la chiusura, sia d'accordo con l'amministrazione per realizzare dei lavori in realtà non necessari. Quindi Y voleva che io facessi questa perizia ma che in realtà dovevo già sapere cosa scrivere, ovvero che il locale era accessibile e bastava una pittata in sostanza. Ovviamente gli ho detto che questa cosa di firmare cose al buio od anche dopo aver fatto un sopralluogo ma andando contro il parere di un altro tecnico, che aveva preso una decisione così chiara ed inequivocabile (chiudere il locale), non era una cosa fattibile. Ma lui insisteva fortemente dicendo che era sicuro di se. Tutto questo me lo ha chiesto di martedì perché la riunione di condominio si teneva venerdì e Y poteva battagliare con l'amministratore forte della mia perizia, di parte.
Hahahahaha.
Ovviamente non ho accettato e non ne ho voluto sapere nulla al riguardo e l'amico Y non ha più telefonato...
Resta un enorme....... MAH
ponteggiroma :
sinceramente non ci vedo nulla di strano nell'affermare qualcosa di diverso rispetto a un altro tecnico, sono perizie di parte. Piuttosto, prima di decidere se farla o meno, avrei fatto un sopralluogo per poterne trarre delle conclusioni il più possibile obiettive. In merito allo scrivere ciò che mi dettava il cliente, ovviamente mi trovi d'accordo.
Leonardo :
sono d'accordo ponteggi... ma lui mi ha chiamato con una certa urgenza proprio perché gli serviva un tecnico che dicesse il contrario... insomma... con 2 giorni di tempo poi...
Kia :
Leonardo, valuta bene. Bisogna che tu faccia un sopralluogo ed essere realmente convinto di ciò che si mette in perizia cioè assolutamente non scrivere sotto dettatura del tuo cliente perchè ne va della tua credibilità futura. Insomma, se secondo te il tuo cliente non ha assolutamente ragione, non fare quello che ti chiede ma fatti pagare comunque il disturbo del sopralluogo e della valutazione. Tra l'altro mi viene da dire che è uno poco serio perchè le assemblee se non sbaglio vengono convocate almeno 15 gg prima quindi c'era tutto il tempo per sopralluogo, chiacchierata con amministratore ecc.ecc.ecc. Io diffiderei da queste "urgenze"....
Leonardo :
grazie kia... si, è quello che ho fatto. Poi io sono appena laureato e iscritto all'ordine insomma... meglio lasciar stare
Ily :
Io ho fatto una consulenza strutturale in cui dichiaravo un certo intervento non ammissibile per la statica del palazzo. Ho fatto i sopralluoghi e in coscienza di tecnico ho dato ragione alla mia cliente. Lo strutturista del condominio invece pare sostenga che l'intervento si possa fare. Ma io SO di avere ragione perché ho sottoposto la mia perizia a un altro collega molto esperto che mi ha dato ragione.
Io avrei accettato l'incarico, fatto i sopralluoghi necessari e scritto il mio parere tecnico secondo quanto risultante dalla mia esperienza professionale.
desnip :
Leonardo, visto che sei giovane, impara una cosa: i clienti hanno sempre URGENTE bisogno dell'architetto!
Tranne quando devono pagarlo...
Kia :
parole sante.
Leonardo :
La butto li... secondo me il nostro problema è che facciamo moltissimo lavoro prima di iniziare il cantiere... ci smazziamo in quella fase li, che per loro è invisibile. Una volta che comincia il cantiere e loro vedono gente sudare e faticare (che per carità, stanno guadagnandosi la pagnotta onestamente) passiamo poi per quelli che "non fanno niente" che "hanno fatto 4 disegni e poi passano di tanto in tanto"... e quindi gli viene il rifiuto di pagarci, non la sentono come "urgenza". Anche perché un'altra credenza è quella che noi architetti siamo tutti RICCHI -.-
Sbaglio?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.