Ossigeniamo il cervello

messaggio inserito venerdì 24 maggio 2019 da Leonardo

[post n° 421667]

Ossigeniamo il cervello

Facciamo un gioco,
io vivo a Napoli. In Italia ho trascorso qualche giorno nei seguenti capoluoghi di provincia: Palermo, Messina, Olbia, Lecce, Bari, Salerno, Caserta, Roma, Perugia, Bologna, Firenze, Siena, Pisa, Venezia, Padova, Milano, Genova.
Sono un napoletano atipico, amo la mia città ma mi è piaciuta tantissimo Milano, mi ha folgorato, ci tornerei ogni volta che posso. Se potessi scegliere di cambiare aria, però, mi trasferirei a Milano. L'ho trovata dinamica, giovanile, aperta, in poche parole europea. Anche Palermo l'ho trovata meravigliosa, ma ha in parte gli stessi pregi e difetti di Napoli, risultando però molto più "piccola", mi starebbe stretta insomma.

Voi, potendo cambiare città e restando in Italia, dove vi trasferireste? Paesini esclusi
:
Milano tutta la vita.
Città cosmopolita, giovane, dinamica dove il mindset ed il lifestyle è molto contemporaneo, europeo, polo culturale, imprenditoriale e finanziario importantissimo.
:
Milano e/o altre metropoli, MAI, infatti sono andato a vivere in provincia di Roma perchè mi mancava l'aria. Se potessi e non avessi impedimenti logistici prenderei una baita sull'appennino ligure o tosco emiliano, ma siccome il post parla di città e non voglio andare fuori tema, opto per una tranquilla cittadina a misura d'uomo di taglio medio piccolo possibilmente del nord come: Parma, Pavia, Siena.
:
Bologna, Parma o Urbino, la prima su tutte
:
Siena
:
e ovviamente condividi 100% ponteggi... in città mai, manca l'aria anche a me
:
mantova o siena
:
AOSTA (così vado a sciare). La moglie la spedisco a TRAPANI (così va al mare).
:
Opterei per una città di medie piccole dimensioni. Amo la Toscana (sono Abruzzese) anche se la mia terra la rimpiangerei per il resto della vita.
Medie e piccole dimensioni perché, per la nostra professione, si hanno più possibilità di emergere, anche se in quelle grandi c'è più mercato, più lavoro e potenzialmente personaggi disposti a spendere di più su di un progetto per la vera qualità e professionalità.

Insomma pro e contro ci sono ovunque. E forse, la mia città non la lascerò mai. 30 minuti dalla montagna e 20 minuti dal mare. Il problema è il provincialismo estremo delle realtà al di sotto dei 100.000 mila abitanti che soffoca.
:
Azz Siena va forte... quotatissima
:
Milano, per i motivi che ha scritto FranzArch. Però come residenza preferirei non in centro.
Unico svantaggio: essere pendolare, ma dipende dai casi.
Mi ispirano molto Bologna, Brescia, Siena, ma forse ci sono stato poco tempo per una valutazione più definita.
:
E' un periodo che mi reco spesso a Ferrara con la famiglia... beh, per me è più godibile e varia di Bologna, a livello di centro storico. Più umana forse. Bologna ha un fascino enorme ma non ha gli spazi urbani luminosi e aperti di Ferrara. Ed ho abitato in centro a Bologna per oltre 9 anni facendo l'out-commuter per lavoro.
:
Milano per la qualità della vita e per le opportunità di lavoro. Non certo per la bellezza della città, per la quale non cambierei mai Napoli....
E cmq a differenza della maggior parte di voi io amo la dimenisone metropolitana e la provincia la lascio alle vacanze. Infatti se non ci fossero stati i limiti territoriali avrei detto New York tutta la vita.

P.S.: Edoardo, che è l'out-commuter???
:
Desnip me lo chiedevo anche io... comunque questo fatto che i napoletani amano Milano è da studiare... secondo me deriva dal fatto di vivere in una città caotica, estremamente caotica, e di vedere in Milano una città comunque ricca di vita come Napoli ma decisamente più "ordinata". Almeno io così la vedo. Checchè se ne dica a Napoli di vita ce ne è in abbondanza, per se e per i suoi, quindi chi è abituato ai ritmi, rumori, alla folla, difficilmente riesce a vedere come luoghi in cui vivere le piccole realtà...
:
Desnip, l'outcommuter è il pendolare al contrario, che quando torna a casa sua, dall'amena campagna al tramonto in cui lavora, bestemmia come una faina se non riesce a parcheggiare perchè c'è una partita di basket a 50 metri da casa sua o un concerto... e pensa al perchè in centro nessuno studio gli abbia fatto un contratto serio a differenza che nella "sfigata" provincia. Capisc'ammè?
:
E che vuoi fa'... io sono vecchia. Quindi, parla comme t'ha fatto mammeta! :-)
:
Milano... qualità della vita?
Tutte le volte che ci sono stata ho visto gente di fretta, frenetica e stressata pure mentre faceva lo struscio il sabato pomeriggio!
:
dopo avervi riletto - ed aver avuto un tuffo al cuore pensando a Ferrara - mi è tornata in mente Trieste
:
Bah... Ily io in vita mia lo struscio l'ho visto fare soprattutto in provincia. (E io sono una che vive in provincia).
:
A Ily piace Siena... a Illy Trieste. :- )
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.