Quanto vi fate pagare dai parenti?

messaggio inserito lunedì 30 settembre 2019 da Leonardo

Leonardo : [post n° 425006]

Quanto vi fate pagare dai parenti?

È un mio dubbio esistenziale...
Se mi chiedono un consiglio è gratis, ma se si tratta di progettazione e direzione lavori... a volte faccio prezzi stracciati, ma non so se faccio bene, perchè poi se vado al supermarket del parente i 100 grammi di mortadella li pago uguali non è che me li regala....
voi come vi regolate?
Nina :
Dipende da quanto sono stracciati i tuoi prezzi, uno sconto ci sta ma bisogna porsi dei limiti. Anche perchè in caso di problemi la responsabilità non ti viene scontata, anzi, con i parenti è anche peggio.
Edoardo :
A me un ristoratore/albergatore voleva pagarmi con piatti di tagliatelle. Gli andò bene che troncai perché sarebbe andato in bancarotta.
ponteggiroma :
I miei parenti non mi hanno quasi mai chiesto niente e quelle poche volte che gli ho dato un consiglio hanno sempre fatto il contrario.
Che dite mi devo preoccupare o esserne contento? Io propenderei per la seconda
Nina :
Se dalle nostre parti si dice "cu amici e parenti n'accattà e nun venner niente" (da amici e parenti non comprare e non vendere niente) un motivo ci sarà :D
carlo :
Qualche anno fa ho abbozzato una SCIA per una pergola, per conto di parenti.
Ho verificato alcune misure con veloce rilievo, ho fatto una bozza di elaborati, ma è sopraggiunto un ritardo dovuto ad una richiesta di spostamento linea aerea enel (che hanno gestito direttamente i parenti).
Ad oggi la pratica è in standby...a detta dei parenti per colpa di enel...mah
Alessandro :
ponteggiroma tutta la mia comprensione, il vantaggio è che poi quando arrivano i problemi non te lo dicono proprio più, perché scatta un minimo di senso di colpa e non hanno voglia di sentir dire un clamoroso "Te lo avevo detto!"
desnip :
Leonardo, io esattamente come te... faccio prezzi stracciati e a volte me ne pento.
Però devo dire che a volte le cose ti tornano.... Anni fa feci un progetto per un'amica e non mi feci pagare. Le dissi che le avrei fatto un preventivo al momento di presentare la pratica, ma poi si decise di non fare il lavoro, quindi niente pratica e io non chiesi niente.
Ora ho avuto bisogno di alcune fisioterapie e mi sono affidata al marito della mia amica, giusto perchè lo conoscevo. Ebbene non solo non ha voluto essere pagato, ma è venuto anche a domicilio. Gentilissimo, indubbiamente. Cmq io ora mi sento lo stesso in debito, perchè il lavoro va sempre retribuito.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.