ACE: destinazione d'uso effettiva diversa da quella autorizzata

messaggio inserito martedì 7 giugno 2011 da Alim

Alim : [post n° 264781]

ACE: destinazione d'uso effettiva diversa da quella autorizzata

Ciao a tutti,
devo fare un'Ace per una compravendita. Rientrerei nella casistica per la quale posso usare il Docet ma....

L'immobile ha sì destinazione d'uso residenzale (al catasto e in comune) tuttavia il proprietario mi ha detto telefonicamente (spero di aver capito male) che ci sono degli uffici.
Nell'attesa di fare il sopralluogo e veriificare di persona, mi chiedo: posso usare lo stesso il Docet (solo per edifici residenziali esistenti)?
Il fatto che oggi lo usino come ufficio mi cambia qualcosa dal momento che verrà venduto (e quindi rimane comunque residenza)? Devo dichiarare da qualche parte che la destinazione d'uso attuale è diversa da quanto autorizzato?

grazie a tutti
rdA :
..nel caso lo certifichi come ufficio...praticamente denunci l'abuso...ergo..certifica l'immobile per quello che è la sua destinazione d'uso..saluti lc
Ante e Post :
La compravendita verrà fatta per una residenza e quindi anche l'ACE deve essere fatto per una destinazione residenziale, non può esserci discordanza.
Da tecnico puoi:
A- redigere l'ACE per una destinazione residenziale
B- rifiutarti a causa dell'abuso


ipso_facto :
suggerisco, se posso, la seconda.

Oppure, convinci il proprietario a regolarizzare la situazione (se possibile) e poi fai il certificato.

Il Certificato di destinazione urbanistica ed anche l'Attestato di Certificazione Energetica altrimenti, riporterebbero una situazione non vera. Poi l'acquirente potrebbe chiedere la risoluzione per vizio nel bene venduto.



Fra :
con cened+ mi sono capitati casi analoghi per delle locazioni. io semplicemente attesto che la destinazione d'uso catastale non coincide con quella effettiva; cioè io da tecnico riporto quello che rilevo. poi comunque bisogna verificare che, se l'immobile è A2 ad esempio, il prg o pgt del comune ammettano per la zona in questione anche l'uso a ufficio, nel qual caso il proprietario dovrebbe registrare in catasto la variazione in A10
Pitosto :
Se il proprietario non effettua il cambio di destinazione d'uso e viene rogitato come residenziale, io lo certificherei come residenziale...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.