Allegato F ENEA - Risparmio energetico stimato - tende da sole

messaggio inserito giovedì 19 ottobre 2017 da ArchiG

[post n° 401981]

Allegato F ENEA - Risparmio energetico stimato - tende da sole

Salve a tutti,
sto compilando la richiesta di detrazione fiscale per l'installazione di una tenda da sole. L'allegato F mi chiede di scrivere il "Risparmio energetico stimato"...
In alcuni siti ho letto che bisogna mettere 0 a prescindere in quanto il sito non ha una procedura di calcolo automatico, in altri siti ho letto che si mette 0 solo se non si ha in casa un impianto di condizionamento. Il mio caso è il primo e cioè ho la tenda e l'aria condizionata in casa...Chi è a conoscenza di questo problema sa eventualmente consigliarmi cosa scrivere? Grazie in anticipo.
:
Nel tuo caso, per stimare il risparmo energetico dovresti effettuare un calcolo analitico ma, vista la complessità della procedura, ti consiglio di inserire il valore zero.
:
Consiglio di fare molta attenzione al valore di risparmio energetico che si inserirà nell’allegato F (campo n°13).
Purtroppo il vedemecum Enea sulle schermature solari sembra (e sottolineo sembra) suggerire che sia sempre consentito inserire “0”, ma non è assolutamente così. Infatti indica che è POSSIBILE inserire il valore, ma non dice quando...
Fortunatamente, dopo un lungo periodo di buio a riguardo, l’Enea nella FAQ 47 ha ben precisato quando e su che base debba essere calcolato, sia nel caso delle chiusure oscuranti (persiane, tapparelle, avvolgibili, ecc.) che in quello delle tende da sole.
Per ciò che concerne le tende da sole è corretto scrivere "0" solo se l'abitazione non è dotata di condizionatori. In caso contrario, il valore va calcolato.
Io e i colleghi abbiamo interpellato l'Enea per sapere quale procedura di calcolo poter applicare e ci è stato risposto che, non essendoci alcun decreto che abbia dato neppure una minima indicazione a riguardo, non esiste un metodo analitico "ufficiale" specifico per la richiesta del bonus. Quindi ci è stato suggerito di usarne uno in grado di fornire una stima realistica, ma non necessariamente esasperata.
Per cui, sulla base di modelli usati per rilievi di risparmio in altri ambiti, i colleghi hanno approntato un foglio di calcolo che, senza scendere in dettagli troppo tecnici, rileva il dato necessario basandosi sui consumi di modelli di condizionatori split raffreddati ad aria di differenti classi energetiche in funzione per 500 ore l’anno. Si ottiene così un dato verosimile.
Insomma, non è tanto la precisione che conta, ma la stima bisogna farla. Altrimenti l'allegato F è passibile di contestazione in caso di verifica fiscale.
Mi aspetto a questo punto che qualcuno dica: "Tanto nessuno le controlla queste cose" .
Purtroppo, dati alla mano, sulla base delle oltre 200 pratiche l'anno che noi seguiamo, un 10-15% di esse subisce controlli da parte del Fisco entro i due anni successivi.
E, se c'è anche solo il sospetto di qualche anomalia, si procede con controlli approfonditi interpellando gli enti coinvolti a seconda dei casi (Enea, Asl, Comuni, ecc.).
Morale della favola: eviterei di scrivere "0" solo perchè subentra la scocciatura di dover far fare un calcolo. Meglio spendere 100-200 euro (tra l'altro detraibili anch'essi al 65% in quanto spesa professionale connessa alle detrazioni) per far gestire la pratica ad un professionista, che rischiare il ritiro del bonus e le conseguenti sanzioni.
:
Scusate, ma la detrazione al 50% include anche interventi di 'Risparmio Energetico'.
E' possibile quindi acquistare tende da sole ed evitare tutta la burocrazia della detrazione del 65%, ma usufruire di quella al 50% rispettando i vincoli, molto più semplici che la detrazione al 50% ha???
Ad esempio per la caldaia o i condizionatori, infissi, è possibile usufruire anche del 50%, oltre a quella del 65%.
Grazie.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.