esame di stato

messaggio inserito giovedì 17 luglio 2008 da simone

simone : [post n° 168659]

esame di stato

ragazzi non fate l'esame a pescara...è uno schifo...su 95 iscritti ne sono passati 27...una vergogna....ma questi si rendono conto...!!!no pesacara!!!
aury :
purtroppo non c'è niente di strano, anche pescara è in media con molte altre sedi per via di percentuali bassissime di promossi! non che questo sia giusto, assolutamente non lo è, però è la (triste) realtà dell'esame di stato!
simone :
lo so' che non c'è ninete di strano...pero' basta con questa falsa dell'esame di stato...dopo tanti sacrifci di anni a studiare...questi in otto ore decidono il futuro di una persona...secondo me non sanno valutare...c'è un giro dietro
elena :
il problema serio è che non si è più abituati ad essere esaminati seriamente. Una volta le stragi iniziavano dai primi anni del liceo, se ne bocciavano così tanti che l'anno successivo si dovevano riunire i superstiti di due classi. Ora anche l'università promuove senza farsi troppi scrupoli. E questo è il risultato! Una valanga di persone che si presenta all'esame di stato pensando che basta aver fatto "bene" l'università. Senza quindi avere cognizione di cosa sia la professione. Anche un esame come questo, nella sua intera ingiustizia di metodo, deve essere affrontato, perchè la vita e la professione stessa ne riserverà di ben peggiori.
carla_s :
quoto elena che ha centrato in pieno.
lucabs :
un pò ha ragione elena.... Basta vedere certe volte che domande compaiono su questo forum....

Certo non bisogna fare di tutt'erba un fascio, xò...
aury :
scusate, ma il discorso era ben diverso.. io non ho detto che l'esame non sia da fare, ho semplicemente detto che le percentuali di promossi sono veramente basse quasi ovunque e che pescara non è peggio di altre sedi! ad ogni modo, credo che sia sotto gli occhi di tutti che la selettività di questo tipo di esame NON è ASSOLUTAMENTE GARANZIA DI QUALITA', perchè spesso quelli che passano non sono i migliori! un esempio semplice semplice? una tipa che avevo vicino all'esame (nettamente più grande di me) non riusciva neanche a calcolare una pendenza e a capire che il 5% di 40 m sono 2 m e non 20 m: ho perso 25 min a spiegarglielo e lei è passata, io no.... ditemi voi...
archy :
ho provato l'esame a giugno e un professore della commissione, metre passeggiava tra i tavoli, ha detto: "ah, questi giovani architetti... bisogna osteggiarli un po' perchè altrimenti per noi che già esercitiamo da tempo c'è troppa concorrenza!" adesso, secondo te, fino a che punto poteva essrere una frase puramente scherzosa?? a me sembra che nasconda una chiara realtà. l'esame non è strutturato in modo serio, di conseguenza non valuta realmente le capacità dei candidati. aury ha ragione quando dice che non passano necessariamente i migliori! e promuovono così poca gente, forse, anche x il motivo che il caro prof ci ha indicato nella sua passeggiata...
simone :
la mia è una critica...io non dico che dobbiamo passare tutti...altrimenti ne vuoi case che cadono...pero' le commissioni fanno schifo....(piccola parentesi: la sanità in abruzzo...avete visto che schifo...la facoltà...il solito mangia mangia...)le voci circolano...solo che nessuno prende provvedimenti...
simone :
sono daccordo con archy...mi è capitato nell'ultima sessione d'esame...una specie di architetto..ignorante ...diceva che c'era troppa gente a fare l'esame...è la prossima volta sarà ancora peggio...forse era veggente!!!!....ma!!!
boken :
L'esame di stato per qualsiasi abilitazione non serve a nulla! Pensate che l'Italia è l'unico paese che ce l'abbia!
Quando è venuto Mayer a Roma per il progetto dell'Ara Pacis, gli hanno fatto sostenere un colloquio come se fosse esame di stato" insieme agli studenti. E' pazzesco!!!!
L'esame serve solo a fare entrare soldi alle università e a a mantenere le pensioni degli Architetti che non fanno una mazza ed a spenedere soldi per cappellate inutili (mostre e viadicendo)
simone :
sono daccordo con BOKEN...solo soldi...e soldi...loro devono guadagnare...300 euro di tassa...per 95 persone...solo per una commissione..e beè!!!! altrimenti come fanno a campare..!!!l
simone :
per revisionare il tema ...bisogna aspettare un mese...il 23 agosto...ma vi rendete conto...ma come??...uno non lo passa...e per revisionare...deve aspettare un mese a partire da oggi. (facoltà di pescara)...la migliore delle peggiori....fra poco chiederanno anche una marca da bollo...vedrete!!!
elena :
l'esame sarebbe inutile se ci fosse un vero tirocinio. Ma chi di voi con il suo bel titolo fresco fresco, è in grado di portare a termine correttamente la realizzazione di un opera, dalla pratica da presentare in comune fino alla chiusura dei lavori. Questo è un mestiere dove ci vogliono anni per saperlo gestire al meglio. Gli aggiornamenti devono essere continui. E poi la concorrenza già c'è, siamo numerosissimi, qualche centinaio in più non cambierebbe la situazione già ora disastrosa. Pensate a prepararvi meglio e a non crearvi alibi, che di architetti poco preparati ce ne sono già abbastanza ed anche per questo contiamo meno di nulla.
simone :
infatti di architetti poco preparati..cìè ne sono...anche ignoranti...
cmq l'importante è fare esperienza in degli studi ....pratica e pratica...altro che esame di stato...la pratica, la responsabilità del lavoro....questo è piu' importante ...il saper dimostrare di saper fare l'architettura....lavoarate e lavorate...
boken :
Solo la pratica ti abilita. Per l'esame non ho aperto libro e fatto nulla. Ma ho consegnato tutto il lavoro richiesto. La preparazione me l'ha data la pratica che sto facendo.
Inoltre per la tesi oltre a progettare l'albergo ho dovuto progettare e dimensionare la struttura, valutare gli impianti di condizionamento, elettrici, gli ascensori, le misure di sicurezza(uscite, varchi, ecc..) i dimensionamenti di tutti i locali, costi costruttivi e stime di costi economici fututri. quantità dui utenza e personale, servizi per ognuno...
2 palle. E ancora con questo esame del c...o!
fra :
quoto elena, la verità è che chiunque di noi venga bocciato è ovvio che cel'abbia morte con questo esame di stato e con la sede dove lo ha fatto, ma anche se diamo per certa l'inutilità di questo esame il problema rimane sempre il doverlo affrontare ( e soprattutto superare). In Italia per il momento le regole, pur se sporche sono queste, non rimane che batterci sul loro campo di battaglia.oppure di andare all'estero...Ma avrebbe senso cmq lasciare questo paese a gente del genere? Io personalmente cerco di fare il mio lavoro al meglio e di crearmi una preparazione che non sia finalizzata a superare un mio collega ma semplicemente volta a fare il nostro lavoro in umiltà e serietà. Quindi lavoriamo duro per cambiare lo stato delle cose e soprattutto...teniamo duro. In Bocca al lupo a tutti i fortunati che devono sostenere l'orale!!!!!
boken :
Io sto ancora aspettando l'esito dello scritto. Per me è la prima volta!
simone :
boken...dove hai fatto lo scritto? che traccia hai fatto?.ciao
boken :
ho fatti gli scritti a Roma - Vallegiulia. Ho scelto come prova grafica la casa monofamiliare con annesso studio per architetti, mentre il tema (seconda traccia): immagina di intervistare un architetto, facendo domande sulla sua "opera" (si intende tutto il suo operato, ma qualcuno qui sul forum ha frainteso)
bia :
lasciando perdere quanto sia utile questo esame di stato, metodi etc, nn e`vero che esiste solo in italia, l`esame.c`e` una direttiva europea 85/384/cee che stabilisce chi puo`usare il termine "architetto" in europa.Ci sono paesi dove la professione nn e`protetta, tipo Irlanda e Olanda ma anche in questi paesi si sta cercando di indirizzare i committenti verso professionisti iscritti al rispettivo albo professionale..in irlanda l`esame e`tanto penoso quanto in italia. l`aspetto positivo di questi paesi e`che anche chi nn completa i 5 anni di scuola di architettura ma riesce a dimostrare che in circa 7 anni di professione abbia accumulato esperienza sufficiente nel settore, con commissione e progetti alla mano, puo`inoltrare richiesta all`Albo professionale, valido a quel punto in tutta europa. L`Italia in europa purtroppo ha voluto mantenere uno standard educativo alto il che significa che chi si laurea in in una scuola in olanda per esempio, puo venire in italia e chiamarsi architetto, chiedere l ministero dell`istruzione i certificati giusti che comprovino la validita dei suoi studi. L`italiano sfigato, senza l`esame di stato, nn esce, perche`la direttiva europea ti taglia le gambe.La storia di Meyer mi suona un po "mito"perche`questi studi di architettura generalmente si associano a studi della nazione dove hanno il progetto, nn si perdono con queste cose.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.