esame di stato a napoli

messaggio inserito domenica 29 febbraio 2004 da rokko

rokko : [post n° 16715]

esame di stato a napoli

C'e' qualcuno che abbia fatto l'esame orale(o che vi abbia assistito) e che mi possa sommariamente dare due dritte?
Io ho fatto il tema urbanistico (insediamento 300 abitanti -ed. economica e popolare).
Cosa chiedono?
Viviana :
Ciao Rokko!
Ho sostenuto l'esame venerdì ed è andato bene! (FINALMENTE!)
Posso relativamente esserti d'aiuto, dato che dovendo essere interrogata, non stavo certo lì ad immaginare a quale sorte andavo incontro dando ascolto a quanto si stava domandando. Comunque, in lina di massima,
la teoria di tutti è quella di prepararsi il più possibile il proprio progetto e possibilmente essere abili nel portarli verso cosa vorresti che ti chiedessero. La commissione ha interrogato 3 persone alla volta. Il presidente più che come si applica la normativa, chiede come aggirarla e cioè: come posso costruire qualcosa se il P.R.G. non me lo consente? (la risposta non era chiedere una variante al P.R.G., ma un tavolo di concertazione!); poi dovrebbe esserci un prof. di tecnologia, che chiede dai particolari (dall'aggancio della copertura all'elemento verticale -per la cassa armonica-; come è fatta la copertura della gradonata -per il tema relativo;), a qual è il M Max per una trave appoggiata con carico uniformemente distribuito, all'impianto di illuminazione della villa comunale. Forse, essendo stati 3 temi paraurbanistici, le domande hanno riguardato più l'edilizia pubblica e quindi: L. 109/94 -Merloni-, iter P.R.G, zone omogenee, piani urbanistici in generale (piani comprensoriali, piani paesaggistici, ecc.), la 494 e la 626, la 49/90 (se non vado errata o comunque una legge che ha a che fare con l'impiantistica -di cui io ero digiuna! ad esempio!!!) e, insistentemente, analisi dei prezzi (soprattutto come ci si deve comportare quando un prezzo non è riportato dal prezziario regionale).
Personalmente, avendo affrontato il tema della villa comunale, (nonostante i miei approfonditi studi sulle specie arboree, sul tipo di materiali della pavimentazione e sul modo di metterla in opera, su come sarebbe potuto essere un impianto di smaltimento delle acque bianche, e su un po' di storia del giardino pubblico!) mi è stato chiesto: come sono direzionate le fibre del legno nel legno lamellare -avendo pensato la struttura della cassa armonica in legno, appunto, e cosa mi aveva colpito della Merloni: ho provato a "raccontare" la legge, ma mi hanno subito interrota, volendo che puntualizzassi come viene pagato un architetto ai sensi della detta legge. Mi sembra tutto, in bocca al lupo
rokko :
Grande Viviana, sono contento per te.
E' inutile dirti quanto mi sia d'aiuto la tua testimonianza
dal momento che non potro' assistere agli esami (venendo da fuori mi sarebbe difficile).
Grazie mille.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.