un consiglio..

messaggio inserito giovedì 10 luglio 2008 da vero

vero : [post n° 167970]

un consiglio..

Buon giorno a tutti..Da gennaio 2008 emetto all'arch. per cui lavoro ricevuta con ritenuta d'acconto, (1000€ imponibile - 200€ rit. acc.= 800 netti).
Qualche gg fa ha scritto il suo commercialista ricordando a lui e di rimbalso a me, che la soglia dei 5000 € è stata raggiunta e che per questo sarò obbligata a fare la dichiarazione dei redditi. Poi continua con il dire che la legge non prevede un massimo di importo per aprire (farmi aprire) la P.I. e che sicuramente se prendo la P.I. ci sono meno problemi e che in caso di controllo potrebbero obbiettare il fatto che tutti i mesi io gli faccio una ricevuta per collaborazione occasionale a progetto di 1000 €.
Quello che vi chiedo è, in attesa di parlare con un commercialista, posso continuare per questo mese a fare la solita ricevuta pur avendo superato questa benedetta soglia dei 5000€? e se mi rifiutassi di aprire P.I per quei miseri 1000€ che tipo di rapporto devo instaurare con il mio capo? Grazie veramente di cuore
tonia :
non potresti perche' la legge parla chiaramente di una soglia max di 5000...proponigli di farti un contratto a progetto!
Vichy :
....il lavoro occasionale come risulti tu non può essere fatto per professioni di tipo intellettuale come le nostre, lo dice la legge biagi.
In ogni caso se superi i 5000 euro fai la dichiarazione e paghi il 23% dell'irpef sull'eccesso.
Con partita iva ti devi iscrivere ad inarcassa, con contratto a progetto l'inps invece te la paga lui....
fatti due conti!!! poi dipende se hai il timbro e ogni tanto fai lavori tuoi ti conviene partita iva, in caso contrario invece forse ti conviene il contratto a progetto.
ciao
vero :
Il lavoro che risulta è come disegnatore perchè non sono ancora abilitata alla professione.Grazie per le vostre risposte...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.