idea x lavoro part-time

messaggio inserito martedì 16 settembre 2008 da kitto

kitto : [post n° 173146]

idea x lavoro part-time

lavoro presso uno studio di arch dal lunedì al venerdì.
Smonto alle 18. Quindi potrei fare un altro lavoro dalle 18 alle 20 e il sabato intera giornata, ma cosa?
Qualche idea? possibilmente attinente all'arch.
grazie
sa :
prova a chiedere ad altri studi se hanno bisogni di sbrigare pratiche lasciate in sospeso o disegni veloci. Potresti proporti come collaboratore esterno occasionale. Fatti un giro negli studi della tua città e inizia a seminare e a fare amicizia con altri professionisti, prima o poi qualcosa ti passeranno.
Saretta :
Sì, anche perchè se finisci alle 18.00 in studio come faresti ad essere da un' altra parte alle 18??? Quoto quanto suggerito da sa!
kitto :
al netto smonto alle 17.30: tra semafori e viaggio sto a casa alle 18.
sa :
dopo le 18 puoi iniziare a lavorare a casa tua sul tuo computer alle pratiche che altri ti passeranno, io dico che è l'ideale!
kitto :
il punto è che dopo 8 ore passate davanti a un computer... vorrei cambiare aria. ci vorrebbe qualcosa da fare a contatto con la gente... e magari in piedi ;)
nico :
o la bara!!!
so benissimo le situazioni precarissime che ci fanno tendere a trovare altri lavori per sopravvivere ma l'unica soluzione al tuo problema è: trovare un lavoro pagato onestamente.
diversamente io non ho fatto che lavorare per 3 mesi dalla mattina alla sera (a volte notte compresa) e ti garantisco che non è vita.
comincia a mancare il tempo da dedicare a te stesso, ai tuoi cari e alle tue passioni........e cosa ben peggiore, cominci a lavorare sotto soglia e praticamente fai arricchire chi ti passa il lavoro.
ti capisco e ti comprendo ma se proprio un consiglio lo vuoi vattene all'estero, tutti i paesi della UE sono avanti a noi come tutela verso i lavoratori.
genny :
sono una dei tanti che valuta seriamente l'idea di emigrare...
in realtà xò....mi sto facendo un bel po' di calcoli economici...e alla fine dei conti....
quello che si guadagna da dipendenti all'estero, almeno x i primi due anni, nn è poi un gran guadagno visto che ti devi campare da solo, spesso in città molto + care di quelle in cui viviamo!
conti alla mano, con un po' di esperienze di giovani arch. all'estero che conosco..mi sto ricredendo...con mio grande rammarico xchè ci credo e ci ho sempre creduto nella possibilità emigrare.
senza contare che la crisi è palese e su tutti i telegiornali..
mi sembra che il numero di quelli che si arricchiscono sul serio si stia velocemente assottigliando.
kitto :
visto che conosci arch che sono emigrati potresti dire di che cifre stiamo parlando? quanto si guadagna e quanto costa la vita all'estero? per es. a Londra o a Parigi o addirittura in Svezia so che si guadagna bene, ma tutto ciò tradotto i soldoni che significa? 1000 eur al mese? 2000? 3000? e visto che hai fatto due conti quanto si spende per campare? quanto costa l'affitto? i generi alimentari? ecc. ecc.
P.S. tutte queste domande sono motivate dal fatto che non è così remota la possibilità che faccia il biglietto sola andata per chissà dove, ma come dici tu prima di partire bisogna farsi 2 conti...
nico :
certo che all'estero non ti fanno diventare ricco e le possibilità di esercitare da libero professionista sono scarsissime per il futuro.
tutto sommato da dipendente ci campi senza problemi, con dei contratti degni e gli stipendi sono al passo con il costo della vita.
il problema è trovare lavoro!
questo si risolve con umiltà, un po' di soldi da parte e un po' di coraggio.
si parte "sola andata" e si trova un lavoro da cameriere o simili. così almeno ci campi e impari la lingua! poi cominci a cercare da architetto e se proprio dopo un anno non trovi nulla torni.
male che ti vada avrai delle esperienze e saprai una lingua in più
genny :
nico, scusami tanto, ma se rileggi il tuo post ti renderai conto che l'hai prospettata ancora + buia di quanto dicevo io!
perdere...e scusami se ribadisco PERDERE un anno cercando lavoro a londra..lavorando da cameriere...partendo senza sapere bene la lingua....magari a 30 anni....ma via....è che è un esperienza?!
chi ha tempo da perdere e soldi da spendere prova questa strada! io nn me lo posso permettere!
senza contare che coi soldi da cameriere campi....vuol dire riesci ad arrivare a fine mese e mangiare...ma nn hai soldi nemmeno x prendere un treno ogni tanto e farti un giro...
x kitto: un architetto che lavora da + 2 anni prende l'equivalente di 12 € netti....peccato che la vita lì costi il quadruplo!
i vantaggi sono:
lì si progetta, nn si fa i caddisti
lì si può provare ad avviare un'attività in proprio con grosse agevolazioni
lì esistono ferie e malattie pagate e col tempo ti vengono riconosciuti gli anni di anzianità ed esperienza.
il problema grosso è CHE ORA C'è CRISI ANCHE LAGGIù!
e gli studi tendono a prendere architetti inglesi che per lo meno hanno esperienza con la burocrazia inglese..insomma prima si investiva molto sugli stranieri...ora meno..
nico :
dalle situazioni personali.
a 30 anni io lo farei ancora di andare via.
per 12 € netti l'ora.....circa 2000 € netti al mese senza straordinari......io lo farei!
imparando una lingua perfettamente io lo farei.
circa 400 pounds (500 €) per una camera mi sembra accettabile visto che roma costa lo stesso.
il costo della vita non è maggiore di quello di roma o milano.
con la ryan air che ti porta da tutte le parti a 50 € mentre qui in italia 50 € servono per fare in treno bologna roma.
bè, a costo di fare il cameriere (e si sta bene, visto che ho un amico che lo fa proprio a londra) io me ne andrei considerato che in italia sei fortunato se fatturi, con lo stesso CV, 800 € netti.
io ho esperienze dirette in spagna e si sta meglio.....maledetto il giorno che sono tornato.
se vai sul blog di vichy trovi i consigli di paola che vive a londra da 4 anni, ha iniziato a fare la cameriera, col passare del tempo ha cambiato lavoro e oggi vive di quello per cui ha studiato.
certo se vuoi diventare "ricco" l'estero è una remota possibilità ma l'italia fa ricchi solo quelli che stanno nel giro.....quindi se non sei di quelli è ora di valutare che forse esistono posti migliori di casa nostra.

senza criticare le tue opinioni genny ma oggettivamente se proprio uno non sta a casa con i suoi e non coltiva delle prospettive del "giretto dei furbetti" ma qua che ci sta a fare?
genny :
"il costo della vita non è maggiore di quello di roma o milano."
scherzi?!
scusa ma dove abiti? hai mai abitato a londra? io sì, e ci vuole un sacco di soldi nn solo x mangiare e dormire ma anche e forse, soprattutto, x spostarsi!
per di + una mia amica è italo-inglese vive a londra da una vita, laureata, fa la segretaria in un hotel..prende cifre che qui una segretaria manco si sogna e cionostante campa a fatica.
guarda......nn hai idea di quanto vorrei sbagliarmi....è un anno che cerco soluzioni x partire...ma quando mi fo due conti nn tornano mai....
in spagna....bhe forse è + di un anno che 6 tornato?! mai lette esperienze anche su questi blog sulla spagna?! hanno una recessione peggio della nostra da 4-5 mesi a questa parte....
della serie....ci sono equilibri economici mondiali che si stanno spostando e ogni paese ha i suoi pro e i suoi contro...ma nessuno è in un momento particolarmente florido....
quelli che, nel nostro settore, se la passano meglio sono in nord europa, norvegia, svezia etc (ps: ho un amico designer di oslo, cioè x farti capire che nn sono mai discorsi infondati i miei...ma si basano tutti su esperienze dirette).
nico :
in effetti sono stato a barcellona fino a due anni fa.
forse adesso le condizioni non sono come allora ma era prevedibile.
io dubito che a londra con 2000 € non si campi ma mi fido di te.
ergo la soluzione è: o restare qui in italia e sopravvivere con i nostri 800 € (con P IVA!!!) oppure prendere sto biglietto e tentare.
in ognio caso certo che una buona dose di fortuna bisogna averla
kitto :
lasciar stare le scelte estreme (almeno per me) e cercare di ingegnarsi: non voglio assolutamente ridurmi a lavorare di notte o cmq esagerare col lavoro, vorrei semplicemente sfruttare i tempi di cui sopra e invece di dare ripetizioni vorrei trovare un lavoro (esempio agente immobiliare, è solo un esempio) che leghi questo secondo lavoro con l'architettura: quindi vi pregherei di tornare a rispondere alla domanda iniziale. IDEE?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.