si, si tratta proprio di uno schiaffo

messaggio inserito domenica 28 settembre 2008 da PierPaolo76

[post n° 174485]

si, si tratta proprio di uno schiaffo

Io mi chiamo PierPaolo per cui è difficile non darti ragione. Ho ho concluso il corso sulla certificazione energetica pochi mesi prima dell'abolizione degli articoli più importanti e decisivi del Decreto 311. Insomma, ho speso 600 euro per niente. Il grosso della certificazione energetica era (non è)rappresentato proprio dalla certificazioni delle singole unità immobiliari. Il problema però è a monte, parte tutto dalla università. Quest'anno al Politecnico si sono iscritti più di 12.000 matricole tra ingegneri e architetti. Una bella entrata per il Politecnico. Qualcuno, però, si chiede che cosa faranno poi una volta usciti? No !!!, di questo non si preoccupa nessuno. Fanno pagare le tasse e in più, grazie al nuovo ordinamento, li spingono a fare degli stage negli studi professionali senza minimamente preoccuparsi dell'apprendimento in tali studi, con quale risultato: pagano le tasse universitarie per non seguire le lezioni e vanno a lavorare per non essere pagati. Il punto di partenza della crisi dell'architettura italiana sta proprio nel decadimento della formazione seguito da un decadimento della professione e non viceversa.
:
è vero! siamo in troppi! quando mi sono sicritta all'ordine il presidente nel discorso che fa ai nuovi iscritti ha detto: siamo troppi! l'unico modo per lavorare è specializzarsi! certo ma ormai il problema diventa anche questo...specializzarsi in cosa? anch'io puntavo molto sul risparmio energetico..ma tenendo conto delle ultime manovre di governo e la mancanza di normativa regionale in veneto (regione dove lavoro) adesso come adesso mi sembra un po rischioso come investimento! il problema delle facoltà è un po una reazione a cascata anche degli anni in cui architettura non era a numero chiuso! oltre poi al sistema universitario più recente di cui ho già scritto nell'altra bacheca!
:
Ciao pac linkami la tua discussione di cui accennavi,perchè sono curioso e voglio leggerla.
Comunque operi in una regione che a mio avviso insieme alla lombardia e all'emilia è una delle regioni che funziona meglio in Italia,pensa a chi opera altrove come me(puglia)...
:
[post n° 173713]
:
.. e devo dire che quando si parla dell'esame di stato come fosse infattibile, dopo aver visto su questo stesso sito molti esempi di esami di stato degli ultimi anni, mi son cadute le braccia. Premetto che non sono nemmeno laureato, mi mancano pochi esami e sto facendo la tesi, ma per quel che ho visto (fare calcoli urbanistici, oppure il computo metrico, oppure calcolare il bilancio di massa energetico di un appartamento) sono cavolate pazzesche.. spero che l'esame di stato sia così quando lo farò perchè lo passerò bendato e con una mano dietro la schiena, ammesso che sia ancora così.. ma una cosa voglio chiedervela: in cosa consiste la quarta prova?
:
mi sa che non ha proprio le idee chiare...e che sei troppo spavaldo in merito all'esame di stato!
le prove sono 3 scritte + orale! l'esame di stato va molto a fortuna oltre a quello che sai..perchè se ti capita un progetto che non hai mai affrontato..in 8 ore ti voglio vedere a fare tutto + relazione! ed inoltre per il tema (che è la terza prova) se capita un tema su cui non sai argomentare che fai? ah già ma tu sei così sicuro di te che qualsiasi cosa capiti la sai fare! in bocca al lupo (ma non ne avrai bisogno presumo!) e intanto pensa a finire univ!
:
...io ho parlato per quel che ho visto su questo sito, se ci sono esami piu difficili è un altro discorso, ma quelli presenti su questo sito li saprei fare anche adesso.. non è spavalderia, sarà che ho fatto esattamente le stesse cose nei laboratori (e sarà pure che a differenza dei miei colleghi li ho fatti tutti da solo invece di gruppi di 3 persone, quindi ho dovuto studiare parecchio e far tutto da me).. magari hai ragione e in realtà è piu difficile, spero di no.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.