Incremento lavoro

messaggio inserito mercoledì 25 marzo 2009 da dina

dina : [post n° 192702]

Incremento lavoro

Cari colleghi,l'angoscia è alle stelle.Come si può fare a incentivare il proprio lavoro?
Purtroppo a parte qualche piccola pratica non si riesce a fare niente.
I soldi non arrivano mai e se arrivano sono talmente pochi da non passare nemmeno per le mani.
A maggio c'è la prima rata di Inarcassa e se non mi pagano i clienti non penso riuscirò a pagare la seconda.
Ma come si fa?
I vecchi ingegneri che fanno fondazioni a pali a distanza di 1 metro per i consolidamenti vengono sempre chiamati da tutti, comprese le giovani coppie che mettono su casa e dovrebbero aspirare a qualcosa di più carino.
So che c'è crisi ma qui è questione di mentalità,l'architetto non serve e non lo vuole nessuno, tranne come ultima spiaggia.
Poi ci sono gli ingegneri, sempre loro,con cui dovresti svolgere dei piccoli lavori che essendo pieni di soldi e di mala volontà non li becchi mai per lavorare, prolungando i tempi e facendoli diventare lavori eterni.
Già son pochi i soldi in più sono lunghi i tempi provate a immaginare il risultato.
Ulteriore aggravante siamo in Sicilia.
E' per tutti così o sono io sfigata?!
Qualcuno ha dei suggerimenti per incrementare il lavoro?
Grazie
desnip :
Non ho nessun suggerimento da darti se non un forte abbraccio di solidarietà...
Quando scrivi "E' per tutti così o sono io sfigata?! " mi fai pensare alla me di qualche tempo fa.
Lo so che in questo momento non ti servirà a niente sentirtelo dire, ma vedrai che arriverà anche il tuo momento.
amapola :
forse in Sicilia è il regno degli ingegneri...a Roma e nel Lazio è dei geometri...ed è deprimente sentirsi sempre dire "ma perchè lo potevi fare anche tu? l'ho chiesto al geometra!"...ma l'importante è non mollare mai, soprattutto nei momenti in cui si vede tutto nero e ci si sente sfigati....e soprattutto, ho imparato che bisogna essere dei bravi "venditori" di se stessi!! Come dice Desnip arriverà il momento!! in bocca al lupo
nikosky :
il periodo è difficile per tutti, chi aveva tanto lavoro ne ha di meno, chi ne aveva poco ne ha ancora meno.
non c'è una soluzione se non quella di non stare li a pensare e a deprimerti...impiega il tempo dei pensieri nei concorsi e visto mai che ti ritrovi con un premio in denaro che ti risolva parte della questione.
questa è l'unica cosa che sento di consigliarti, puoi anche mettere le bandiere allo studio o andare in giro come sandwich per pubblicizzare ciò che fai ma senza il passaparola la vedo molto dura.
per uno studio medio/piccolo considera che un "avviamento" decente avviene in media dopo 4/5 anni, crisi o non crisi...
archi :
la depressione è comune e prima o poi passa, ma quello che mi preoccupa e' che tu non abbia messo da parte i soldi per inarcassa, le imposte prima di tutto a costo di mangiare pane e cipolla, anche perche se ti mandano un ruolo a casa con le varie spese interessi e balzelli vari paghi sempre il doppio
Archi-76 :
Molto semplice: smetti di chiamarti Architetto e sui biglietti da visita, il campanello del tuo studio ecc. scrivi bello grosso "GEOMETRA". Vedrai che il lavoro arriverà.
Scherzi a parte, io non mi presento mai come Architetto, lo dico solo se me lo chiedono esplicitamente.
Campanellino :
ciao Archi-76, cosa intendi dicendo che non ti presenti mai come architetto? In quali occasioni? Quando fai nuove conoscenze? Quando parli con tecnici ed artigiani? Quando ti arriva un nuovo cliente?
Archi-76 :
Ad esempio quando vado alle Fiere sull'edilizia se chiedo un preventivo come architetto mi fanno un prezzo (alto) se lo chiedo come costruttore me ne fanno un altro (basso).
Spesso nelle pubblicità conviene di più scrivere quello che si fa, piuttosto quello che si è. Ad esempio non scrivete a caratteri cubitali "Architetto", ma semmai "Si Eseguono Perizie" ec. ecc. anzi architetto non mettetecelo e basta.
lau :
ciao
il momento di crisi è x tutti, anche qui al nord!!!
Non c'è bisogno che tu non dica di essere architetto!!!!
Devi cercare in vari modi di farti "pubblicità" e far circolare la voce...in bocca al lupo! Devi mettere in conto alcuni anni di rodaggio....
Fra :
certo che finchè ci saranno anche gli arredatori (o interior designer) che sul loro biglietto da visita mettono "architettura di interni" e che fanno lavori per cui ci vorrebbe un tecnico (ma tanto loro non sanno o fingono di ignorare la dia...) la gente chiamerà loro invece che noi...
c'è una grande paciugata di competenze, si tratta di vendersi bene, quindi sul tuo biglietto da visita metti magari 3 competenze come progettazione di interni, di esterni, e altro che sai fare :(
dina :
Grazie a tutti per la solidarietà e le risposte date.
Per quanto riguarda il discorso di non farmi dare dell'architetto ormai è tardi in un paese piccolo lo sanno tutti.
Per quanto riguarda la previsione delle tasse da pagare fino ad ora sono riuscita a coprire ma ora visti i tempi in cui si viene pagati stanno per finire.Con quei soldi pago l'ordine (che non fa niente), le tasse e inarcassa, però ora siamo agli sgoccioli.
Gli ingegneri:non so più cosa dire su di loro, magari i neo laureati hanno gli stessi diritti nostri, ma i vecchi ignoranti...é tutta questione di mentalità se la gente ci va per farsi fare il progetto della nuova casa.
Grazie per la solidarietà mi avete fatto sorridere un pò.
A presto dina
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.