documento programmatio della privacy

messaggio inserito martedì 7 aprile 2009 da puntiglioso

[post n° 193924]

documento programmatio della privacy

salve a tutti che obbligo ha un architetto libero professionista nei riguardi documento programmatico della privacy?

lo deve fare il commercialista? ogni quando va fatto sono nel panico ho sentito parlare di multe per 20000 euro oltre che penale
:
Perchè tratti per caso dati sensibili tu?
Solitamente noi non trattiamo questo tipo di dato.
La redazione del DPS entro il 31 marzo di ogni anno è d'obbligo nei casi di cui all'art.34 della 196/2003. Nell'allegato B al punto 19 è specificato bene. Mentra all'art.4 della legge c'è scritto cosa sono i dati personali e quelli sensibili.
ciao
:
E' importante che tu lo faccia, le multe arrivano a 25mila euro non venti e c'è anche carcere.
Quando uscì la legge gli ordini tennero delle riunioni in proposito.Ti faccio un esempio: se estrai una scheda catastale senza autorizzazione e il proprietario ti denuncia vai dentro.
:
x leila
Quello che dici tu non c'entra una mazza con il discorso del DPS, quello a cui tu fai riferimento è l'infomativa che deve firmare il tuo cliente. Il DPS deve redigerlo solo se tratti dati sensibili. Siccome noi, "architetti", credo che non trattiamo infomazioni sulla razza, religione, appartenenza politica, idee filosofiche, malattie, vite sessuali, giudiziarie etc., siamo esonerati dal dover redigere entro il 31 marzo di ogni anno il DPS.
Se ti leggi bene gli artt. citati non puoi che riscontrare quanto ti ho già detto.
ciao
:
Hai ragione, ognuno si organizza lo studio come meglio crede, dillo al tuo Ordine che lavori così.
:
Al mio ordine come al tuo del DPS non gliene può fregare di meno se lo fai o no. Io ai miei clienti faccio firmare l'informativa per il consenso al trattamento dei dati personali. Poi se tu vuoi farti il DPS, fallo pure. Qui qualcuno ha fatto una domanda ed io ho risposto secondo quello che so in base alla legge, se poi c'è qualcuno che la vede in modo diverso può anche starci, ma tutto avallato da norme di legge.
C'è la finanza che dovrebbe fare le verifiche del caso. A tal proposito posso dirti che l'anno scorso sono stato presso la GdF e sul loro tavolo c'erano una montagna di pratiche di accertamento con: nome, cognome, indirizzo, P.IVA cod. fisc, etc etc, tipo di attività. Questo per legge non può verificarsi più, eppure nessuno di loro se ne fotteva una ........che chiunque potesse leggere.
buona giornata.
:
Si, hai ragione, non gliene frega niente a nessuno e non mi risulta che nessuno abbia mai fatto un controllo.
Però, io ragiono così e finora mi hanno dato ragione tutti: io faccio una stima per cliente privato per mettere un'ipoteca esempio,i dati sono sensibili e come,io ho l'autorizzazione a trattare i dati, benissimo, e quando finisco il lavoro che faccio? Butto tutto nel cestino? Noooo, io il lavoro lo conservo. Esatto, allora oltre al trattamento la legge che tu citi parla anche di conservazione ed accesso: e allora e lì che devi fare quelle 4 cose, ovvero il documento programmatico ovvero le password ai computer, chi detiene le password, chi fra i dipendenti può accedere a quei dati, come garantisci che chi entra nel tuo studio non si informi che stai facendo una casa all'amante del marito etc le cose che tu sai meglio di me insomma. A proposito anche a me è successa una cosa simile a quella che è successa a te negli uffici della finanza ma a me è successa in una banca.
:
Ho riletto in parte la legge. In effetti, al di là delle tue considerazioni, all'art.34/g della legge parla prorpio dell'aggiornamento del DPS in caso di dati personali trattati con struemti elettronici.
La cosa che mi ha sempre convinto del contrario è che nell'allegato B) si parla di obbligo DPS da aggiornare entro il 31 di ogni anno in caso di dati sensibili. Che poi un dato personale come l'indirizzo e.mail possa fare arrivare anche all'individuazione di un dato sensibile, anche questo è possibile.
L'ultima cosa. Rileggendo l'art. 34 lettere g) parla di un aggiornato DPS. Ma se nell'arco dell'ultimo anno non si sono verificati variazioni che motivo c'è di redigerlo ogni 31 marzo?
Cmq. ne ho imparata un'altra.
ciao
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.