libero profesionista?!?

messaggio inserito martedì 12 maggio 2009 da onutzah

onutzah : [post n° 197382]

libero profesionista?!?

ciao a tutti! sono un architetto laureato al estero, ke ben'o male lavora a milano da quasi 2 anni. Si come il mio contratto determinato sta per finire tra qlche mesi, sto pensando a come potrei org un lavoro come libero profesionista. Purtroppo nel mio paese le regole in quanto riguarda il albo sono un po diverse, e cosi ke un laureato dopo aver sostenuto la sua laurea, e obligato a fare un tironcinio di 2 anni prima di fare il esame di stato. io per es ho preso la mia laurea in 2007, il esame di stato lo dovrei fare qsto anno(se fossi rimasta acasa) pero lavorando in Italia penso ke l'iscrizione al albo qua sarebbe la cosa giusta. Adesso, leggendo tra varii forum ho capito che per lavorare come 'disegnatore' basterebbe aprirsi una PIVA che mi permeterebbe di emettere fatture per il lavoro svolto. La mia confusione sta nel fatto ke non riesco a capire come posso risolvere pure la questione del albo. Prima o poi dovrei iscrivermi , e per questo dovrei avere il esame di stato preso - cosa complicata perk nel mio paese il albo non riconosce la tipologia di contrattto che ho qua come tirocinio. In fatti mi sembra di essere bloccata tra questioni burocratici dei 2 paesi. Qualcuno mi potrebbe dare un consiglio? Potrei fare il esame di stato qua? Come ci si prepara? Grazie e scusate il messaggio troppo lungo
Ily :
se sei cittadino comunitario iscrivendoti a un albo italiano automaticamente dovrebbe venirti riconosciuta anche l'iscrizione all'albo del tuo paese.
archi :
ily non e' cosi poichè io per lavoro avevo bisogno di iscrivermi ad un albo di un altro pese comunitario e li mi hanno detto che essendo dal loro obbligatorio il tirocino di due anni e l'esame di stato non potevano ricorrere a deroghe poiche il titolo italiano autorizza a svogere la professione in italia e non dimostra la conoscenza delle normative dell'altro paese
x onutzah se vuoi iscriverti all'albo devi fare l'esame di stato in italia, per l'altro paese devi partire da 0
funny :
come disegnatore, quindi se nond evi firmare nessuna pratica, basta la partita iva specifica, mentre se vuoi fare l'architetto libero professionista con committenti tuoi e lavori da firmare devi superare l'esame di stato qui in italia, specie se nel tuo paese d'origine hai lo stesso vincolo.
dovresti verificare bene all'ordine della città in cui risiedi attualmente perchè a seconda dei paesi vi sono regole diverse che normano la professione riconoscendola altrove
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.