Benedetta crisi...

messaggio inserito venerdì 29 maggio 2009 da Fusilla

[post n° 199109]

Benedetta crisi...

Abbiate pazienza ma mi sento una pentola a pressione pronta per esplodere, pertanto scusatemi per l'ennesimo sfogo...
Siamo in periodo di crisi, ok... La gente fa fare i lavori e poi ti paga con comodo (siano privati che ditte che società e quant'altro...) quindi il succo è: bisogna tirare la cinghia. Ok.
Ma quel genio del titolare dello studio con cui collaboro cosa si inventa? Che bisogna lavorare di più perchè così ci sono più probabilità di incassare, al giro, qualche fattura in più. E fin qui, ok. Pertanto si espone chiedendoci allegramente di lavorare qualche ora in più tutti i giorni, più i sabati e le domeniche, ovviamente senza aumento di compenso, siamo in cirisi eh! Motivo? Lui ha fatto dei conti ed ogni mese ha parecchie spese: stipendi (inclusi il suo anche se prende la pensione), affitto dell'ufficio, rata dell'auto (ammiraglia di nota marca automobilistica teutonica), bolli, assicurazioni, luce, telefoni e leasing degli strumenti topografici (appena sostituiti con altri vecchi di forse due anni) e via di seguito... Allibisco! E io vengo a lavorare tutti i giorni per pagargli l'auto??? O il telefono??? Non credo proprio... Faccio notare l'incongruenza e mi sento rispondere "tu in cambio ti conservi il posto di lavoro!". Siamo veramente alla frutta ragazzi... Il mio compagno che fa l'operaio lavora fino alle 16 e guadagna quasi 3000 euro in più di me ogni anno....
Sono depressa, amareggiata e chi più ne ha più ne metta...
Scusate la lunghezza del post, non sapevo con chi sfogarmi...
:
Digli che:
1) hai la tua vita privata
2) a lavorare tutti i giorni si lavora male (più ore ma molto meno produttiva, quindi alla fine lavori meno)
3) non vuoi farti venire l'esaurimento nervoso
4) ti licenzia? Se sei a nero, vai a un sindacato e gli fai un mazzo così. Sei a partita iva ma puoi dimostrare di essere una dipendente? Idem con patate.
:
Mio padre, che pure era uno che lavorava tanto e nel suo campo era uno dei più esperti in Italia, diceva sempre: SI LAVORA PER VIVERE, NON SI VIVE PER LAVORARE.
Ricordiamoci che il lavoro non è tutto, nella vita, anzi.
Il tuo capo pensa di ricattarti in quel modo, ma tu non dargliela per vinta, fallo per tutti noi.
:
concordo con la collega incazzata. fate fronte comune voi collaboratori, lo schiavismo è stato abolito diverso tempo fa... (e te lo dice una che alla sua prima esperienza lavorativa, quindi ancora inesperta e tremebonda, per non andare a alvorare il giorno di natale e santo stefano, nonchè 1 gennaio, ha dovuto inventarsi di essere ammalata... e che in 9 mesi di collaborazione non ha fatto un solo giorno di ferie... inutile dire che la titolare invece faceva fior di vacanze pretendendo che in studio restassi io...)
:
Grazie della comprensione, ma stai tranquilla che io ho già deciso: ho deciso che il mio orario di lavoro da qui in poi sarà decisamente più stabile, 8 ore al giorno e fine della fiera. Si comincia da subito, ovviamente. Se ha bisogno di mantenersi delle balle viene lui a lavorare, altrimenti taglia le spese inutili (tipo il suo stipendio)!
Su questo non transigo, mi spiace!
:
mmm....no so a quanto ammonta il tuo stipendio...ma calcola che loro ci provano sempre con quella bellissima frase...per farti credere che ti hanno in pugno e che il lavoro te lo possono dare solo loro...invece bisogna darsi importanza...si tratta solamente di professionalità..che non significa svendersi. la qualità ha il suo prezzo!!
Personalmente non accetto le loro condizioni come ordini che mi vengono imposti...ma come ipotesi da valutare...con un atteggiamento del tutto professionale e completamente distaccato. Facendo così noto che vengono incontro e si comportano in altro modo, molto più rispettoso, come se non tutto gli fosse dovuto e facendogli credere che non siamo roba loro. Fidati che gli tremano le gambe , e che senza di te...si sente perso...perchè non è semplice sostituire una persona che già lavora a pieno regime...e conosce perfettamente lo studio dove lavora.
:
IO gli direi di investire in un bravo avvocato e cominciasse a recuperare i crediti che ha...invcece di fare gratis sta cosa....guarda tanto come stai e stai...stai male...io sono passata dall'altra parte della barricata (dopo 4 mesi di non fare NIENTE ogni giorno ed essere sempre puntualmente pagata a discapito della macchina, rate ecc) alla fine si è convenuto che, visto che non c'era ripresa non entrava manco mezzo lavoro, era meglio iniziare a cercare altrove ed essere nel caso chiamata a ore se ce ne fosse stato bisogno, ma continua a non essercene (visto che anche non c'erano lavori, quindi manco soldi quindi solo debiti in accumulo)....adesso cerco da un mesetto circa...e credo è il periodo più triste da quando lavoro...la gente mi dice cose tipo "sto chiudendo lo studio, non riesco a mantenere manco i miei interni, gente fissa non ne vogliamo chissà ti chimerò se avrò bisogno...." ecc ecc ...
la tua condizione è diversa perchè ho capito che vuoi dire si mantiene la bella vita a spese vostre, invece dove stavo io finchè ha potuto ha pagato me (e l'altro collega fino a gennaio)...perchè appunto l'imprenditore non sei tu...e se deve sapere gestire lui
:
...come ti capisco....e se pensi a me che se mi fermo e incasso tutto il dovuto....posso tranquillamente risvegliarmi nel 2011....pero' nel frattempo niente spese, niente weekend, niente vacanze, l'ammiraglia tedesca...la vedo in poster...etc. etc.....in piu' i clienti me li devo cercare col lanternino...e si nascondono pure....:)
:
questo problema, purtroppo lo si ha ovunque, studio piccolo o grande azienda. il succo del discorso è che finchè ti assumono come consulente non credo che si possano avanzare grandi diritti, lo stipendio arriva, se tutto va bene dopo 60gg, che poi diventano sempre 80 o 90. L'unica sarebbe farsi assumere da dipendenti, ma a me sembra che questo tipo di contratto, almeno nel nostro settore sia sempre più raro.
Credo che finchè non inizieremo a mandare a cagare sta gente, lasciandoli senza collaboratori da un giorno all'altro, non capiranno mai, magari troveranno un nuovo schiavetto, ma magari, al contrario, e ti assicuro che a me è capitato, ti chiameranno loro di nuovo e in quel momento sarai tu a dettare le regole.
Alla base di tutto, però bisogna sempre avere un contratto in mano per essere tranquilli, se sei in nero, i guai li passa il tuo capo, ma anche tu non sei esente da colpe....
In definitiva, siamo tutti sulla stessa barca...le condizioni di lavoro attuali sono pessime, io vado avanti sperando che cambi qualcosa.....Ah, dimenticavo, se vai in cantierem, non chiedere mai agli operai quanto prendono per le loro 6 ore al giorno, ti metteresti a piangere.....
:
Non è un problema di crisi per loro, la crisi la risenti solo tu, lui per niente visto i suoi sfizi e piaceri.L'unica che piange, a quanto pare, sei tu.
So che è difficile prendere ed andarsene specialmente se ci sono bollette, mutui e spese da pagare, ma il mio consiglio è NON FARE LA SCHIAVA PER NESSUNO,specialmente per questa gente.Fatti rispettare e poca confidenza.
In bocca al lupo di cuore.
ciao dina
:
Io me ne sono andata 1 mese fà dallo studio in cui lavoravo perchè vabbene che devo imparare ma se ti dico che mi servono 4 ore alla settimana per arrotondare lo stipendio che tu nn mi dai per pagare affitto, bollette, abbonamento e quanto altro...non puoi dirmi che sarebbe troppo complicato decurtare le ore che manco! ma soprattutto non puoi dirmi ke io nn posso prendermi le 4 ore ma che devo fare le nottate per i tuoi concorsi!!!!
Basta ragazzi! C'è un limite a tutto! A ns rischio e pericolo ovviamente...ma non si può sempre abbassare la testa e dire si padrone!
In bocca al lupo a tutti!
:
ciao a tutti!
Anche io sto cercando lavoro da un paio di mesi e non sto ricevendo nessuna offerta seria.
Siamo passati dall'offerta di stage non retribuito manco non avessi nessuna esperienza, a rimborsi spese per 3 mesi poi si vedrà con annesso trasferimento in un'altra città, al genere migliore quello che quando si accorge che non hai intenzione di lavorare per pochi spiccioli ti dice:le faremo sapre tra qualche giorno e mai più sentiti. Ma insomma! nessuno che si renda conto che il lavoro va pagato e che la serietà non è un optional? Ormai ne ho sentite di tutti i colori e la bile aumenta...
Comunque cerchiamo di non cedere a proposte umilianti e ricatti, finchè qualcuno sarà diposto a volantinare prima di poter addirittura fare uno stage (vedi offerta sul sito dell'ordine di milano) non potremo mai avere un qualsivoglia potere contrattuale.
:
scusatemi....ma in che città lavorate? perchè io mi trovo al sud, in puglia, e la situazione è davvero TRAGICA....
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.