come farsi pagare...

messaggio inserito venerdì 12 giugno 2009 da olè

[post n° 200437]

come farsi pagare...

Salve a tutti!siamo alle solite con i problemi di pagamento...è da più di tre mesi che vado dietro ad un lavoro svolto per una società. Si tratta di realizzazione di rendering per l'inserimento fotorealistico necessari per l'approvazione della soprintendenza. Dopo gli ennesimi cambiamenti, tutti effettuati non per miei errori o dimenticanze, ma per loro cambiamenti di idee, siamo arrivati alla parola DEFINITIVI!ho consegnato il cd con il lavoro svolto e il titolare della società mi ha chiesto di preparare la nota spese e la fattura. Alla spedizione della fattura, mi ha chiesto di dover attendere per le mie spese l'approvazione del progetto.Che fare?io ho intenzione di andare fino in fondo non attendo nulla voglio saldato il lavoro.che consigli mi date?
:
Se non hai nulla di scritto, l'unico consiglio che posso darti è di marcarli stretti e non mollare finchè non ti pagano.
Rompergli le scatole insomma...
:
e minacciarli pure? non posso pretendere che non usino il mio lavoro fin tanto che non venga pagato?
:
Nell'immaginario collettivo della nostra professione si viene pagati solo e soltanto quando il committente vede realizzati concretamete i suoi sogni!!! è assurdo dobbiamo opporci a questo barbaro sistema: il chirurgo plastico prima di sfregiarti si fa pagare anticipatamente e nn è responsabile di ciò che commette (infatti fa firmare un foglio di responsabilità).
Non ne posso più di sentire: "dobbiamo aspettare che il progetto venga approvato", oppure, "devo aspettare che mi pagano così ti pago"...mandiamoli a quel paese questi clienti! Il lavoro va pagato alla consegna oppure ci si para il cosidetto con un contratto valido per legge.
Saluti.
:
Quando dovrebbe essere saldata la fattura? 30, 60, 90, 180, 360, ecc. giorni?
aspetti i termini scritti sulla fattura e poi fai partire una ingiunzione di pagamento (però dovresti pagare un avvocato).
:
Appunto, cram. Per questo bisogna mettere qualcosa per iscritto quando si concorda una prestazione.
Poichè tutti abbiamo passato la fase di ingenuità iniziale (potrebbe essere il caso di olè) e non ci siamo parati in tal senso, non serve a nulla minacciare.
Serve da esperienza. ma ciò non vuol dire che non ci si debba far pagare. per esperienza personale, dopo una serie di casi negativi, sono arrivata a rompere, rompere, rompere, finchè si sono stufati di vedermi davanti o ricevere le mie telefonate. Ed è questo che ho consigliato ad olè.
:
grazie veramente tante ragazzi accetterò tutti i consigli, però voglio sottolineare una cosa: "verba volant scripta scappant...."
:
Probabilmente in questo caso oltre al contratto l'unica arma era la consegna del cd, e legarla almeno al ricevimento di una parte del compenso.
:
Ragazzi, avete tutti ragione ed io sono la prima che mi avveleno per questa prassi di pagare dopo mesi dalla fattura/prestazione, comunque il fatto è che il credito scarseggia e i lavori "girano" solo in questo modo : ti faccio lavorare però siccome non ho i soldi pagherò e quindi tutto slitta a catena. Io tra i vari miei clienti registro ormai come ordinari pagamenti anche dopo 14 mesi!! Importante è mettere su carta le scadenze di pagamento ma tutto lascia il tempo che trova, infatti per importo piccoli non conviene nemmeno una azione legale che alla fine costerebbe il doppio e quindi l'unica accortezza è cercare di fare lavori per persone che ci sembrano comunque un minimo serie e che prima o poi comunque pagheranno!
Sono voluta intervenire nella questione pur non essendo di mia competenza solo perchè lo sento un problema purtroppo comune
Ciao a tutti
Emanuela
:
Se lavori per altri:
- lettera di incarico e/o acconto iniziale
- saldo a fine lavoro
altrimenti non perdere tempo...

Se lavori per te:
- lettera di incarico e/o acconto iniziale
- saldo della committenza alla fine dell'opera
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.