concorsi pubblici

messaggio inserito lunedì 15 giugno 2009 da trilly

trilly : [post n° 200893]

concorsi pubblici

vorrei approfittare del forum x capirne di +:
qualcuno di voi ha provato a partecipare a concorsi pubblici per lavorare nelle P.A.?
escluso il dato di fatto che molti posti sono assegnati, lo trovo + un modo di "crearsi un contatto" che altro.
nel senso che cmq 6 inserito in una lista e conosco persone che sono state ripenscate per incarichi temporanei.
avete esperienze in merito?
le prove, pratiche e orali come vi sono sembrate?
l'aria che tira è simile a quella dell'esame di stato?
Fusilla :
Teoricamente se arrivi al fondo del concorso dovresti essere inserito in un elenco da cui poi dovrebbero attingere per eventuali futuri incarichi (sempre in ordine eh! se arrivi 8° sarai chiamato solo se i 7 prima di te rifiutano). Però a me non è mai capitato. Sono arrivata seconda in un'ente pubblico più di quattro anni fa ormai e mai sono stata chiamata.
Per contro tutti i concorsi a cui ho partecipato avevano già il vincitore designato, e si sapeva benissimo...
Siamo in Italia...
trilly :
grazie della risposta. sì lo so, i posti son quasi sempre assegnati..
cosa ti è capitato alle prove scritte? ti eri preparata molto prima dell'esame? o è stato sufficiente la pratica professionale?
Fusilla :
Ma guarda, dipende molto dall'Ente per cui fai il concorso... Quello in cui sono riuscita ad entrare in graduatoria era specifico per impiegato tecnico, per cui la prova scritta consisteva nel riprodurre un disegno in autocad (con determinati layer ecc) e poi stamparlo nei colori assegnati (tipo quel che è nuovo in blu, altro in giallo ecc). All'orale molto semplicemente nozioni sugli elenchi prezzi, indagini di mercato, ecc. Però conta che questa era un'autorità portuale, è diversa da enti come province, comuni, ecc
Nei Comuni e nelle Provincie è diverso e più difficile secondo me. Non so se è perchè tutti i concorsi che ho fatto avevano già il vincitore designato (collaboratore dell'ente da mettere in regola) o se sono tarda io, comunque... Di solito trovi due prove scritte o una generale, divisa in due parti: una o a quiz (argomenti citati nel bando, di solito leggi e decreti su ordinamento enti pubblici, nozioni sulla privacy, accesso ai documenti, e poi piani regolatori, espropri, pianificazione, ecc se fai per istruttore tecnico) o a risposta breve, e poi lo scoglio: la redazione di un atto tipico dell'amministrazione. Quest'ultima è per me la parte peggiore: come fai a sapere come si fa un atto pubblico se non hai mai lavorato in quell'amministrazione??? Motivo per cui agli orali non sono mai arrivata... Io onestamente libri di testo che ti spieghino come si fanno queste cose non ne ho mai trovati. Per cui qui non ti posso essere di aiuto, mi spiace.
Spero di esserti stata di aiuto!
Giuly :
Ciao trilly, io l'estate scorsa ho partecipato a due concorsi in due comuni (uno era per istruttore tecnico cat. C1 e uno per istruttore direttivo tecnico cat. D1) per l'area edilizia e urbanistica. In entrambi i concorsi il vincitore era già deciso (in uno era uno stra-raccomandato mentre nell'altro era un collaboratore ormai da quasi 10 anni), io però sono arrivata entrambe le volte seconda. Ora sono in graduatoria che durerà 3 anni da cui il comune banditore del concorso o altri enti che ne fanno richiesta potranno assumere per incariche a tempo determinato o inditerminato. A dirti il vero la pratica professionale non è abbastanza, nel senso che nei concorsi per gli enti pubblici vale poco la pratica (al massimo ti chiedono di dimostrare di saper usare il computer) e molto, invece, conta l'essere preparati nella normativa edilizia, urbanistica, amministrativa vigente (il che vuol dire conoscere le leggi a menaditi. Io ho studiato molto per sostenere questi esami anche se ero fresca di esame di stato). Le prove di solito sono 3, la prima consiste in test a crocette e a domande a risposta breve (per il C1) per il D1 si trattava di un tema. La seconda prova ha carattere teorico-pratico (in tutti e due i concorsi si trattava di cartografia, georeferenziazione e data base urbanistici). La prova orale sono 3-4 domande pescate a sorte. Il clima che ho trovato io non aveva nulla a che fare con l'esame di stato. Quella che ho riscontrato io è stata una grande professionalità e serietà.
trilly :
ciao giuly e grazie della risposta.
tu conoscevi già il gis?
io in realtà non lo conosco e sinceramente nn saprei da che parte rifarmi.
il tema su quali argomenti verteva?
Giuly :
Sì lo conoscevo già perchè avevo fatto uno stage nell'ufficio urbanistica del comune del mio paese.
Sul tema bisognava trattare le novità della legge urbanistica regionale.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.