PROBLEMI INARCASSA

messaggio inserito martedì 20 luglio 2004 da salvo1971

salvo1971 : [post n° 25225]

PROBLEMI INARCASSA

Salve a tutti,
ho bisogno del vostro aiuto.
Sono iscritto all'albo dal giugno 2002 e contemporaneamente ho aperto una partita IVA nella speranza di poter lavorare sia per concorsi e/o collaborazioni.
Il mio "amico" (sigh) commercialista nn mi aveva mai messo al corrente del fatto che dovevo pagare i contributi minimi INARCASSA pertanto mi trovo quasi due anni di arretrati.
Come devo risolverla questa situazione ?
Io abito a napoli , a chi mi dovrei rivolgere ?
Vi pare possibile che uno deve pagare i contributi pur nn lavorando ?
Come mi devo regolare in futuro ?
nico :
il mio consiglio è di mandare quanto prima una mail come quella che hai qui inserito al sito www.inarcassa.it cerca nuove iscrizioni etc e mi raccomando allega i tuoi dati sopratturtto nome - cognome e telefono dove farti recapitare......stai tranquillo sul fatto che i contributi per i primi tre anni di attività sono scontati e si paga in parte solo quello che fatturi......al commercialista inizia a dimezzargli la paga e vedi che la prossima volta torna in riga......la cassa ti manderà un modulo per regolarizzare l'iscrizione compilalo con il commercialista e portati il frustino almeno mlo punisci......buon lavoro
peppe :
hai fatto l'iscrizione alla Cassa? Perché se non l'hai fatto non devi pagare niente. Non mi risulta che l'iscrizione all'Ordine comporti un'automatica iscrizione all'INARCASSA.
salvo1971 :
IO nn mi sono mai inscritto in quanto sia all'ordine che il mio ex commercialista mi avevano mai messo al corrente della cosa.
Mi sono informato presso un altro commercialista e mi ha spiegato che l'inarcassa parte in automatico quando ci si inscrive all'albo e si è tenuto a pagare un contributo minimo obbligatorio di € 300 circa fino a 35 anni di età , mentre diventano 1090 dopo i 35 anni.
Tu sei sicuro che nn si deve pagare ?
Cmq nei prossimi giorni vado all'ordine e domanderò al responsabile inarcassa.
Morale lavori o sei disoccupato all'INARCASSA devi almeno 300 E l'anno.
Viva l'italia
Chiara :
Ha ragione il tuo commercialista, se hai la partita iva e sei iscritto all'Ordine DEVI anche iscriverti all'Inarcassa, altro che non pagar nulla...Segui il consiglio di Nico e regolarizzati in fretta. per i primi 3 anni si paga meno Ciiao
bx :
sì ti devi regolarizzare... anche se veramente anche a me risulta che dovrebbe partire tutto in automatico... se ti può consolare queste casse funzionano meglio di inps, quindi la pensione dovrebbe essre più sicura...
per i primi tre nni mi sembra la quota sia dimezzata, o quasi
Andrea :
essere iscritto all'Ordine non è vincolante all'iscrizione ad inarcassa
quindi se non sei iscritto ad inarcassa non devi pagare nulla
viceversa ti arrivano i bollettini da pagare
CHIEDI AL TUO ORDINE E VEDRAI CHE TI DIRANNO LA STESSA COSA
Andrea :
questo non significa che tu non ti debba iscrivere, anche perchè è la tua pensione.........
salvo1971 :
Speriamo che sia così... ma credo almeno leggendo lo statuto dell'INARCASSA che la cosa invece sia vincolante anche se torno a ripeterlo nn lo trovo giusto, poichè io posso anche scegliere un altro fondo pensionistico a mio piacimento.
Altrimenti che libero professionista sono ????
Stamane vado all'ordine e spero mi diano risposte concrete e veritiere.
bx :
non cerdo che tu possa scegliere un altro fondo... puoi prenderne uno integrativo, al limite.. ogni categoria ha degli obblighi previdenziali, noi abbiamo quelli... pensa cmnq anche al tuo futuro..
bx :
credo che sia obbligatorio solo in caso di partita IVA; se tu sei iscritto all'ordine ma non "professi" dovrebbe essere diverso
Chiara :
Essere iscritto all'Ordine non implica l'iscrizione ad Inarcassa, ma automaticamente se apri partita iva devi iscriverti e pagare, anche se x un anno non lavori...In regime di partita iva non puoi scegliere un altro fondo previdenziale, l'Inarcassa è obbligatorio, al limite come ti hanno già suggerito puoi farne uno integrativo...se invece sei solo iscritto all'ordine senza la partita iva puoi fare quello che vuoi.
Andrea :
fermi tutti!!!
guarda che essere a partita iva non vuol dire pagare inarcassa, vuole dire pagare l'iva
la pensione è un'altra cosa ed è meglio cominciare a pagarla d'accordo, ma non è vero che iva=inarcassa
mi pare che ci sia un po di confusione
ANDATE ALL?ORDINE A CHIARIRVI LE IDEE
Chiara :
Io NON ho MAI detto che l'iva e l'Inarcassa sono la stessa cosa,(e non ho bisogno di andare all'Ordine ad informarmi...ma forse solo di spiegarmi meglio); ho detto che se tu sei iscritto all'Ordine e ti apri la partita iva come architetto DEVI anche iscriverti all'Inarcassa! paghi l'una e paghi l'altra...invece se tu non sei iscritto all'ordine ma hai la cmq una partita iva (come disegnatore x esempio) ovviamente non paghi l'inarcassa (che è la cassa previdenziale degli architetti e basta), l'iva sì (ovvio) e puoi scegliere per esempio di iscriverti all'Inps...spero di essere stata chiara di nome e di fatto
delli :
non è che puoi scegliere di iscriverti all'inps se non sei inarcassa... sei obbligato a farlo: il contributo da versare è intorno al 14% di cui il 4% lo incassi in fattura (l. 335/95)
bye bye
Andrea :
scusa chiara non volevo offenderti
volevo chiarire una cosa:
non è vero che se ti iscrivi all'ordine devi automaticamente iscriverti a inarcassa!
è auspicabile farlo per pagarsi la pensione ma non è obbilgatorio
se uno non si iscrive non si paga la pensione e fine delle trasmissioni
mi sono spiegato ora
bx :
mi sai che sei un geometra.. i geometri pagano +4%, gli architetti +2%... cmnq a me inarcassa è arrivato automaticamnente una volta iscritta all'ordine con P IVA...
delli :
non sono un geometra ma prima di essere abilitata alla professione e di iscrivermi a inarcassa lavoravo con partita iva categoria "disegnatore tecnico" e versavo un contributo inps (dal 1995 con la legge 335/95) del 4% come anticipo di contributi, appunto, inps che "saldavo" poi in termini di ex740 nelle date solite (giugno e novembre)
i geometri hanno una loro "cassa" diversa dall'inps che, tra l'altro, a loro dire, è migliore di inarcassa tantè che i geometri professionisti che poi si abilitano architetti, di solito, non cambiano cassa di previdenza, anche se si iscrivono all'ordine degli architetti infatti fanno parcelle con contributo 4% ANCHE se sono iscritti all'ordine degli architetti
INOLTRE: se fate parcelle a architetti o ingegneri (anche loro inarcassa) non dovete mettere il contributo 2% perchè è acconto dello stesso ente previdenziale... PERO': se fate fatttura a arch. che mantiene cassa geometri.. allora applicate l'acconto 2 perchè la cassa di previdenza è diversa... non so se è tutto chiaro
bye bye
Chiara :
Certo nn mi offendo per qs...altrimenti chi vive+?
Cmq leggiti le risposte successive, e ribadisco il concetto: come dici tu, Inarcassa non è obbligatoria se ti iscrivi all'Ordine DEGLI ARCHITETTi(anch'io sono stata iscritta senza pagarla! perché non avevo partita iva e se lavoravo lo facevo in ritenuta d'acconto...) ma se ti iscrivi all'Ordine DEGLI ARCHITETTI e sei già in possesso di Partita iva, oppure se, dopo esserti iscritto all'Ordine, decidi di aprirtela (sempre la partita iva) automaticamente "scatta" anche l'Inarcassa...rileggiti il forum e vedrai che anche altri ti hanno spiegato così...Per i geometri non so bene come funzioni ma credo che Delli sia stata molto chiara. Buon lavoro e ciao a tutti
Chiara :
PS: qs dell'Inarcassa vale ovviamente se (in possesso di partita iva) non si ha già l'iscrizione ad un'altra cassa di previdenza (come per esempio, vedi messaggio di Delli, un geometra che si iscrive all'albo degli Architetti e mantiene la propria cassa previdenziale)...ri-ciao
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.