CONCESSIONE IN SANATORIA

messaggio inserito giovedì 15 dicembre 2011 da manuel

manuel : [post n° 278641]

CONCESSIONE IN SANATORIA

Ciao a tutti
ho un dubbio su una pratica.
In sostanza il mio cliente ha costruito una villetta di 2 piani nel 1980 e poi l'ha condonata. ora la vuol vendere e gli serve il titolo urbanistico definitivo.
Ho redatto tutti i documenti progettuali ed autorizzativi (zona vincolata) la sovrintendenza ha espresso il parere ok a seguito scavi, ma all'atto del rilascio della concessione definitiva il comune, mi ha dato parere negativo in quanto, il nuovo PRG non e' stato approvato, e in base al vecchio, per le zone in cui sorge l'immobile (agricole) altezze pari al mio fabbricato non sono consentite.
Ora, essendo loro i primi a indicarmi l'iter, sollecitandomi nella presentazione dell apratica (per riscuotere ovviamente a fare i pagamenti.. che sono stati effetttuati...) come devo comportarmi? esiste una via d'uscita secondo voi?
la situazione e piuttosto imbarazzante dato che ho gia percepito buona parte della parcella..... ed ora il cliente si ritrova con un pugno di mosche in mano...

Grazie

M
solidred :
beh ma se l'ha condonata e il condono è andato a buon fine serve fare altro? non so, cosa staresti facendo, un permesso in sanatoria?
manuel :
ciao e grazie della risposta. in sostanza l'ultia fase del condono, prevedeva dopo i pagameni delle oblazioni e l'autorizzazione dell'uce, il rilascio dal comune della concessione in sanatoria, che e l'unico stumento valido per poter vendere un immobile ex abusivo. A roma in particolare e pieno di immobilo condonati negli anni 80 ma per i quali nn e mai stata rilasciata la concessione (sulla quale credo si esprime il comune dopo l'ok dell'uce al condono)
in sostanza il mio immobile e condonato, ha pagato gli oneri, esiste al catasto (paga l'ici..) e legalmente svincolato da eventuali denunce, ma l'atto finale e il rilascio della consessione in sanatoria.. che per i motivi suddetti mi viene negata!!!
desnip :
Mi sembra una sciocchezza che ti esprimano questo diniego come se si trattasse di una sanatoria.
In tal caso capirei, perchè non ci sarebbero i requisiti, ma il condono è altra cosa e va in deroga alla normativa solita.
solidred :
io davo per scontato che avessi ritirato il permesso in sanatoria essendo un condono. Infatti tu non stai portando a casa un permesso a costruire in sanatoria ordinario diciamo, ma relativo al condono edilizio e pertanto non sussiste il riferimento alla doppia conformità cui farebbe invece riferimento la sanatoria ordinaria. Essendo un condono edilizio concordo con Desnip, tu vai in deroga a tutto, hai pagato, basta. Sono obbligati a concludere la pratica col rilascio del titolo, ci mancherebbe altro, se poi hai pagato tutte le rate e non han detto nulla, ora credo non possano tornare indietro. Anche perchè se fosse stato possibile fare l'altezza in più il tuo cliente non avrebbe fatto l'abuso e nemmeno il condono. Il condono prescinde dalle norme ordinarie, altrimenti che cavolo di condono è?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.