RISTRUTTURAZIONE ATTIVITA' COMMERCIALE

messaggio inserito domenica 7 ottobre 2012 da camy87

camy87 : [post n° 300396]

RISTRUTTURAZIONE ATTIVITA' COMMERCIALE

Salve, sono laureta in architettura ancora non abilitata mi è stato chiesto di progettare la ristrutturazione di un'attività commerciale privata di 100mq quindi cio di cui mi occuperò sono solo gli elaborati grafici (piante e 3d)che saranno poi revisionati da chi collauderà e firmerà il tutto!
Essendo fresca di studi e avendo pratica pari a zero vi chiedo...pronti gli elaborati grafici qual'è l'iter burocratico da seguire?meglio quali sono le tappe,i permessi da chiedere, quando presentare la DIA ecc...
all'uni queste nozioni pratiche e fondamentali non c'è le hanno fornite!!!(univeristà italiane)
grazie
vero :
..in quale comune??..perchè ad esempio a torino le presentazioni di di cil e scia sono solo telematiche...quindi se non sei abilitata e non sei tu quindi che presenti dovrai fornire tutti i tuoi elaborati alla persona che firmerà le pratiche...di conseguenza non dovrai rispettare particolari iter ma solo preoccuparti di redigere tutta la documentazione richiesta..e per questo dipende dal comune in cui operi..quindi o sul sito trovi la modulistica o fissi appuntamento con tecnico comunale.....
buon "lavoro"
desnip :
Voi "giovani" siete fortunati... (mi sento mia nonna).
Basta che fai una rapida ricerca su google e trovi facilmente l'iter da seguire per le varie pratiche. Anche a noi non ce lo insegnavano all'università, ma non avevamo questo fantastico mezzo.
Se poi preferisci, invece, poichè avrai bisogno di una persona che ti frima la pratica, visto che non sei abilitata, potrai farti insegnare da lei tutto il percorso, mentre tu lo eseguirai praticamente.
E ovviamente la parcella la dividerete a metà...;-)
paolo :
in che comune sei ?
ma devi predisporre tutto tu ? tavole grafiche, dichiarazioni, allegati ?
E chi firma cosa fa ? ha preso lui il lavoro e ti fa preparare tutto senza spiegarti nulla ?
la pratica dipende da che lavori di ristrutturazione fai (solo opere interne, etc), ma poi ci sono le eventuali pratiche SCIA per la variazione dell'attività commerciale (variazione merceologica o dei locali o di intestazione), le eventuali autorizzazioni asl (ci sono alimenti ?, è attività con rumore ?, è un seminterrato ?) o vigili del fuoco (controlla la categoria dell'attività sul sito dei vigili), le verifiche con la proprietà e il condominio...
Ogni comune e regione ha le sue procedure...
Poi le dichiarazioni e documenti per la sicurezza...e poi alla fine la variazione catastale (controlla subito come è dichiarata l'unità, sia in comune che al catasto...per evitare brutte sorprese alla fine).
In sintesi, potrebbe essere semplice o molto complesso...
Fatti aiutare e gira per gli uffici pubblici, si impara così...
auguri
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.