direttore lavori

messaggio inserito venerdì 12 ottobre 2012 da archiiunior

[post n° 300923]

direttore lavori

Salve colleghi,
potete spiegarmi le responsabilità della direzione lavori per committenza privata?
Io ho avuto il seguente problema:
innanzitutto premetto che sono progettista e direttore lavori.
Dunque: i clienti hanno prenotato una partita di parquet con le seguenti misure: listone da 1.9x0.13. In cantiere è arrivato invece una partita con 4 misure, ma purtroppo la bolla io non l'ho mai letta. Al momento di montare il parquet ovviamente si sono avuti dei problemi che hanno fatto tardare l'applicazione definitiva di una settimana. Vorrei sapere e capire quali sono le mie responsabilità? Io ovviamente ho provveduto a contestare il materiale, anche se era già da un mese in cantiere, ma purtroppo ho dovuto risolvere sempre in cantiere alcune problematiche che ha fatto sorgere il cliente perchè non ha assolutamente seguire le mie indicazioni. Inoltre avevo stilato un cronoprogramma, il quale è stato eseguito con tempi perfetti. Aggiungo le seguenti date: inizio cantiere 4 luglio, la fine salvo imprevisti era stata puntata per il 2 settembre. A ciò si sono aggiunte: 2 settimane di ferie da parte delle manovalenze anzichè 1, rientro del parquettista 2 settimane dopo il periodo previsto, 2 settimane in più di lavorazioni col pittore edile, fermo di 4 giorni ad agosto a causa del troppo caldo per l'applicazione della resina, ritardo da parte del levigatore. Poi infine si è aggiunta l'errata consegna del parquet, inoltre 3 giorni di fermo dei muratori per l'arrivo di uno scrigno. L'elettricista che lavorava dalle 18 alle 20 causa secondo lavoro, il cantiere era aperto da lunedì al venerdì, totale giorni lavorativi 45 ad oggi. Ditemi è spiegatemi dopo questo breve sunto, quali siano le mie responsabilità? Inoltre è giusto dirlo, per accellerare i tempi e risolvere qualsiasi problema ho fatto assistenza giornaliera. Entravo alle 7 del mattino e uscivo con l'ultima impresa del Dì.
:
scusa ma di cosa ti accusano? Il controllo del materiale entrante in cantiere lo fa il capo cantiere e non il dl. Unico errore che hai potuto fare a mio avviso è quello di stare TROPPO in cantiere assumendoti così responsabilità che non ti competevano. Il cronoprogramma lo fai una volta all'inizio se poi ci sono problemi di tempistiche è l'impresa appaltatrice che deve evidenziare tali problematiche. Attenzione a questi errori perchè in cantiere ognuno ha le sue di responsabilità e non conviene mai assumersene di ulteriori ...
:
@ ponteggiroma....come al solito d'accordo con te ma la parola: IMPRESA APPALTATRICE MI FA TROPPO SGANASCIARE DAL RIDERE....secondo me archiiunor l'impresa non l'ha proprio vista....chiamiamoli lavori in economia che forse è mejo!!!

cmq anche per me non hai nessuna responsabilità...nè dei tempi nè della consegna materiale (piuttosto il controllo lo doveva fare chi ha firmato la bolla!!)
:
"Entravo alle 7 del mattino e uscivo con l'ultima impresa del Dì"

Un errore grave, eri il d.l. o il tecnico dell'impresa?!
Una presenza così prolungata in cantiere incrementa le tue responsabilità, in caso di problemi "io impresa" farei presente che la d.l. ha supervisionato personalmente alla lavorazione oggetto di errore e questo potrebbe causarti un sacco di problemi;

Quindi da progettista fai un progetto a prova di bomba che lasci meno cose possibili al caso, come d.l. supervisiona brevemente giusto le lavorazioni critiche e basta, nulla di più, nulla di meno.



:
Grazie ragazzi, era il mio primo lavoro, volevo dimostrare di non appartenere a determinate categorie di d.l che non vanno mai o quasi in cantiere e si prendono il 10%, invece mi è finita ancor peggio. Grazie infinite.
:
Hai steso una lettera d'incarico? hai specificato i tuoi compiti? hai previsto che ogni variazione al progetto doveva essere trasmessa alla ditta con ordine scritto del DL avallato dalla committenza? Che cazzata è dirti che sei stato troppo sul cantiere. Seppure la ditta ti volesse coinvolgere nelle responsabilità di variazioni o materiali sbagliati in assenza di carte firmate la sua parola vale quanto la tua. Quindi, respingi in toto le accuse mosse! Il committente ha fatto variare il progetto e ora vuole dare la colpa a te? Bene, e tu rispondigli: "esiste un documento firmato da me che avalla quelle modifiche? NO! Ergo sono modifiche fatte a mia insaputa ed occultate al controllo, dolosomente, dalla ditta! Io non posso esserne responsabile! Il committente citi in giudizio la ditta ed tu al massimo potrai essere suo testimone contro la ditta!" Inoltre devi ancora fare la verifica finale dell'opera? questa deve essere condotta in contraddittorio dalle tre parti (tu, ditta, e committenza) in questo caso tu stendi verbale e rendi evidente le modifiche o difetti compiuti a tua insaputa e chiedi al committente se vuole sanarli (con lavori a danno della ditta), o condonarli attraverso penale applicata sul saldo dovuto alla ditta. Fai firmare a tutti il verbale e se si rifiutano lo invii tramite raccomandata A/R non usando la busta ma piegando in tre la lettera e chiudendola con due strisce di scoth sui bordi (pagherai un pò di più ma nn rischi che in una controversia ti dicano di aver ricevuto solo la busta vuota) Tu nn c'entri nulla!
:
per me ti sei presa beghe che non dovevi prendere, tipo accettare personale con doppio lavoro e poi per i materiali hai la responsabilità in quanto il DL deve predisporre un controllo sui materiali e cercare di essere capace di tradurre il progetto in uno di tipo esecutivo per i dettagli poi ti dico mi pare che l'impresa si sia presa gioco di te con i vari ritardi che le hai concesso, ti dico che sei stata troppo in cantiere per imparare e meno davanti alle carte che del resto hai predisposto ma non hai saputo fare rispettare. se ti chiedono i danni fanno bene, ma siamo in Italia e tutto andrà a tarallucci e vino anche se farai la causa.
:
aldilà del fatto che sono un lui.
Ho calcolato e ho fatto bene anche gli esecutivi.
Non mi sono fatto rispettare ne come progettista ne come DL.
Fanno bene a farmi causa?
Dovrei essere io a fargli causa per danni morali innanzitutto.
Ma stiamo scherzando? Egregio Silvan ma sicuro che fai questa professione?
1 l'elettricista era il loro
2 l'esecutivo era fatto quasi al millimetro
3 se il committente sbaglia l'ordine non è colpa mia
4 vorrei conoscere chi riesce a obbligare le manovalanze a farli lavorare dal 10 agosto al 20.
5 credo che rispetto a colleghi di mia conoscenza, senza offesa, ho dato il meglio che c'è.
6 stare troppo in cantiere per me è stato significativo, perchè impari a gestire le problematiche e capire come funziona il cantiere, anche se è una ristrutturazione, dato che è stato il mio primo cantiere.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.