riscaldamento a pavimento e polvere?

messaggio inserito giovedì 5 dicembre 2013 da desnip

[post n° 331075]

riscaldamento a pavimento e polvere?

In teoria questo tipo di pavimento dovrebbe ridurre la circolazione di polvere, visto che non ci sono i moti convettivi tipici dei radiatori.
Eppure, su un forum "femminile" ho trovato le sciure che si lamentavano come unico difetto della formazione di polvere. E vox populi, vox Dei...
Se avete esperienza diretta, che potete dirmi di questo aspetto?
:
L'altro giorno ho fatto questa domanda al mio idraulico: pro e contro del riscaldamento a pavimento. Lui mi ha risposto tutti pro unico contro che produce tanta polvere...
:
e perché di grazia dovrebbe "produrre" polvere? io ho avuto esperienza e sul parquet posato niente più e niente meno della polvere che hanno tutti in casa....forse proprio perché i moti convettivi non ci sono la polvere invece di rimanere a circolare nell'aria si posa sul pavimento e li rimane...ma credo che sia una componente abbastanza trascurabile.
:
@ Valy.. son convinto che l'idraulico veda tutti i pro del riscaldamento a pavimento.. è quello su cui ci guadagna di più :-)

io non sodo dotato del mitico riscaldamento a pavimento, ma la polvere è quella dell'ambiente, che si deposita e non si posa al pavimento, a causa del piccolo movimento dell'aria sulla superficie scaldante, e viene mossa dagli utilizzatori dei locali, formando quelle specie di batuffoli, che più pesanti si annidano sotto i letti e negli angoli... soluzioni sono il buon vecchio "olio di gomito", ovvero un particolare olio da passare sui pavimenti per renderli lucidi e splendenti, o quei robottini che fan su e giù e tengono pulito..
:
d.n.a.: l'idraulico in questione è un mio caro amico di famiglia, col quale non sono solita collaborare...mentre eravamo a cena con le rispettive famiglie gli ho buttato li sta domanda disinteressata, e quindi non credo che mi abbia risposto per poter prendere il lavoro... cmq dovremmo vederci nel fine settimana magari RISPOLVERO l'argomento e chiedo come mai :-)
:
Valy, sicuramente lui è stato onesto e disinteressato, mica metto in dubbio questo, nulla toglie che comunque ci guadagni di più col pavimento che con gli altri sistemi... se è il sistema più diffuso sul nuovo, ci sarà un perchè, giusto!:-) il perché è che è il miglior modo di riscaldare un ambiente oggi, con le modalità di costruzione ordinarie... ma tu prova a scaldare una casa tipo passiva con il riscaldamento a pavimento e poi ne riparliamo se è il miglior sistema!
:
@ d.n.a che problemi ci sono con la casa passiva?

@desnip anche io mi sto informando per un cliente, ma credo che quando viene "percepita" più polvere sia perchè con il riscaldamento a pavimento si ottengono degli ambienti meno umidi e quindi più polverosi (in un ambiente umido la polvere sta più attaccata alle superfici e si nota meno)...almeno questa è l'idea che mi sono fatta...
:
@ zaira ci sono problemi di regolazione e di gestione delle temperature, che influenzano notevolmente il confort e i consumi, oltre all'aspetto di mettere un impianto costoco, quando si ha fatto un involucro che si scalda con praticamente un ferro da stiro!!
:
zaira, interessante quello che dici.

d.n.a., visto che sei esperto: io non sono tanto propensa al riscaldamento a pavimento dalle mie parti (Napoli), a maggior ragione per le temeprature che abbiamo negli ultimi anni. Il riscaldamento radiante va tenuto acceso 24h, non so se alla fine c'è un effettivo risparmio. Tu che ne pensi?
:
secondo me ogni caso è a se. A Napoli probabilmente avete il problema del caldo più che del freddo! la questione del costo di esercizio, del confort, e del'utilizzo dell'edificio, sono spesso in disaccordo tra loro. qui al nord ti posso dire che il riscaldamento a pavimento è molto piacevole, ma come hai detto tu, va tenuto acceso h24, meglio con una regolazione climatica, che segua l'andamento delle temperature esterne, e con una caldaia che riesca a modulare molto verso il basso. i sofistici dicono che a parità di fabbricato e a parità di modo di viverci dentro, l'energia che devo fornire è sempre quella, quindi indipendente dal sistema di riscaldamento, per il resto è tutta questione di confort, che non è poco, ma difficile da quantificare in termini economici.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.