10 metri di distanza sempre e cmq?????

messaggio inserito mercoledì 6 agosto 2014 da vikika

vikika : [post n° 346109]

10 metri di distanza sempre e cmq?????

ciao a tutti!
sono qui per chiedere una conferma.... avevo anche trovato un post di qualche tempo fa su questo tema ma nn riesco più a rintracciarlo, quindi mi scuso se mi ripeto!
un probabile cliente vorrebbe costruire un box prefabbricato in prossimità della sua casa (abitazione semindipendente), la domanda è: deve rispettare i 10 metri dal fronte finestrato anche se si tratta della propria casa? e se invece facesse solo una tettoia, il problema della distanza rimarrebbe?
giulio :
Il codice civile (articolo 873) prescrive che le costruzioni realizzate su fondi confinanti, se non aderenti, devono essere poste alla distanza di almeno 3 metri (o alla maggiore distanza prevista dai regolamenti locali, emanati nel rispetto delle norme statali e regionali).

Il decreto interministeriale 2 aprile 1968, n. 1444 (articolo 9) tuttora vigente in forza dell'art. 136 del testo unico dell'edilizia (che ha fatto salvi i commi 6,8 e 9 dell'art. 41 quinquies della l. 17 agosto 1942, n. 1150), stabilisce le distanze minime tra fabbricati per le diverse zone territoriali omogenee.

Per i nuovi edifici è prescritta in tutti i casi la distanza minima assoluta di 10 m tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti. Nelle Zone C (parti del territorio destinate a nuovi complessi insediativi) è prescritta, tra pareti finestrate di edifici antistanti, la distanza minima pari all'altezza del fabbricato più alto.

Le distanze minime tra fabbricati tra i quali siano interposte strade destinate al traffico dei veicoli, inoltre, devono essere pari alla larghezza della strada aumentata, per ciascun lato, di:
- 5,00 m , per strade di larghezza inferiore a 7 m
- 7,50 m per lato, per strade di larghezza compresa tra 7 e 15 m
- 10,00 m per lato, per strade di larghezza superiore a 15 m

Sono ammesse distanze inferiori:
- in Zone A (centri storici) per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni. Le distanze tra gli edifici non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti, computati senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoca recente e prive di valore storico, artistico o ambientale.
- nel caso di gruppi di edifici che formino oggetto di piani particolareggiati o lottizzazioni convenzionate con previsioni planovolumetriche.

Il fatto che l'immobile limitrofo e il box abbiano lo stesso proprietario non credo abbia importanza perché la legge impone la distanza anche per permettere la circolazione d'aria. La tettoia è altra cosa la distanza può essere inferiore, a Napoli c'è un rapporto max tra la superficie del lotto e quella della tettoia.
Comunque queste distanze possono essere aumentate dai regolamenti comunali (edilizio e igiene)
vikika :
Grazie mille giulio! sei stato chiarissimo anche se purtroppo confermi il mio "presentimento"!
ultima possibilità è verificare per quanto riguarda le tettoie ma credo proprio che non cambi di molto la situazione!....
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.