Tirocinio/praticantato

messaggio inserito lunedì 13 ottobre 2014 da Archicerca

[post n° 349348]

Tirocinio/praticantato

Salve, sono un neolaureato in architettura non abilitato e volevo delle informazioni per quanto riguarda la formazione. So che il tirocinio/praticantato non è obbligatorio, ma qualora una ditta di costruzioni, non uno studio professionale, volesse darmi la possibilità di fare pratica come dovrebbe porsi verso di me a livello contrattuale? Devono o no mettermi sotto contratto e in caso affermativo con quale tipologia?
:
Siamo proprio alla frutta... "ma qualora una ditta di costruzioni, non uno studio professionale, volesse darmi la possibilità di fare pratica" .... la possibilità di fare pratica.. ca@@o ha un nome ... si chiama L A V O R O... e a livello contrattuale il lavoro, ha le sue varie forme di contratto a seconda del rapporto che si vuole instaurare tra titolare e dipendente.
è sbagliato l'approccio mentale.. non è una concessione, un dono che ti fa, per la quale magari dovresti pagarli pure.. tu fai il lavoro che sei in grado di fare, e loro ti pagano il "giusto" per quel lavoro.
:
Il tirocinio deve seguire una normativa piuttosto restrittiva. Non se ne sa molto, in più hanno deciso di farla più complicata, facendola a livello regionale. Qui trovi alcune informazioni per partire:
[p+A news: Tirocini-la-normativa-regione-per-regione-Indennita-da-300-a-600-euro]
Se invece stai parlando di un contratto di apprendistato, allora la questione è diversa, ed è ancora in fase di definizione.
[p+A news: Si-definitivo-al-decreto-Lavoro-addio-al-DURC-cartaceo]
:
ma scusa Archicerca, appunto perché il tirocinio non è obbligatorio perché vorresti farlo?!!! Hai finito il tuo ciclo di studi e adesso c'è il L-A-V-O-R-O come giustamente sottolinea d.n.a.
Se non gli garbi ti mandano via, se gli garbi ti tengono. Nessuno fa niente per niente. Solo un parente stretto o un caro amico di famiglia ti terrebbe a studio o in impresa se non sei produttivo.
:
Se si tratta di un "apprendistato" devono tassativamente farti un contratto di apprendistato, che in soldoni poveri è un modo per abbassarti di livello - scusa il linguaggio da C.C.N.L. ma sono figlia di operai - e di conseguenza pagarti molto meno rispetto al livello che ti dovrebbe essere attribuito come laureato per un contratto a tempo determinato. L'apprendistato regolare è attivabile fino al 29esimo anno di età.
Se invece si tratta di uno stage, per legge devi essere laureato da MENO di 12 mesi (se già sei a 12 mesi ed 1 mese sei fuori), hai bisogno di un ente proponente (normalmente è la tua università o nei casi di reinserimento lavorativo l'ufficio di collocamento, ma non mi sembra il tuo caso) e di un ente ospitante (l'azienda) e deve esserti corrisposta per LEGGE un'indennità mensile sulla base di quella stabilita da ogni regione.
Metti le carte in tavola informandoti maggiormente sulla base delle dritte che ti abbiamo dato e se fanno i difficili dicendo di no a queste due opzioni, mettiti in testa che non ti stai perdendo assolutamente niente perchè non ti offrono un tirocinio, formazione, la possibilità di fare esperienza o di imparare un mestiere: semplicemente ti stanno offrendo lavoro in nero non retribuito!
:
Ora ho un quadro più completo, grazie a tutti delle risposte, in particolare a gg e Arch&Cons che hanno recepito perfettamente la mia richiesta.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.