decreto del fare (D.L. 21/06/2013, n. 69)

messaggio inserito venerdì 31 ottobre 2014 da asc

[post n° 350593]

decreto del fare (D.L. 21/06/2013, n. 69)

Buona sera,
ho un problema con la verifica degli indici urbanistici per una ristrutturazione edilizia in provincia di Milano.
In caso di ristrutturazione edilizia, il decreto del fare prevede la possibilità di conservare gli indici urbanistici utilizzati all'epoca di costruzione dell'edificio esistente. Pare però, secondo il comune in cui sto' operando, che il PGT che riporta disposizioni differenti rispetto al sopracitato decreto, sia prevalente e che mi obblighi a verificare gli indici come disposto dal nuovo strumento.
Cosa hanno fatto a fare il decreto se è inapplicabile nei comuni che dispongono diversamente.
Mi servirebbe una conferma per capire se il comune può imporre disposizioni contrastanti con il decreto in questione fatto per rimettere in moto l'economia.
Grazie.
:
Asc, in Italia gli enti locali hanno potestà legislativa e le norme locali prevalgono, non "quando sono in contrasto", ma semplicemente quando sono più restrittive di quelle nazionali.
Es. classico, la legge nazionale dice che deovno esserci 10 m di distanza tra gli edifici. Se un comune decide che nel suo territorio devono essere 15, prevale sulla norma nazionale.
:
Grazie desnip,
speravo che un decreto con le finalità di quello in questione riuscisse ad imporsi sulle norme locali...
Saluti
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.