parcella rimozione abuso

messaggio inserito venerdì 28 novembre 2014 da leo

[post n° 352451]

parcella rimozione abuso

durante la preparazione di un altro lavoro, ho scoperto che uno dei fabbricati interessati ha una cubatura (7-9 mc) abusiva, questo abuso non mi permette di presentare la SCIA e cominciare i lavori che devo svolgere, ho verificato che questo corpo aggiunto non è sanabile e quindi su indicazione dello stesso uff. tecnico (Roma) mi accingo a demolire il manufatto tramite una scia per portarlo in una situazione urbanisticamente sana e procedere con i lavori. Le opere sono state preventivate da un'impresa nell'ordine di 800-1000 euro, è difficile per me valutare il compenso per questa pratica, indicativamente chiederei una cifra analoga a quella della impresa. Mi sapete consigliare?
:
Credo di non aver capito bene.
Ma il committente è lo stesso?
In questo caso presenterei un'unica parcella finale.
:
Hai ragione questo fatto lo devo spiegare, il committente primo è l'affittuario mentre il secondo è il proprietario, ho già una parcella per 2000 euro per il primo concordata, la proprietà ha difficoltà economiche e devo fare attenzione perché se non riesco a sanare il fabbricato il secondo lavoro non partirà mai, ecco perché sono un po' incerto, 800 euro per una scia con DL non è un compenso equo ma se chiedo 1500 rischio di bloccare tutto
:
Dovresti dirci anche dove ti trovi.
Gli onorari professionali non sono uniformi su tutto il territorio nazionale.
Comunque, anche se molti colleghi non saranno d'accordo, io penso che l'importo di una parcella non possa essere superiore all'importo dei lavori, sarebbe paradossale.
Volendomi sbilanciare, io penso che € 600 sia una cifra congrua.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.