info Partita Iva

messaggio inserito sabato 5 novembre 2016 da elebpm

elebpm : [post n° 389014]

info Partita Iva

Ciao a tutti!
Sono neolaureata in architettura, non ho ancora conseguito l'abilitazione..darò la prima prova a novembre: incrociamo le dita!
Da un paio di mesi lavoro in uno studio tecnico per il quale ho solo prodotto ricevute per prestazione occasionale in attesa di conseguire l'abilitazione e aprire partita IVA. Siccome però non posso continuare a lungo con le prestazioni occasionali, sotto consiglio della mia datrice di lavoro e del suo commercialista stavo pensando di aprire già la partita IVA con regime forfettario.
Quello che però mi chiedevo è: se apro ora (a gennaio diciamo) partita IVA con regime forfettario, nel momento in cui avrò conseguito l'abilitazione e potrò iscrivermi ad INARCASSA rimarrò comunque nel regime forfettario o cambieranno le condizioni? Non vorrei trovarmi a pagare di più solo per recuperare qualche mese...
Qualcuno potrebbe anche spiegarmi in parole povere la differenza tra avere una P.IVA con e senza abilitazione? Da quello che ho capito il regime forfettario per me al momento potrebbe essere molto vantaggioso, ma non vorrei trovarmi delle sorprese..
Spero di essermi spiegata :) Vi ringrazio! Ciao!
diana :
io la aprirei con regime forfettario solo dopo l'abilitazione.
Lorenzo :
In primo luogo ti do un suggerimento:
Non dare mai conto a quello che dice il tuo datore di lavoro. Scegli il TUO commercialista e fatti consigliare da una persona da te di fiducia non dal primo che capita.
In secondo luogo :
Diana dice bene. La P.IVA per svolgere l'attività di architetto aprila solo ed esclusivamente dopo aver conseguito l'abilitazione. Una volta iscritta all'ordine professionale, per esercitare ( e quindi firmare progetti) dovrai obbligatoriamente e congiuntamente aprire P.IVA e iscriverti a INARCASSA e infine attivare una RC professionale ( solo se pensi di firmare progetti).
Se non volessi seguire questa direzione ( che poi è l'unica strada per fare l'architetto) la tua alternativa è aprire una P.IVA come disegnatore, grafico o simile ( in base al codice ATECO scelto) e iscriverti all'INPS. Occhio che inps e inarcassa sono due enti differenti.
In Terzo luogo:
Se non pensi di superare i 5000€ di guadagni nell'anno, non aprire la p.iva perchè è solo un enorme spreco di denaro, tempo ed esaurimento nervoso (non credere a chi ti dice che il regime forfettario è più conveniente del 20% del sostituto d'imposta perchè poi a conti fatti ti ritrovi una barca di spese tra tasse, inarcassa, commercialista, ordine, rc professionale, aggiornamento professionale obbligatorio e menate varie se non pensi di guadagnare una cifra intorno ai 15000€ annui). RImani con la prestazione occasionale o the black way is the solution.


ArchiFra :
lorenzo, guarda che se è abilitata e iscritta all'labo NON può assolutramente fare prestazione occasionale. se vuole continuare con quelle, che rinunci ad abilitarsi e non si iscriva all'albo. punto.
non diamo informazioni sbagliate. può fare prest. occ. solo se fa cose che non c'entrano nulla con la professione, tipo la dog sitter o la colf, non certo stare in studio una volta che è qualificata come architetto
Kia :
Prima cosa: consigliati con il TUO commercialista perchè il SUO consiglia LUI per il meglio e non te.
Seconda cosa: la p.iva da disegnatore comporta versamenti di contributi in inps gestione separata che rischiano di essere soldi buttati a meno che tu non abbia magari fatto altre cose in precedenza soggette a questa contribuzione e quindi si sommano. Il consiglio è di evitare di sparpagliare contributi in più casse e di dedicarsi ad inarcassa se la tua idea è di esercitare la professione. Quindi io la p.iva la aprirei da architetto dopo l'abilitazione
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.