Barriere architettoniche

messaggio inserito giovedì 24 novembre 2016 da Marce

Marce : [post n° 389841]

Barriere architettoniche

Buongiorno a tutti!
Devo preparare gli elaborati grafici per il superamento delle barriere architettoniche di un edificio plurifamigliare con parti comuni.
Secondo il dm 236/89 e la LR6/89 è quindi necessario che siano soddisfatti i requisiti di accessibilità, visitabilità e adattabilità.
Per quanto riguarda la visitabilità è necessario poter accedere al soggiorno e ad almeno un bagno in ogni appartamento.
Ora...in questo bagno, devo posizionare da progetto i sanitari in modo che ci sia già lo spazio di accostamento, il maniglione, etc. o posso fare un progetto d'arredo a piacere del bagno e poi eventualmente modificarlo nell'adattabilità?
In un punto della legge poi c'è scritto che per visitabilità del bagno si intende la possibilità di raggiungere wc e lavabo anche senza rispettare gli spazi di accostamento. Ma come faccio poi a far uscire il disabile se non ci sono gli spazi di manovra necessari?!
Spero di essermi spiegata!
Grazie mille
gioma :
Da quanto mi risulta, negli edifici condominiali l'accessibilità deve essere garantita solo per gli spazi esterni e per le parti comuni mentre i singoli alloggi devono soddisfare il solo requisito della adattabilità.
Marce :
dal dm 236/89

3.4. Ogni unità immobiliare, qualsiasi sia la sua destinazione, deve essere visitabile, fatte salve le seguenti precisazioni:
a) negli edifici residenziali non compresi nelle precedenti categorie il requisito di visitabilità si intende soddisfatto se il soggiorno o il pranzo, un servizio igienico ed i relativi percorsi di collegamento interni alle unità immobiliari sono accessibili;
b) nelle unità immobiliari sedi di riunioni o spettacoli all'aperto o al chiuso, temporanei o permanenti, compresi i circoli privati, e in quelle di ristorazione, il requisito della visitabilità si intende soddisfatto se almeno una zona riservata al pubblico, oltre a un servizio igienico, sono accessibili; deve essere garantita inoltre la fruibilità degli spazi di relazione e dei servizi previsti, quali la biglietteria e il guardaroba;
c) nelle unità immobiliari sedi di attività ricettive il requisito della visitabilità si intende soddisfatto se tutte le parti e servizi comuni ed un numero di stanze e di zone all'aperto destinate al soggiorno temporaneo determinato in base alle disposizioni di cui all'art. 5, sono accessibili;
d) nelle unità immobiliari sedi di culto il requisito della visitabilità si intende soddisfatto se almeno una zona riservata ai fedeli per assistere alle funzioni religiose è accessibile;
e) nelle unità immobiliari sedi di attività aperte al pubblico, il requisito della visitabilità si intende soddisfatto se, nei casi in cui sono previsti spazi di relazione nei quali il cittadino entra in rapporto con la funzione ivi svolta, questi sono accessibili; in tal caso deve essere prevista l'accessibilità anche ad almeno un servizio igienico.
Nelle unità immobiliari sedi di attività aperte al pubblico, di superficie netta inferiore a 250 mq, il requisito della visitabilità si intende soddisfatto se sono accessibili gli spazi di relazione, caratterizzanti le sedi stesse, nelle quali il cittadino entra in rapporto con la funzione ivi svolta;
f) nei luoghi di lavoro sedi di attività non aperte al pubblico e non soggette alla normativa sul collocamento obbligatorio, è sufficiente che sia soddisfatto il solo requisito dell'adattabilità;
g) negli edifici residenziali unifamiliari ed in quelli plurifamiliari privi di parti comuni, è sufficiente che sia soddisfatto il solo requisito dell'adattabilità.

Quindi la visitabilità può non essere soddisfatta solo se NON ci sono parti comuni.....no?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.