Indagini solai immobile vincolato

messaggio inserito lunedì 20 febbraio 2017 da Enrica

Enrica : [post n° 393518]

Indagini solai immobile vincolato

Buongiorno a tutti,
devo fare un piccolo intervento su un immobile vincolato (bene di interesse storico artistico). Vorrei prima di tutto far fare delle indagini per verificare le condizioni dei solai, poiché in un punto si sta verificando un cedimento del pavimento, e poiché tra le altre cose devo fare un piccolo ingrandimento di un vano scala per sostituire la scala che al momento è poco agibile.
Non mi è chiarissimo da questo punto di vista l'iter da seguire.
So che devo consegnare alla Soprintendenza la documentazione per il nulla osta sul progetto. Tra i documenti devo consegnare, tra gli altri elaborati, anche eventuale rilievo delle carenze strutturali e progetto di consolidamento.
Quello che mi chiedo e non sono riuscita a capire è: anche per effettuare le indagini sui solai devo chiedere un nulla osta? O si può procedere liberamente?
Inoltre, pensavo di far svolgere tali indagini ad un ingegnere poiché non penso di avere le competenze per farle io. Dato che l'incarico è stato dato a me, come devo interfacciarmi con l'altro professionista? Gli faccio dare l'incarico dal committente, o devo incaricarlo io e pagarlo io una volta che avrò ricevuto il mio compenso?
Scusate se sono domande banali ma sono alle prime armi..
Grazie in anticipo
Kia :
si deve chiedere il n.o. "all'esecuzione di saggi propedeutici alla redazione di un progetto di restauro". Scrivi una breve relazione, fai documentazione fotografica, segni su una planimetria i punti dove vorresti fare i saggi.
Braian :
Condivido pienamente il commento di Kia. Serve il nulla osta anche per i saggi. Indica bene i punti dove intendi farli.

Braian
Kia :
la domanda di saggi puoi farla tranquillamente tu. Fai un sopralluogo con l'ing. e ti fai dire dove ha bisogno di fare i saggi, ma la pratica la presenti tu che sei architetto in quanto un ing. penso non possa manco presentare una pratica per saggi su immobile vincolato. Poi una volta fatti i saggi, farà lui una valutazione con relazione ecc.ecc. su quel che c'è da fare. Praticamente è una consulenza che ti serve per presentare il progetto di restauro. Consiglio di fare tu da tramite tra ing. e committente perchè comunque il cliente mi pare di capire è tuo, ma poi ognuno fattura per conto proprio. Vedo che facendo così in altre occasioni capitate (non per strutture ma per altre cose tipo perizie fonometriche per cui serviva un'altra professionalità) qui in studio si va bene.
Enrica :
Grazie mille per le risposte.
Quindi se capisco bene dovrei presentare alla Soprintendenza due richieste: la prima per i saggi, e una volta ottenuto il n.o. ed effettuati i saggi, la seconda richiesta per il progetto di consolidamento (oltre al progetto richiesto dal committente). E' corretto?
Per quanto riguarda la seconda domanda, quello che mi suggerisci Kia è di fare io da tramite (sì il cliente è mio) ma far fare comunque una lettera di incarico all'ing. direttamente dal committente. In modo che poi sia lui a pagargli la fattura. Giusto? Oppure posso fare un contratto di collaborazione tra professionisti? Ma in quel caso dovrei poi pagarlo io l'ing., no?
Kia :
si enrica, hai inteso giusto. Secondo me è meglio ognuno per sè. Servono due professionalità? si. Il cliente viene informato della cosa e paga i due professionisti. Questo per evitare che se se il cliente si sognasse di non pagare nessuno almeno non ci rimetti doppiamente tu avendo pagato il collega. Alcuni invece preferiscono pagare il collega che fa la consulenza e metterci un ricarico al cliente così ci guadagnano sopra. Per carità, non è vietato ma è una pratica che ad esempio il titolare dello studio per cui collaboro non usa perchè la trova "antipatica".
Enrica :
Grazie. Sì anche io preferirei evitarmi l'onere di dovere dei soldi all'altro professionista.
Per quanto riguarda la richiesta di n.o alla Soprintendenza ho capito bene, devo farne due? Una per i saggi e, una volta (e se) ottenuto, fare un'altra richiesta per il progetto?
Kia :
esatto.Prima n.o per saggi e poi n.o per progetto. In questa seconda pratica dovrai evidenziare il risultato dei saggi.
Enrica :
Grazie
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.